Borsa Italiana oggi, 14 dicembre 2020: la settimana del Ftse Mib inizia sopra la parità

Luca Fiore

14 Dicembre 2020 - 17:40

14 Dicembre 2020 - 18:00

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Avvio di settimana sopra la parità per la Borsa Italiana oggi, 14 dicembre 2020. Sul Ftse Mib spiccano gli acquisti sui titoli del comparto industriale e sui finanziari. Spread in contrazione.

Borsa Italiana oggi, 14 dicembre 2020: la settimana del Ftse Mib inizia sopra la parità

Inizio di settimana in positivo ma lontano dai massimi per la Borsa italiana oggi in scia dell’avvio della campagna di vaccinazione negli Stati Uniti e in attesa che democratici e repubblicani trovino un accordo per il lancio del nuovo piano di stimoli.

Indicazioni positive arrivano anche dallo spostamento della deadline per l’accordo tra Regno Unito e Unione europea.

In corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa, l’eurodollaro quota 1,21299 (+0,18%) mentre il future sul Brent arretra a 49,3 dollari al barile (-1,22%).

Borsa italiana oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib, denaro sul comparto industriale

La prima seduta della settimana del Ftse Mib si è chiusa a 21.759,73 punti, +0,27% sul dato precedente, mentre lo spread è sceso di mezzo punto percentuale a 113 punti base.

Nel comparto industriale segnaliamo il +1,66% di Prysmian, il +1,56% di CNH Industrial e il +1,84% di Pirelli.

Bene anche i titoli del risparmio gestito (+2,3% di Azimut, +1,16% di FinecoBank) mentre gli istituti di credito, tonici per quasi tutta la seduta, nella parte finale hanno ridotto i guadagni (+0,9% di Banco BPM, +0,18% per Intesa Sanpaolo).

A spingere i finanziari è stata l’indiscrezione secondo cui le autorità europee starebbero valutando l’ipotesi di un tetto ai dividendi fino a settembre 2021 che permetterebbe alle banche più solide di pagare cedole fino al 25% degli utili.

Tonfo per le azioni Atlantia (-6,24%). Secondo indiscrezioni, la cordata formata da CDP, Blackstone e Macquarie avrebbe ridotto il valore di Autostrade per l’Italia a 7,5 miliardi di euro (contro gli 8,5-9,5 indicati in precedenza).

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib, FCA in rally, bene le banche

Alle 13 il Ftse Mib sale dell’1,28%, il Dax dell’1,27% ed il Cac40 guadagna l’1,16%.

Buone nuove anche dallo spread, in calo del 2,65% a 112 punti base.

La palma di top performer del paniere va alle azioni Fiat Chrysler (+3,43%). Bene anche il risparmio gestito (+3,08% di Azimut, +2,74% di FinecoBank) e gli istituti di credito (+2,59% di Banco BPM, +2,5% per Intesa Sanpaolo).

Più 1,25% per Eni. Il Cane a sei zampe, Shell, Chevron e Lukoil hanno pagato 1,3 miliardi di dollari per risolvere una controversia con il governo kazako sulla compartecipazione agli utili nell’ambito del progetto Karachaganak.

La performance peggiore sul Ftse Mib è appannaggio delle azioni Atlantia (-3,85%).

Future Wall Street: prevista apertura positiva

Piatti in chiusura di ottava, i listini USA dovrebbero aprire la settimana con il segno più: al momento il derivato sul Dow Jones registra un +0,81%, quello sullo S&P500 avanza dello 0,75% e il future sul Nasdaq sale dello 0,6%.

Aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib, azioni Leonardo sotto i riflettori

A Piazza Affari il paniere delle blue chip, il Ftse Mib, nei primi scambi passa di mano a 21.903,76 punti, +0,93% rispetto al dato precedente, mentre lo spread arretra di oltre un punto percentuale a 114 punti base.

In avvio il Dax segna un +1,01%, il Cac40 avanza dell’1,02% ed il londinese Ftse100 mette a segno un +0,31%.

Nei primi scambi le azioni Leonardo salgono del’1,7% dopo la notizia della firma di un un contratto di finanziamento per 200 milioni di euro con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI). Inizio di settimana decisamente positivo anche per Fiat Chrysler (+2,33%), Telecom Italia (+2,04%) e Pirelli (+1,81%).

La performance peggiore sul Ftse Mib è appannaggio delle azioni Atlantia (-3,78%).

Borse asiatiche chiudono in positivo

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, registra un -0,28%, il China A50 ha terminato con un +1,15% ed il Nikkei ha chiuso con un +0,3%.

Andamento simile per l’indice australiano S&P/ASX 200 (+0,26%).

Wall Street: chiusura di settimana in parità

La seduta di venerdì a Wall Street si è chiusa con il Dow Jones che ha segnato un +0,16%, con lo S&P500 che è sceso dello 0,13% e con il Nasdaq che ha terminato con un -0,23%.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories