Legge di Bilancio 2019: novità nel testo della manovra finanziaria

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la legge di Bilancio 2019: l’arrivo in Aula è previsto tra il 29 e il 30 novembre, ecco tutte le novità.

Legge di Bilancio 2019: novità nel testo della manovra finanziaria

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la legge di Bilancio 2019. Dopo una serrata trattativa tra i due partiti di governo, Lega e Movimento 5 Stelle, alla fine è arrivata la fumata bianca con il testo che però, prima di approdare in Aula tra il 29 e il 30 novembre, è stato bocciato dalla Commissione Europea.

Europa a parte, nel testo che è stato bollinato dal Quirinale e inviato al Parlamento c’è la Pace Fiscale e un inizio per la Flat Tax. Stralciati invece Reddito di Cittadinanza e Quota 100: nella manovra sono stati stanziati i soldi per i due provvedimenti, che però verrano trattati con due appositi ddl distinti.

In realtà è molto più corposo l’insieme delle misure di questa legge di Bilancio: ecco tutte le novità presenti in un testo che è stato approvato dal CdM “salvo intese”, che potrà quindi essere modificato durante l’iter parlamentare con l’approvazione definitiva che dovrebbe arrivare a dicembre.

La legge di Bilancio 2019

Dopo la nascita del “governo del cambiamento” lo scorso 1 giugno, viste le tante aspettative a seguito delle impegnative promesse elettorali appariva chiaro come per la neonata maggioranza carioca il vero banco di prova sarebbe arrivato in autunno.

Approvando il Def prima e la legge di Bilancio poi, il Consiglio dei Ministri infatti ha messo nero su bianco quella che sarà la strategia programmatica dell’esecutivo. Con la decisione di alzare l’asticella del deficit al 2,4%, si è voluto di conseguenza avere subito un margine di spesa più ampio per far partire tutte le principali riforme annunciate.

Via libera quindi al cavallo di battaglia pentastellato del Reddito di Cittadinanza e a quello della Lega della Flat Tax, mentre un argomento sostanzialmente bipartisan è quello delle pensioni con la Quota 100, anche se è stato più il carroccio a spingere a riguardo.

Le varie commissioni parlamentari adesso sono a lavoro a suon di emendamenti, con il testo quindi che al momento è oggetto di continui cambiamenti e modifiche prima del suo arrivo in Aula.

La legge di Bilancio 2019 quindi è un contenitore assai più complesso e che comprende diverse misure altrettanto importanti. Vediamo allora tutte le novità presenti nel testa che sta per iniziare il suo inter parlamentare.

Clicca qui per la nostra infografica sulla Legge di Bilancio 2019

Pensioni

Quota 100 - Tecnicamente il provvedimento non è presente nel testo, visto che sarà oggetto di un apposito ddl. Sono stati inseriti però i fondi a disposizione. Quindi si potrà andare in pensione con 38 anni di contributi e minimo 62 anni di età. Non sono previste penalizzazioni sull’assegno previdenziale. Per la misura sono stati stanziati 7 miliardi e si prevede che nel 2019 ne possano beneficiare in 400.000.

Opzione Donna - Prorogata la misura che consente alle lavoratrici di andare in pensione a 57/58 anni d’età (più gli adeguamenti con le aspettative di vita) e 35 anni di contributi.


Pensione di Cittadinanza - Anche questo provvedimento è stato finanziao ma sarà trattato nel ddl relativo al Reddito di Cittadinanza. I pensionati che soddisfano determinati requisiti legati al reddito, possono beneficiare di una integrazione al minimo della pensione fino al raggiungimento di 780€.

QUI IL FOCUS SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI

Sostegno al reddito

Reddito di cittadinanza - Come per Quota 100, il provvedimento non è presente nel testo ma sarà oggetto di un apposito ddl. Sono stati inseriti però anche qui i fondi a disposizione. Contributo mensile di 780€ che può crescere in base alla composizione della famiglia, con l’importo che verrà caricato su un bancomat e gli acquisti monitorati. Obbligo di frequenza a corsi di formazione e di accettare una delle prime tre offerte di lavoro. Dovrebbe essere introdotto a marzo 2019, dopo la riforma dei centri per l’impiego per cui è stato stanziato 1 miliardo.

Famiglia - Stanziati 100 milioni in favore delle politiche per la famiglia, anche per contrastare il calo demografico.

Bonus Bebè - Bonus prorogato con un aumento del 20% dell’importo per ogni figlio successivo al primo.

