Scuola: lezioni sospese perché mancano insegnanti. Ecco dove

Scuola: lezioni sospese a solo una settimana dal rientro perché mancano insegnanti e bidelli. Succede a Bologna.

Scuola: lezioni sospese perché mancano insegnanti. Ecco dove

Scuola: sono state sospese le lezioni a pochi giorni dalla riapertura del 14 settembre perché mancano insegnanti.

È questa la triste notizia del weekend che arriva da Bologna dove un dirigente scolastico è stato costretto a comunicare la sospensione delle lezioni per la giornata odierna e quella di domani perché mancano supplenti, insegnanti nominati dalle tanto discusse Graduatorie provinciali delle Supplenze, riviste e aggiornate proprio quest’anno.

La difficoltà nella gestione delle lezioni a scuola si è palesata già dai primi giorni così da doverle sospendere.

Scuola: lezioni sospese perché mancano insegnanti

In un Istituto superiore di Bologna le lezioni sono state sospese per lunedì 21 settembre e martedì 22 settembre perché mancano gli insegnanti, i supplenti ancora non nominati e che sarebbero 15, 30 con quelli occupati nei seggi. Si tratta dell’Aldini Valeriani e i genitori degli alunni, nella giornata di sabato, si sono visti recapitare l’avviso che è presente anche sulla pagina web dell’Istituto.

Il dirigente scolastico ha rilasciato il seguente avviso:

“Si comunica che, a causa della mancata nomina di personale docente, è stata disposta la sospensione delle attività didattiche per le seguenti classi:

tutte le classi prime e quarte per la giornata di lunedì 21 settembre 2020
tutte le classi seconde e terze per la giornata di martedì 22 settembre 2020

I docenti previsti in orario nelle classi le cui lezioni sono sospese verranno utilizzati per permettere il regolare completamento dell’orario delle altre classi.”

La sospensione delle lezioni era stata annunciata già nei giorni precedenti, il 16 settembre, lasciando presagire che quelle del 21 e 22 settembre potrebbero non essere le uniche date.

Scuola: mancano anche i bidelli

Nella scuola bolognese non mancano solo gli insegnanti, ma anche i bidelli ed è per questo che la stessa si vede costretta a sospendere le lezioni. Come riporta l’edizione locale di Repubblica a denunciare il disagio lo stesso preside dell’Istituto Salvatore Grillo che ha dichiarato:

“Con trenta docenti in meno non riesco a garantire l’orario, mi mancano anche una decina di bidelli che sono andati a fare gli scrutatori, senza non riesco a pulire le aule. Non avevo scelta, d’altra parte il diritto di voto va garantito.”

Una situazione questa che visti i ritardi nelle convocazioni degli insegnanti dalle Gps o dalle graduatorie di Istituto per le supplenze brevi, potrebbe riscontrarsi anche in altre scuole d’Italia.

Argomenti:

Scuola Insegnanti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories