Riforma pensioni: perché adesso si parla di Quota 42?

Riforma delle pensioni; il Governo cambia ancora? La Quota 41 cresce di un anno.

Riforma pensioni: perché adesso si parla di Quota 42?

Pensioni: il Governo adesso pensa ad una Quota 42?

Mentre il Parlamento è “chiuso per ferie” il Governo continua a cercare la quadra per approvare una riforma delle pensioni che soddisfi i cittadini senza però mettere a repentaglio i conti pubblici.

In questi tre mesi di Governo sono state tante le polemiche per il piano indicato da Lega e Movimento 5 Stelle nel contratto, poiché considerato troppo oneroso e per questo irrealizzabile.

A tal proposito ricordiamo che nel contratto di Governo c’è scritto che l’intenzione è quella di estendere a tutti i lavoratori la possibilità di ricorrere alla Quota 41 (oggi riservata ai soli lavoratori precoci), oltre ad introdurre una Quota 100 per permettere agli italiani di andare in pensione in anticipo qualora la somma tra età anagrafica e anzianità contributiva dia come risultato 100.

Tuttavia con il passare delle settimane questo piano è cambiato con l’introduzione di diversi paletti per minimizzare i costi della riforma delle pensioni. Ad esempio, per quanto riguarda la Quota 100 - che dovrebbe essere introdotta dal 2019 grazie alle risorse che saranno stanziate con la prossima manovra finanziaria - è stato deciso di prevedere una soglia minima di età per ricorrervi (dovrebbe essere di 64 anni).

Quindi anche nel caso in cui la somma tra contributi ed età anagrafica dia come risultato 100 non si potrà andare in pensione se prima non si sono compiuti i 64 anni.

Anche per la Quota 41 il discorso è cambiato. Per chi non lo sapesse questa è l’opzione che consente l’uscita anticipata dal lavoro per coloro che hanno maturato 41 anni di contributi. Oggi però questo strumento è riservato ai soli lavoratori precoci, ovvero a coloro che vantano almeno 12 mesi di contributi (anche non continuativi) maturati prima del compimento dei 19 anni.

L’intenzione dichiarata era quella di estendere a tutti la possibilità di ricorrere alla Quota 41, abbassando di fatto il requisito contributivo previsto per la pensione anticipata (ovvero 42 anni e 10 mesi per gli uomini, uno in meno per le donne). Come anticipato, però, con il passare delle settimane il piano originario sta subendo diverse modifiche tant’è che oggi non si parla più di Quota 41 bensì di Quota 42.

Riforma delle pensioni: non più Quota 41 ma 42

La riforma delle pensioni che il Governo intende attuare nei prossimi anni sarà in vari step: nel 2019 si comincerà con la Quota 100 e con la - probabile - proroga dell’Opzione Donna, mentre le pensioni d’oro di importo superiore ai 4.000€ saranno tagliate.

Nel 2020 poi ci sarà il secondo step con l’estensione della Quota 41, o meglio con l’introduzione della Quota 42. Ebbene sì perché a quanto pare l’Esecutivo alla fine ha deciso di aumentare di un anno il requisito contributivo previsto, passando così ad una Quota 42.

D’altronde bisogna ricordare che già dal prossimo anno la Quota 41 riservata ai lavoratori precoci subirà un incremento visto l’adeguamento con le aspettative di vite. Nel dettaglio, dal 2019 non saranno più sufficienti 41 anni di contributi, poiché ne serviranno altri 5 mesi.

Per questo motivo dopo aver preso in considerazione l’idea di una Quota 41,5 dal 2019 - con la possibilità però di utilizzare solamente 2 anni di contributi figurativi - il Governo sembra aver preso una strada differente optando per una Quota 42 dal 2020 che tra l’altro dovrebbe prevedere una penalizzazione sull’importo della pensione (che verrebbe ricalcolato interamente con il metodo contributivo).

Si tratterebbe quindi di un piccolo “sconto contributivo” rispetto a quanto previsto dalla pensione anticipata, visto che dal prossimo anno per ricorrervi saranno necessari 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi per le donne, ed è per questo che tra i sindacati comincia ad emergere qualche malumore.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Argomenti:

Quota 41 Pensione

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.