Terreni gratis e mutui - Concessione gratuita per 20 anni di terreni nelle famiglie in cui nasca il terzo figlio. Per chi acquista poi la prima casa in vicinanza dei terreni, previsto un mutuo fino a 200.000 euro a tasso zero.

QUI IL FOCUS SUL REDDITO DI CITTADINANZA

Fisco e tasse

Pace Fiscale - Aliquota al 20% per sanare il pregresso di chi ha già presentato la dichiarazione dei redditi. Tolta invece la dichiarazione integrativa dove si poteva far emergere il 30% in più di quanto dichiarato fino a 100.000€.

Evasori - Stralciata la norma che prevedeva il carcere per i grandi evasori fiscali, che sarà oggetto di un ddl ad hoc.

Rottamazione cartelle - Verranno rottamate le cartelle esattoriali, senza pagare interessi e sanzioni, con la previsione di una rateizzazione fino a 10 rate in 5 anni.

Multe e bollo auto non pagato - Cancellate multe e tasse non pagate (compreso il bollo auto) di importo inferiore a 1.000€ riferite al periodo 2000-2010.

Fattura elettronica - Dal 1 gennaio 2019 avvio dell’obbligo della fattura, per i primi sei mesi però non sono previste sanzioni. Previste anche semplificazioni come la possibilità di emissione entro dieci giorni dalla data dell’operazione.

Canone Rai - Prorogata la riduzione del canone Rai a 90 euro anche per gli anni successivi al 2018.

Disabili - Raddoppio della detrazione, da 400 a 800 euro, per i figli con disabilità.

Money transfer - Tassa dell’1,5% per i trasferimenti di denaro effettuato con Money transfer verso paesi fuori dell’Unione Europea.

Sigarette elettroniche - Decisa una detassazione per le sigarette elettroniche.

Ombrelloni balneari - Detassazione dei metri quadrati di ombra degli ombrelloni presenti negli stabilimenti balneari.

Flat Tax - Forfait al 15% per gli autonomi con reddito fino a 65.000€. Sugli importi successivi, fino a un massimo di 100.000€, si aggiunge un ulteriore 5%.


Aumento IVA - Sterilizzate le clausole di salvaguardia per il 2019, le aliquote IVA restano invariate almeno per un altro anno.

QUI IL FOCUS SUL DECRETO FISCALE

INVESTIMENTI

Fondo per il Reddito di Cittadinanza e riforma pensioni - Ci sono per il 2019 in totale 15,7 milioni per attuare il Reddito e la Pensione di Cittadinanza e la Quota 100 per le pensioni. Nel fondo verranno inglobati poi anche i soldi previsti per il Reddito di Inclusione.

Comuni - Investimento di 3,5 miliardi. L’obiettivo è anche di sbloccare i bilanci tramite una revisione degli appalti senza gara (per quelli di importi inferiori a 200.000 euro).

Sgravi Ires - L’aliquota al 24% scenderebbe di 9 punti sugli investimenti in ricerca e sviluppo, in macchinari e in assunzioni stabili. Il costo sarebbe di 1,5 miliardi di euro.

Industria 4.0 - Confermate le agevolazioni e gli sgravi fiscali introdotti dal governo Renzi (maggiorazione sull’ammortamento ordinario del 40% e del 150%).

Ecobonus - Prorogato l’Ecobonus per le ristrutturazioni al 50%, quello per l’efficienza energetica aumenta al 65%. Confermate per il 2019 le deduzioni per acquistare elettrodomestici e apparecchiature ad elevata classe energetica e lo sgravio al 36% per i giardini.

Bonus Verde - Prorogato anche per il 2019 il bonus Verde (detrazioni al 36% per giardini, terrazzi e balconi).

Sud - Decontribuzione al 100% per chi assume al Sud giovani under 35 o con più di 35 anni ma disoccupati da almeno sei mesi. Prevista anche la proroga dell’esonero contributivo previsto dal Decreto Dignità elevandolo dal 50 al 100% per le categoria sopracitate.

Truffati dalle banche - Stanziati 525 milioni l’anno per il triennio 2019-2021 per un fondo ristoro a favore dei cittadini che sono stati truffati dalle banche.

Bonus eccellenze - Esonero dei contributi per un anno, eccezion fatta dei premi e contributi Inail e con un tetto di 8.000 euro, per chi assume a tempo indeterminato laureati under 30 o dottori di ricerca under 34 con carriere universitarie eccellenti.

Nuove tecnologie - Tra il 2019 e il 2021 30 milioni l’anno per il Fondo per il sostegno al Venture Capital, un aiuto a chi vuole sviluppare le nuovetecnologie come BlockChain o l’intelligenza artificiale.

