Jerome Powell

Jerome Powell

Jerome Hayden “Jay” Powell, classe 1953) è l’attuale presidente della Federal Reserve, la banca centrale americano. È stato nominato da Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, e confermato dal senato. Sostituisce Janet Yellen alla guida dell’istituto centrale. Vanta un’esperienza pluriennale all’interno delle banche di investimento.

Powell è un dottore in giurisprudenza, laura conseguita presso la Georgetown University nel 1979. È entrato nel settore dell’investment banking nel 1984 e da allora ha lavorato per diverse istituzioni finanziarie. Ha ricoperto il ruolo di Sottosegretario del Tesoro per le finanze nazionali sotto il presidente George H. W. Bush nel 1992 ed è stato un accademico esterno presso il Bipartisan Policy Center dal 2010 al 2012. Dal 2012 è membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve.

Powell persegue una politica monetaria più accomodante rispetto alla media tra i membri del consiglio decisionale della Fed. Altri esperti lo ritengono “neutrale”. Jerome Powell è stato notoriamente contrario all’avvio del terzo round di quantitative easing avviato nel 2012, sebbene abbia votato a favore dell’implementazione.

Per approfondire: Chi è Jerome Powell, il nuovo presidente della Fed? Origini, biografia e politica monetaria

Jerome Powell, ultimi articoli su Money.it

Agenda macro 10 gennaio 2018: banche centrali in primo piano

Oggi gli operatori saranno concentrati sulle indicazioni che emergeranno dalla lettura dei verbali del Consiglio direttivo della Banca centrale europea. Nel pomeriggio, occhi puntati all’audizione di Powell al The Economic Club di Washington e sulle nuove richieste di disoccupazione statunitensi. Per l’Italia il focus sarà sull’asta mattutina di BOT a un anno

Agenda macro 4 gennaio 2019: Nonfarm Payroll e indici PMI i market mover della giornata

Numerosi dati macroeconomici sono attesi nell’ultima seduta della prima ottava del nuovo anno. A catalizzare l’attenzione degli investitori internazionali saranno principalmente le indicazioni provenienti dagli indici PMI delle principali economie dell’area euro e degli Stati Uniti. Sul fronte USA grande attesa per il dato di dicembre del mercato del lavoro a stelle e strisce

Trump attacca la Fed: incredibile pensare a nuovo rialzo tassi

Con tutte le tensioni che attanagliano l’economia mondiale, è incredibile che la Federal Reserve stia considerando di alzare nuovamente i tassi statunitensi. È quanto ha detto il n.1 della Casa Bianca, Donald Trump. Anche se per ora l’invito del POTUS non sarà accolto, in futuro il processo di normalizzazione è destinato a rallentare.

|