Parnasi e la cena con Lanzalone e Giorgetti: “Questo governo lo sto facendo io…”

Il costruttore Parnasi intercettato parla di una cena con Lanzalone e Giorgetti: “Dobbiamo essere super-parati perché se ci vedono siamo fatti, eh...”

Parnasi e la cena con Lanzalone e Giorgetti: “Questo governo lo sto facendo io…”

Continuano a emergere importante novità dall’inchiesta sulla costruzione dello stadio della Roma che ha portato, nei giorni scorsi, all’arresto del costruttore Luca Parnasi mentre ai domiciliari è finito tra gli altri Luca Lanzalone, ora ex numero uno di Acea in quota Movimento 5 Stelle.

Nella informativa che i Carabinieri hanno trasmesso alle parti, in una intercettazione dello scorso 15 marzo Luca Parnasi parla con Luca Lanzalone di una cena da fare con Giancarlo Giorgetti, numero due della Lega, vantandosi poi con il suo commercialosta di stare in pratica facendo lui nascere il nuovo governo.

La cena con Lanzalone e Giorgetti

Le intercettazioni realizzate dagli inquirenti che stavano indagando sulla costruzione del nuovo stadio della Roma ci riportano al 15 marzo scorso, poco più di una settimana dopo le elezioni politiche del 4 marzo.

Il risultato del voto senza dubbio ha fatto piacere a Luca Parnasi, costruttore romano con l’abitudine di foraggiare in maniera assolutamente bipartisan tutto il fronte politico un po’ “come si faceva una volta”.

Intercettato mentre parla con il suo commercialista, Parnasi da indicazioni su una sorta di cronoprogramma dei pagamenti, citando la Lega e Eyu (forse una fondazione) e rimarcando come in pratica stesse facendo lui il nuovo governo.

Scusami, ma poi abbiamo qua altri 22.000 euro della campagna (elettorale, ndt), tu qui non hai messo le cose, la Lega ed Eyu... La Lega ed Eyu li paghiamo ad aprile, quindi... È solo di essere precisissimi, che in questo momento io mi sono ... Il governo lo sto a fare io, eh! Non so se ti è chiara questa situazione!

A chiarire meglio la cosa c’è quindi un’altra intercettazione, dove Parnasi parla con Lanzalone di una cena alla presenza anche di Giorgetti da organizzare però con la massima cautela.

Dobbiamo essere super-parati perché se ci vedono siamo fatti, eh..

Il costruttore romano quindi si è adoperato per organizzare una cena, top secret, con Luca Lanzalone (uomo di fiducia del Movimento 5 Stelle) e Giancarlo Giorgetti (autentico deus ex machina della Lega).

Nel colloquio tra i due, Lanzalone vanta di avere contatti costanti con Luigi Di Maio “lo vedo tutti i giorni, lo sento tre volte al giorno..”, mentre Parnasi parla di una Lega che si è fidata di lui “in tempi non sospetti”.

In effetti l’imprenditore capitolino ha rapporti con la Lega fin dal 2015, con un’inchiesta de L’Espresso che ha svelato come Parnasi abbia elargito tramite una libera donazione in totale 250.000 euro alla onlus Più Voci, vicina al carroccio, che poi avrebbe girato i soldi a Radio Padania e alla società che è editrice del quotidiano online Il Populista.

In attesa che arrivino altri sviluppi da questa inchiesta scottante, quello che parrebbe emergere è una sorta di “metodo Parnasi”, con quelli che dovrebbero essere i protagonisti della Terza Repubblica che non sembrerebbero molto diversi da quelli della Prima e della Seconda.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Giancarlo Giorgetti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.