Rinnovo contratti PA - Stanziati 4,2 miliardi nel prossimo triennio per il rinnovo dei contratti della Pubblica Amministrazione: 1,100 miliardi per il 2019, 1,425 miliardi per il 2020 e 1,775 miliardi per il 2021.

Ispettori del lavoro - Nei prossimi tre anni verranno assunti 1.000 nuovi ispettori del lavoro.

Politiche giovanili - Aumento di 30 milioni dal 2019 peril Fondo per le Politiche Giovanili.

Attuazione del programma - Per l’attuazione del programma di governo, è stato istituito un fondo di 190 milioni per il 2019 e di 450 milioni per il 2020.

Investimenti pubblici - 15 miliardi nei prossimi 3 anni (infrastrutture, adeguamento sismico, nuove tecnologie ed efficientamento energetico).

Sicurezza - 500 milioni per assunzione di Forze dell’Ordine per far fronte alla carenza di organici. Nuovi concorsi e scorrimento delle precedenti graduatorie.

TAGLI

Riduzione della spesa pubblica - Nuovi tagli per la burocrazia; il Governo conta di recuperare 1 miliardo ogni anno eliminando le spese superflue nei Ministeri.

Immigrati - Anche la spesa per l’accoglimento degli immigrati sarà ridotta. Per il 2019 è previsto un risparmio di 400 milioni di euro, per un totale di 1,6 miliardi nel triennio.

Sconti fiscali - Abolizione dell’ACE, ossia dell’aiuto della crescita economica che prevede la deducibilità dell’imponibile di quella parte di incremento capitale proprio dell’impresa. Niente IRI dal 2019, l’imposta armonizzata al 24% per le imprese.

Fondi per l’apprendistato - Taglio degli incentivi per i contratti di apprendistato: saranno 5 milioni l’anno per il 2019, il 2020 e gli anni successivi, mentre dalla scorsa manovra erano previsti 15,8 milioni per il 2019 e di 22 milioni per il 2020.

Burocrazia - Collegato alla legge di Bilancio anche un Decreto Semplificazione contenente disposizioni urgenti per la deburocratizzazione; l’obiettivo finale è di eliminare oltre 100 adempimenti per le imprese.

Editoria - Azzeramento graduale del fondo pubblico per le testate giornalistiche.

Vitalizi - Anche le Regioni dovranno adeguarsi ai tagli decisi dalla Camera pena una diminuzione degli stanziamenti.

Immobili - Previste delle dismissioni immobiliari che dovrebbero far incassare 600 milioni.

Sigarette e giochi - Aumentano le accise dal 1 gennaio su sigarette, sigari e tabacco trinciato. Ulteriore aumento dello 0,50%, oltre a quello previsto nel Decreto Dignità, su giochi e slot.

Banche e assicurazioni - Previsto un aumento della tassazione per banche e assicurazioni. Per quest’ultime, Il tasso dell’acconto d’imposta sui premi assicurativi sale al 75% nel 2019, al 90% nel 2020 e al 100 per cento nel 2021 e gli anni successivi.

Spese militari - Taglio delle spese militari, senza ripercussioni sull’occupazione, per 60 milioni nel 2019 e di ulteriori 531 milioni nel periodo dal 2019-2031

SANITÁ

Liste d’attesa - 50 milioni di euro per abbattere i tempi delle liste d’attesa. Verrà istituito un Centro Unico di Prenotazione per monitorare tutti gli appuntamenti e per evitare avanzamenti fraudolenti.

Contratti - 284 milioni di euro per il rinnovo dei contratti di tutto il personale del Sistema Sanitario Nazionale.

Fondi - La spesa totale di 114,435 miliardi è aumentata di 2 miliardi per il 2020 e di 1,5 miliardi per il 2021. I fondi per l’edilizia sanitaria passano da 24 a 26 miliardi.

Specializzandi - 900 nuovi contratti di formazione specialistica per i medici a partire dal 2019.

Scuola

Alternanza scuola-lavoro - Fondo di 50 milioni per l’apprendistato, mentre viene ridotto l’orario dell’alternanza scuola-lavoro: 180 ore negli istituti professionali, 150 ore negli istituti tecnici e 90 ore nei licei.

Licei musicali - Aumento di 400 docenti per i licei musicali.

Ripetizioni - La Flat Tax al 15% sarà applicata anche dagli introiti degli insegnanti per le ripetizioni.

Testo legge di Bilancio 2019 bollinato il 31 ottobre
Il testo della legge di Bilancio 2019 che è stato bollinato dal Quirinale e inviato in Parlamento.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Legge di Bilancio 2019

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.