INPS: Artigiani, Commercianti e Gestione Separata: le aliquote 2016

In aumento nel 2016 l’aliquota previdenziale per artigiani e commercianti. E’ stata invece bloccata per un anno l’aliquota gestione separata Inps 2016.

Le aliquote contributive per gli iscritti alla Gestione separata Inps e per artigiani e commercianti sono percentuali che vengono fissate dall’Inps in accordo con il Governo e che riguardano gli iscritti alle due gestioni.
Tali percentuali servono a determinare la spesa sostenuta per il versamento dei contributi obbligatori previdenziali da parte degli appartenenti alle categorie di riferimento.
Alle aliquote che vengono individuate di anno in anno va inoltre versato un ulteriore 0,72% che serve a finanziare in favore degli iscritti le tutele relative alla maternità, agli assegni per il nucleo familiare, alla degenza ospedaliera, alla malattia e al congedo parentale.
Vediamo di seguito le aliquote 2016 che riguardano gli iscritti alla Gestione separata Inps e gli artigiani e commercianti.

Aliquote Gestione separata Inps 2016: 27% per i professionisti
La Legge di Stabilità 2016 ha bloccato l’aliquota 2016 per i professionisti al 27%.
L’articolo 14 del provvedimento ha infatti predisposto la proroga per un anno del blocco dell’aliquota per gli autonomi iscritti alla gestione separata Inps: il blocco interessa quindi i lavoratori autonomi, i titolari di posizione fiscale ai fini IVA, gli iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria né pensionati.
Per questa categoria di soggetti l’aliquota 2016 della Gestione separata Inps è al 27%.
In base a quanto era stato predisposto dalla Legge Fornero, invece, l’aliquota per i professionisti iscritti alla gestione separata Inps avrebbe dovuto subire un aumento proporzionale fino ad arrivare al 31,72% nel 2016.
Aumento che, per effetto di quanto predisposto dalla Legge di Stabilità 2016, è stato al momento rinviato.

Aliquote Gestioni Artigiani e Commercianti 2016 al 24%
Per quanto riguarda, invece, le aliquote relative al 2016 che interessano gli iscritti alle Gestioni Artigiani e Commercianti, le stesse risultano in aumento rispetto al 2015.
L’aumento si è avuto per effetto di quanto predisposto all’articolo 24, comma 22 del D.L. n.201/11, che ha stabilito che dal 1° gennaio 2012 le aliquote contributive pensionistiche riguardanti i lavoratori artigiani e commercianti iscritti alle gestioni autonome dell’Inps venissero incrementate prima di 1,3 punti percentuali e successivamente di 0,45 punti percentuali ogni anno fino a raggiungere il 24%.
In base ai disegni di legge finora presentati, dunque, l’aliquota contributiva di riferimento per gli iscritti alle Gestioni Artigiani e Commercianti per il 2016 è al 24%.
L’aumento dell’aliquota degli artigiani e commercianti e il blocco di quella dei professionisti serve anche per cercare di equiparare la posizione di entrambe le categorie: trattandosi in entrambi i casi di lavoratori autonomi, infatti, non sembra giusto che la categoria di coloro che sono iscritti alla Gestione separata Inps sia penalizzata.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.