Jerome Powell

Jerome Powell

Jerome Hayden “Jay” Powell, classe 1953) è l’attuale presidente della Federal Reserve, la banca centrale americano. È stato nominato da Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, e confermato dal senato. Sostituisce Janet Yellen alla guida dell’istituto centrale. Vanta un’esperienza pluriennale all’interno delle banche di investimento.

Powell è un dottore in giurisprudenza, laura conseguita presso la Georgetown University nel 1979. È entrato nel settore dell’investment banking nel 1984 e da allora ha lavorato per diverse istituzioni finanziarie. Ha ricoperto il ruolo di Sottosegretario del Tesoro per le finanze nazionali sotto il presidente George H. W. Bush nel 1992 ed è stato un accademico esterno presso il Bipartisan Policy Center dal 2010 al 2012. Dal 2012 è membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve.

Powell persegue una politica monetaria più accomodante rispetto alla media tra i membri del consiglio decisionale della Fed. Altri esperti lo ritengono “neutrale”. Jerome Powell è stato notoriamente contrario all’avvio del terzo round di quantitative easing avviato nel 2012, sebbene abbia votato a favore dell’implementazione.

Per approfondire: Chi è Jerome Powell, il nuovo presidente della Fed? Origini, biografia e politica monetaria

Jerome Powell, ultimi articoli su Money.it

Riunione Fed: tassi confermati al 2,25-2,5%

Come da attese la Federal Reserve non ha toccato il costo del denaro, che rimane all’interno del range compreso tra il 2,25% e il 2,50%. Di seguito i dettagli del meeting di oggi e della conferenza stampa di Powell

Federal Reserve: Powell, rischi per economia da Europa e Cina

L’economia statunitense è solida anche se preoccupa il rallentamento di Europa e Cina. È quanto ha detto il n.1 della Fed Jerome Powell nel corso di un’audizione al Senato. Il chairman ha confermato che l’azione dell’istituto sarà “paziente” e che il processo di riduzione del bilancio potrebbe subire modifiche.

Wall Street: nel 2018 eccesso di pessimismo sul mercato

Il passo indietro della Fed, ora più accomodante, ha favorito lo slancio delle Borse. La normalizzazione delle politiche monetarie in atto richiede un adattamento continuo delle logiche di costruzione di un portafoglio. La view di Pictet Asset Management

|