La Grecia ora riapre ai turisti italiani: chi può andare e le regole da seguire

1 giugno 2020 - 10:16 |

Dopo aver inizialmente messo l’Italia in una sorta di black list, la Grecia dal 15 giugno riapre ai turisti nostrani ma quelli provenienti da Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna dovranno passare una settimana in quarantena.

La Grecia ora riapre ai turisti italiani: chi può andare e le regole da seguire

Gli italiani potranno tornare a fare le vacanze in Grecia, ma saranno diversi i paletti per chi atterra proveniente da aeroporti situati in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna.

Inizialmente però il nostro Paese infatti non era presente dell’elenco delle 29 nazioni a cui Atene ha deciso di riaprire i propri confini a partire dal 15 giugno.

Dopo l’indignazione del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, Atene è tornata su suoi passi ma non mancano le polemiche tanto che il governatore veneto Luca Zaia ha parlato di “mancanza di rispetto, ci trattano come degli appestati”.

Dal 15 giugno chi arriva in Grecia da voli provenienti da Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna, zone queste segnalate dall’Easa, sarà portato in hotel dove farà il test e passerà una settimana in quarantena; se poi dovesse risultare positivo scatterebbe l’isolamento controllato di due settimane.

Per gli italiani invece provenienti da Regioni differenti ci saranno dei test a campione, con le restrizioni per Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna che dovrebbero cessare il 1 luglio a meno di ulteriori comunicazioni.

Grecia: le regole per i turisti italiani

Inizialmente il ministro del Turismo greco Harry Theoharis aveva ufficializzato, dal 15 giugno, il via libera degli arrivi soltanto da questi Paesi: Albania, Australia, Austria, Macedonia del Nord, Bulgaria, Germania, Danimarca, Svizzera, Estonia, Giappone, Israele, Cina, Croazia, Cipro, Lettonia, Libano, Nuova Zelanda, Lituania, Malta, Montenegro, Norvegia, Corea del Sud, Ungheria, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Finlandia.

Come si può vedere, oltre che l’Italia all’appello mancavano anche Francia, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti, tutti Paesi falcidiati dal coronavirus, mentre è presente la Corea del Sud che di recente è tornata al lockdown per una seconda ondati di contagi.

Secondo i piani della Grecia, dal 15 giugno i turisti potranno arrivare soltanto con voli diretti che dovranno atterrare ad Atene o Salonicco, con i vacanzieri che saranno sottoposti dei test a campione al momento del loro arrivo.

Situazione differente invece per chi chi arriva da Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna.

Queste infatti sono le aree italiane segnalate dall’Easa, l’Agenzia europea per la sicurezza aerea, con i turisti che al loro arrivo saranno accompagnati in un hotel designato dove passeranno una settimana in quarantena, che diventerà di 14 giorni in caso di positività al coronavirus.

Per tutti gli altri italiani invece ci potranno essere solo dei test a campione, mentre dal 1 luglio dovrebbero cessare le restrizioni anche per chi arriva da Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories