Riunione BCE e conferenza stampa: i momenti salienti

La riunione BCE di ottobre e la conferenza stampa di Mario Draghi: i momenti salienti

Riunione BCE e conferenza stampa: i momenti salienti

La riunione BCE di ottobre e la conferenza stampa di Mario Draghi si sono ufficialmente concluse.

Esattamente come previsto dalla totalità degli analisti, il Board ha deciso di lasciare invariati sia i tassi di interesse che il Quantitative Easing.

Come già accaduto negli ultimi mesi, non sono state tanto le decisioni prese in sede di riunione BCE ad attirare l’attenzione del mercato. Tutti gli occhi sono stati puntati sulle dichiarazioni di Mario Draghi in conferenza stampa, passate al setaccio da investitori e osservatori desiderosi di cogliere nuovi spunti sul futuro della politica monetaria dell’Eurozona.

Money.it ha seguito l’intervento del presidente tramite aggiornamenti tradotti in italiano in tempo reale e disponibili nelle prossime righe.

La conferenza stampa

Si è conclusa l’attesa conferenza stampa di ottobre. Tra i temi monitorati oltre a quelli di politica monetaria: l’Italia, la guerra commerciale, il rallentamento dei dati macro dell’Eurozona, l’inflazione e ancora le possibili minacce alla crescita della regione.

15:28 - Fine della conferenza stampa

Siamo arrivati al termine di questo appuntamento. Arrivederci alla prossima riunione BCE.

15:17 - Italia argomento prediletto

Continuano le domande sull’Italia e sui rischi derivanti dalle tese relazioni con la Ue.

15:15 - Brexit

Draghi crede che una buona soluzione sarà trovata. In caso di hard Brexit? Il settore privato dovrà prepararsi, mentre la BCE si terrà in contatto con la BoE.

15:09 - La guidance BCE

Un qualcosa che ha preso vita nel 2013 e si è successivamente evoluta funzionando più che bene.

15:05 - L’indipendenza delle banche centrali

L’indipendenza è fondamentale.

15:02 - Ancora Italia

Draghi rifiuta di rispondere a chi insinua qualche simpatia per il mercato italiano.

14:57 - EURUSD

Il cambio euro dollaro scambia su quota 1,1427.

14:48 - L’Italia

Draghi è fiducioso. Il Belpaese sta lavorando alla ricerca di un dialogo. Un accordo sarà trovato e non ci saranno rischi di contagio.

14:46 - Fonti di incertezza

Sono la guerra commerciale USA-Cina, la Brexit, l’Italia e altri fattori globali. La crescita sta tornando al suo livello potenziale. Non è facile distinguere tra fattori temporanei e strutturali quando si parla di crescita.

14:45 - Fine della lettura

Iniziano le domande della stampa

14:44 - Le riforme

Necessario implementare le riforme nell’Eurozona. Non manca il riferimento velato all’Italia e alle discussioni sulla Legge di Bilancio 2019.

14:43 - Le banche

La domanda e le condizioni di finanziamento più favorevoli stanno supportando la crescita dei prestiti.

14:41 - I rischi

Protezionismo, volatilità sui mercati emergenti e non solo.

14:39 - Una panoramica sui mercati

L’occupazione e i salari stanno salendo, gli investimenti delle aziende continuano ad essere supportati dalla domanda. L’espansione globale proseguirà, anche se ad un ritmo più moderato.

14:38 - Inflazione

La robustezza sottostante dell’economia rafforza la fiducia nel raggiungimento del target di inflazione.

14:37 - Il protezionismo

Le politiche protezionistiche e la volatilità di mercato rendono ancora necessaria una politica monetaria accomodante.

14:36 - Dati in linea

Draghi parla di come i dati macroeconomici rilevati negli ultimi mesi siano in realtà inferiori rispetto alle attese iniziali ma comunque in linea con l’outlook.

14:34 - Si parte

La conferenza stampa al via. Mario Draghi è arrivato e ha iniziato a leggere, come di consueto, le decisioni prese dal Board in occasione della riunione BCE di ottobre. Tassi di interesse fermi, QE quasi giunto al termine, obiettivo di inflazione intorno al 2%.

14:32 - Il presidente in «ritardo»

Ancora attesa per Draghi, in ritardo di «ben» due minuti.

14:26 - Draghi in dirittura d’arrivo

Mancano meno di tre minuti al’inizio della conferenza. Occhi puntati sulle dichiarazioni del presidente e sulle domande della stampa presente.

14:15 - Cresce l’attesa

Il mercato attende l’arrivo di Draghi. A 15 minuti dal suo intervento le Borse europee stanno scambiando in rialzo, mentre il cambio euro dollaro sta viaggiando su quota 1,1416, con una progressione dello 0,21%.

Il comunicato

Esattamente come previsto dal mercato, la riunione BCe non ha inserito alcuna novità nel comunicato stampa pubblicato alle ore 13.45 assieme alle decisioni sui tassi di interesse.

“Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,40%.

Il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della BCE si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino all’estate del 2019 e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine.

Quanto alle misure non convenzionali di politica monetaria, il Consiglio direttivo continuerà a effettuare acquisti netti nell’ambito del programma di acquisto di attività (PAA) al nuovo ritmo mensile di 15 miliardi di euro sino alla fine di dicembre 2018. Il Consiglio direttivo anticipa che in seguito, se i dati più recenti confermeranno le prospettive di inflazione a medio termine, gli acquisti netti giungeranno a termine.

Il Consiglio direttivo intende reinvestire il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PAA per un prolungato periodo di tempo dopo la conclusione degli acquisti netti di attività e in ogni caso finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario.

Il Presidente della BCE illustrerà i motivi di tali decisioni nella conferenza stampa che avrà luogo questo pomeriggio alle ore 14.30 (ora dell’Europa centrale).”

Il contenuto seguente è stato redatto prima della pubblicazione del comunicato e dunque ancor prima della conferenza stampa di Draghi.

Le previsioni sul meeting di ottobre

Cosa aspettarsi dalla riunione BCE di ottobre e dalla successiva conferenza stampa di Mario Draghi? Una domanda più lecita che mai, soprattutto alla luce di una politica monetaria già tracciata.

Come anticipato nei meeting precedenti dallo stesso istituto, i tassi di interesse e il Quantitative Easing non subiranno alcuna modifica nell’odierno incontro. Secondo Adrian Hilton, gestore obbligazionario di Columbia Threadneedle Investments, la riunione BCE di ottobre servirà a capire in che modo si stanno evolvendo e quale direzione stanno intraprendendo i rischi nelle prospettive economiche della banca.

Molto probabilmente in sede di conferenza stampa Draghi parlerà ancora una volta dei pericoli derivanti dal crescente protezionismo che, nel caso statunitense, ha portato allo scoppio di una vera e propria guerra commerciale contro la Cina.

Ci si attendono poi domande sulla situazione italiana e sul braccio di ferro tra Salvini, Di Maio e l’Europa, domande alle quali Mario Draghi risponderà come al solito, ossia evitando giudizi eccessivi e specificando il ruolo «super partes» della BCE.

In sede di conferenza stampa potrebbero emergere anche nuove indicazioni sui piani di reinvestimento dei proventi delle attività in scadenza acquistate nell’ambito del QE.

Per Diego Fernandez, chief investment officer di A&G Banca Privada, la riunione di ottobre sarà soltanto una formalità.

“Molto probabilmente Draghi ripeterà quanto già detto sul programma di acquisto di obbligazioni e sui tassi di interesse, e insisterà sulla necessità di compiere passi ulteriori sul fronte fiscale. C’è poco spazio per le sorprese. ”

In linea di massima, insomma, l’intero mercato ne è convinto: l’odierna riunione BCE e la conferenza stampa di Mario Draghi si riveleranno un non-evento.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su BCE

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.