Intelligence ucraina: Crimea riconquistata nel 2023. Come possono riuscirci?

Lorenzo Bagnato

1 Febbraio 2023 - 10:41

Kyrylo Budanov, capo dell’intelligence ucraina, ha spiegato le sue previsioni per il 2023. E prevedono la vittoria dell’Ucraina attraverso la Crimea.

Intelligence ucraina: Crimea riconquistata nel 2023. Come possono riuscirci?

In un’audace intervista con il Washington Post, la direzione principale dell’intelligence ucraina Kyrylo Budanov ha esposto le sue previsioni per la guerra nel 2023. Alcune sembrano troppo ottimisti e incerti per essere veri, mentre altre danno una visione interessante su la guerra e il suo esito.

Budanov è lo stesso funzionario che aveva predetto una nuova mobilitazione dell’esercito russo entro gennaio, previsione che si è rivelata falsa. Per il momento, la Russia deve ancora annunciare un’altra mobilitazione generale.

Secondo l’intervista di Budanov di martedì, 326.000 russi stanno attualmente combattendo in Ucraina. Questo probabilmente significa che la mobilitazione annunciata a settembre ha raggiunto la sua piena portata. Al totale vanno aggiunti anche i combattenti mercenari del Gruppo Wagner, attualmente nel bel mezzo dell’assalto contro Bakhmut.

Per quanto riguarda Bakhmut, Budanov ha detto che è il principale obiettivo russo per ora. L’attacco dalla Bielorussia, che l’intelligence occidentale temeva all’inizio dell’anno, probabilmente non avrà luogo. In effetti, un simile assalto è sempre sembrato un’idea terribile per la Russia. Avrebbero ripetuto lo stesso errore che avevano fatto all’inizio della guerra, questa volta affrontando un esercito ucraino meglio preparato e equipaggiato.

Secondo Budanov, la Russia ha cancellato i piani per questo assalto, concentrandosi invece sul controllo del Donbass.

La riconquista della Crimea

Un punto importante nell’intervista di Budanov è la posizione dell’Ucraina sulla Crimea. La penisola, occupata dalla Russia dal 2014, è ora nel mirino dell’esercito ucraino dopo la riconquista di Kherson.

I generali Usa hanno già proposto di inviare in Ucraina missili a lungo raggio per un attacco preventivo contro le forze russe in Crimea. Con i carri armati occidentali, che dovrebbero arrivare in Ucraina nei prossimi mesi, potrebbero anche permettersi di andare avanti per riconquistare la penisola.

«Tutto è iniziato in Crimea nel 2014 e tutto finirà lì», ha detto Budanov. Ha anche aggiunto che la Russia non reagirà con un assalto nucleare se dovesse perdere la Crimea. «L’esecuzione di un attacco nucleare si tradurrà non solo in una sconfitta militare per la Russia, ma anche nel suo crollo. E lo sanno molto bene».

Tuttavia, riconquistare la Crimea non è un’impresa facile. La Russia sta attualmente attaccando Vuhledar, un crocevia cruciale nel sud dell’Ucraina che altrimenti verrebbe utilizzato come base per l’attacco contro la Crimea.

Inoltre, l’Ucraina sta esaurendo gran parte delle proprie risorse nella difesa di Bakhmut e probabilmente non sta pianificando un attacco su vasta scala a breve termine.

Budanov è comunque sicuro che la Crimea sarà riconquistata nel 2023. Anche se è vero che è probabile che nel 2023 si verifichino importanti sviluppi, che potrebbero portare alla fine della guerra, non è mai una buona idea dire che «sarà finita entro Natale».

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-31 15:05:25. Titolo originale: Ukrainian Intelligence: Crimea Reconquered in 2023. How can they do it?

Argomenti

# Russia
# Crimea
# Guerra

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO
Termina il 24/05/2024 Quale criptovaluta comprare oggi?

105 voti

VOTA ORA

Quale criptovaluta comprare oggi?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo