Sondaggi politici, un anno dopo: crollo della Lega e del PD, bene la Meloni

Sondaggi politici: chi ha guadagnato di più dalla caduta del primo Governo Conte? Solo Giorgia Meloni può sorridere.

Sondaggi politici, un anno dopo: crollo della Lega e del PD, bene la Meloni

Sondaggi politici, è tempo di bilanci: un anno fa di questi giorni si apriva la crisi del primo Governo Conte, con la Lega che decise di sfiduciare il Presidente del Consiglio con l’obiettivo di tornare alle urne nel mese di ottobre. Il tentativo di ottenere “i pieni poteri”, però, non è andato a buon fine in quanto sappiamo tutti com’è andata: Giuseppe Conte è tornato al Governo con una nuova maggioranza, formata dal Movimento 5 Stelle e da Partito Democratico, LeU e Italia Viva.

Una decisione, presa anche perché Salvini era forte delle intenzioni di voto indicate dai sondaggi politici che in quel periodo davano la Lega vicina al 35%, che però non ha pagato: ad oggi, infatti, non solo Matteo Salvini non è al Governo come vorrebbe, ma ha persino perso il vantaggio che lo separava dagli avversari.

Un anno dopo da quel fatidico agosto, infatti, nelle intenzioni di voto la Lega ha perso circa il 10%.

A tal proposito, abbiamo deciso di confrontare un recente sondaggio di Tecné con un altro realizzato dallo stesso istituto ma un anno fa, appena dopo che Matteo Salvini ha scelto di sfiduciare il Governo Conte.

Sondaggi politici, un anno dopo: male Lega e PD, cresce Fratelli d’Italia

Da quando c’è stata l’uscita dal Governo, per la Lega di Salvini - almeno secondo quanto indicato dai sondaggi politici elettorali - è iniziata una parabola discendente che tra alti e bassi ha portato gli avversari ad avvicinarsi sensibilmente al Carroccio.

Se lo scorso anno, con Salvini al Ministero dell’Interno, si parlava di una Lega al 35% e molto distante dagli altri partiti, oggi assistiamo ad un testa a testa, con il Partito Democratico che dista appena 4 punti.

Nel dettaglio, secondo un sondaggio Tecné realizzato lo scorso anno appena dopo la caduta del Governo, la Lega era al 31,3%, seguita dal Partito Democratico con il 24,6% e dal Movimento 5 Stelle con il 20,8%. Molto più lontane Forza Italia (8,8%) e Fratelli d’Italia (6,7%).

Già poche settimane dopo dall’inizio della crisi di Governo, quindi, Matteo Salvini dovette rinunciare ad una parte del vantaggio accumulato nei mesi di Governo, grazie al quale alle elezioni Europee del 2019 ha raggiunto il risultato storico del 34,3%.

E questa parabola discendente non si è arrestata con il passaggio all’opposizione. Come confermato da un sondaggio politico di questa settimana, realizzato sempre da Tecné, se si votasse oggi la Lega otterrebbe il 24,4%. Circa dieci punti in meno di quanto ottenuto alle ultime elezioni europee, a conferma che politicamente parlando la scelta di Matteo Salvini di voltare le spalle al Governo Conte non è stata delle migliori.

Stando alle intenzioni di voto rilevate dall’ultimo sondaggio politico di Tecné, però, anche per il Partito Democratico non è stata una buona scelta passare al Governo.

Rispetto ad un anno fa, infatti, il PD si attesta al 20,2%.

Va detto, però, che nel frattempo c’è stata la scissione di Italia Viva, che ad oggi si attesta al 2,5%. Anche prendendo in considerazione cumulativamente i due partiti, quindi, siamo comunque sotto al risultato maturato lo scorso anno.

In discesa anche il Movimento 5 Stelle che oggi è al 15,8%.

Ma se tutti perdono voti, chi è che ha guadagnato? La vincitrice dell’ultimo anno, guardando all’evoluzione dei sondaggi politici, è sicuramente Giorgia Meloni.

Una decisione, quella di essere sempre all’opposizione, che sta pagando, con Fratelli d’Italia che guadagna circa 10 punti percentuali rispetto ad un anno fa: secondo le intenzioni di voto rilevate in questi giorni da Tecné, infatti, oggi Fratelli d’Italia sarebbe persino sopra al Movimento 5 Stelle con un 16,3% dei voti che fa ben sperare per il futuro del partito.

Più o meno invariato, invece, il dato raccolto per Forza Italia: 8,8% un anno fa, 8,4% oggi, con il partito guidato da Silvio Berlusconi che ormai è sempre più ai margini della lotta per il vertice.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories