Cosa succede in caso di terremoto durante il lockdown

La forte scossa di terremoto avvertita a Piacenza e al Nord Italia fa sorgere una domanda: come fare a rispettare le misure anti-contagio e il lockdown se c’è un terremoto? Vediamo cosa bisogna fare.

Cosa succede in caso di terremoto durante il lockdown

La scossa di terremoto avvertita questa mattina a Piacenza fa sorgere dubbi su cosa succede in casi come questi in piena emergenza coronavirus.

In una calamità naturale come il terremoto potrebbero diventare inutili le misure anti-contagio obbligatorie finora, la gente uscirebbe di casa in preda al panico e si creerebbero facilmente degli assembramenti. Cosa fare dunque?

Terremoto a Piacenza, molta gente in strada

Attimi di terrore questa mattina quando in tutto il Nord Italia è stata avvertita una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 attorno alle 11:42. Localizzata nel piacentino, che rientra tra le aree a rischio sismico basso, si è percepita anche a Genova e a Milano. Per quanto riguarda l’epicentro, l’INGV lo ha identificato a 6 km a sudest di Cerignale, in provincia di Piacenza. Il Paese non è molto l’ontano dal confine col Piemonte e dalla provincia di Alessandria.

La Protezione Civile regionale sta eseguendo le verifiche per quantificare i danni ma al momento non sarebbe stato segnalato nulla di particolarmente grave. Diversi i residenti che si sono riversati in strada come riportato dal sindaco di Cerignale, Massimo Castelli. In molti si stanno interrogando se le misure di sicurezza sul coronavirus debbano essere rispettate anche in questi casi.

Terremoto e lockdown: cosa bisogna fare?

Come si può rispettare il lockdown se si sta verificando un terremoto? L’istinto in questi casi dice di scendere in strada ma è chiaro che gli assembramenti e i contatti ravvicinati con le altre persone vadano comunque evitati. In Croazia il 23 marzo scorso le autorità hanno dovuto affrontare proprio questo problema, vista la scossa di magnitudo 5.3 avvertita nella capitale di Zagabria. Ai cittadini è stato chiesto di mantenere le distanze di sicurezza e di non formare gruppi.

La situazione più comune potrebbe essere quella di trovarsi nella propria abitazione durante un terremoto. Sul sito della Protezione Civile è presente un vademecum sui comportamenti da tenere se si è in casa: viene consigliato di ripararsi sotto mobili robusti, contro un muro interno, nel vano di una porta inserita in un muro portante o sotto una trave. È importante inoltre stare lontani da vetri che potrebbero frantumarsi (quindi finestre, specchi e quadri) e da librerie e mobili pesanti che rischiano di cadere.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories