Riforma pensioni, ultime novità: 1 miliardo di fondi per pensioni precoci quota 41

Ultime notizie sulla riforma delle pensioni: nuovi fondi disponibili per migliorare il piano. Molti i vantaggi per pensioni precoci quota 41.

Riforma pensioni, ultime notizie - Nuovi fondi per finanziare le pensioni precoci quota 41. Vediamo tutti i dettagli e le ultime novità dal mondo delle pensioni.

Non manca molto all’approvazione della legge di Stabilità per il 2017 in cui dovrebbe confluire il piano di riforma delle pensioni.

In ballo ci sono alcune notizie interessanti: in queste ore si parla della possibilità di ottenere 1 miliardo di euro per iniziare a recuperare soldi che serviranno a migliorare la riforma pensioni.

Le novità riguardano le pensioni precoci quota 41, infatti ci sarebbe la concreta opportunità di avere a disposizione nuovi fondi per iniziare una sperimentazione di un anno su pensioni quota 41, pensioni quota 100 o minipensioni.

Ma cosa sono le pensioni precoci quota 41? È la possibilità di lasciare anticipatamente il lavoro dopo il raggiungimento di almeno 41 anni di contributi indipendentemente dall’età anagrafica.

E le pensioni precoci quota 100? Si tratta in questo caso di una proposta per anticipare l’età pensionabile per i lavoratori iscritti presso i fondi di previdenza gestiti dall’assicurazione generale obbligatoria (AGO).

Il Governo ha previsto una flessibilità maggiore nell’uscita consentendo la pensione anticipata, una delle ultime novità introdotte dalla legge che permette a chi vuole andare in pensione prima di usufruire dell’APE, detto anche anticipo pensionistico.

Oltre a questa proposta, per ora quella più accreditata e apprezzata, sono molte le novità dell’ultima ora sulle pensioni precoci. Vediamo nel dettaglio quali sono i vantaggi per le pensioni anticipate.

Ultime pensioni, fondi per pensioni precoci quota 41: ecco dove trovare i soldi

Il recupero di fondi del valore di 1 miliardo da investire nella riforma pensioni andranno a vantaggio delle pensioni anticipate quota 41 per cui si prevedono sperimentazioni volte a stabilirne la fattibilità. Ma da dove vengono i soldi?

Si potrebbe attingere ai 3,6 miliardi di euro presenti nel fondo dei lavori usuranti e in quello per il lavoro di cura. Altri due miliardi di euro sono fermi nel contributivo donna.

Si tratta di somme di denaro non spese e risorse inutilizzate che potrebbero essere investite nella previdenza con esperimenti sulle pensioni anticipate.

La richiesta di andare in pensione dopo 41 anni di contributi versati è grande, ma quali sono le difficoltà maggiori?

La paura è di restare immobili proponendo un semplice bonus contributivo, mentre la vera sfida sono le ricongiunzioni onerose per le pensioni che si auspica potranno essere gratuite.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories