Decreto salva-banche, pronte le class action: associazioni dei consumatori sul piede di guerra

Il decreto salva-banche ha distrutto i risparmi di 130.000 famiglie. Le associazioni dei consumatori stanno preparando delle class action per salvaguardare i risparmiatori.

 Decreto salva-banche, pronte le class action: associazioni dei consumatori sul piede di guerra

Il Codacons insieme ad Adusbef e Federconsumatori stanno preparando azioni legali volte a salvaguardare i risparmi delle 130.000 famiglie che hanno visto dissolvere i loro soldi grazie al decreto salva-banche.

Il Codacons sta preparando una class action contro il decreto varato dal Governo per salvare 4 banche italiane: banca Etruria, Cassa di risparmio di Chieti, Banca Marche e Cassa di risparmio di Ferrara. Adusbef e Federconsumatori ricorreranno al Tar del Lazio.

Codacons: pronta class action per salvaguardare piccoli risparmiatori

Il Codacons per la prima volta intraprende un ricorso contro un decreto governativo. Con il decreto varato dal Governo Renzi, 130.000 famiglie stanno perdendo i soldi investiti in obbligazioni subordinate ed azioni delle banche interessate dal decreto.

Tramite la class action, il Codacons cercherà di promuovere un’azione risarcitoria a favore delle famiglie coinvolte dal fallimento dei 4 istituti bancari, facendo inoltre ricorso contro bad bank, vertici delle banche, istituzione delle banche ponte e (forse) revisori.

Così facendo, l’associazione dei consumatori spera di ottenere il recupero integrale dei risparmi delle famiglie. In questi giorni il Codacons deciderà in quale sede agire (penale, civile o amministrativa).

Nel frattempo, il Governo starebbe vagliando la possibilità di ridurre i pesanti effetti negativi generati sugli obbligazionisti subordinati che dovranno pagare con i loro risparmi alla bancarotta degli istituti bancari (innescando di fatto un meccanismo molto simile, se non uguale, al Bail-in).

Federconsumatori e Adusbef ricorreranno al Tar del Lazio

Oltre all’iniziativa legale del Codacons, sono pronte ad agire anche altre associazioni di consumatori quali Federconsumatori e Adusbef che stanno preparando delle class action sul caso.

Adusbef e Federconsumatori, attraverso i propri avvocati, presenteranno ricorso al Tar del Lazio con l’obiettivo di richiedere ed ottenere una sospensione dei provvedimenti di Bankitalia.

La banca centrale italiana ha infatti annullato i titoli azionari e obbligazionari interessati dal provvedimento del decreto salva-banche.

Gli avvocati delle 2 associazioni dei consumatori hanno dichiarato che faranno di tutto per tutelare i risparmiatori (che altro non sono che semplici cittadini che si sono fidati delle loro banche) che dovranno pagare per una cattiva gestione delle banche fallite e per una scarsa vigilanza delle autorità statali.

Iscriviti alla newsletter

Argomenti:

Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.