Evasione fiscale: Italia, dove si evade di più? Ecco la mappa dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha suddiviso l’Italia in 8 grandi aree in base al rischio evasione. Scopri in quale area si trova la tua città

Uno studio svolto dall’Agenzia delle Entrate guidata da Attilio Befera ha suddiviso l’Italia in 8 macro aree in base al “rischio evasione”. Ogni area possiede un nome particolare e le città in essa contenute sono state raggruppate in base a 36 parametri che le rendono a “pari o simile” condotta fiscalmente lesiva.

L’analisi ha permesso la creazione di uno strumento chiamato DB Geo (Data Base Geomarket) che individua e stima i comportamenti nelle varie aree.

Lo studio ha lo scopo di capire i bisogni dei contribuenti e pianificare il giusto modo di amministrare le singole realtà territoriali, istituendo un approccio differenziato e ad hoc in base alle necessità riscontrate.

8 aree
Le 8 aree sono state individuate sulla base di 7 aree tematiche formulate grazie a ipotesi teoriche “a priori”.

Le aree tematiche sono: dimensione del bacino, pericolosità fiscale, pericolosità sociale, tenore di vita, struttura produttiva, tecnologia e servizi, infrastrutture di trasporto.

Le seguenti aree tematiche hanno permesso poi di selezionare 36 diverse variabili utilizzate nel calcolo effettuato tramite algoritmi di cluster analysis per unire le DP in gruppi.
Ecco le 36 variabili:

Questi calcoli hanno consentito di creare 8 gruppi basati su due considerazioni:

  • all’interno di ogni gruppo ci deve essere massima somiglianza tra gli elementi;
  • ogni gruppo deve differenziarsi il più possibile dagli altri.

Le aree individuate sono state così denominate:

  1. Metropolis: Medio – Alta Pericolosità fiscale;
  2. Gli equilibristi: Media pericolosità fiscale;
  3. Niente da dichiarare: Alta pericolosità fiscale;
  4. Rischiose abitudini: Media pericolosità fiscale;
  5. Stanno tutti bene: Bassa Pericolosità fiscale;
  6. L’Industriale: Bassa pericolosità fiscale;
  7. Non siamo angeli: Media pericolosità fiscale;
  8. Rischio totale: Alta pericolosità fiscale.

Mappa e città
Ecco la mappa delle 8 aree in cui è stata suddivisa l’Italia:

Ecco la suddivisione delle città all’interno degli 8 gruppi:

  • Metropolis: Roma e Milano.
  • Gli equilibristi: Arezzo, Ascoli Piceno, Asti, Chieti, Ferrara, L’Aquila, Macerata, Novara, Perugia, Pesaro e Urbino, Teramo, Terni, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Viterbo, Fermo.
  • Niente da dichiarare: Avellino, Benevento, Campobasso, Enna, Isernia, Matera, Nuoro, Oristano, Potenza, Rieti e Ogliastra.
  • Rischiose abitudini: Grosseto, Imperia, La Spezia, Latina, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Rimini, Savona.
  • Stanno tutti bene: Aosta, Belluno, Biella, Bolzano, Como, Cremona, Cuneo, Forlì-Cesena, Gorizia, Lecco, Lodi, Mantova, Modena, Parma, Pavia, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rovigo, Siena, Sondrio, Trento, Udine.
  • L’industriale: Ancona, Bergamo, Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Padova, Torino, Treviso, Trieste, Varese, Venezia, Verona, Vicenza, Monza e della Brianza.
  • Non siamo angeli: Bari, Cagliari, Catania, Messina, Palermo, Sassari, Siracusa, Taranto, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano e Olbia-Tempio.
  • Rischio totale: Agrigento, Brindisi, Caltanissetta, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Foggia, Frosinone, Lecce, Napoli, Ragusa, Reggio, Calabria, Salerno, Trapani, Vibo Valentiae Barletta-Andria-Trani.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories