L’UE estende le sanzioni contro la Russia. Ecco una breve storia sulle restrizioni europee

Lorenzo Bagnato

28 Gennaio 2023 - 18:39

Il Consiglio europeo ha deciso di estendere le sanzioni contro la Russia. Alcuni sono scettici sulla loro efficacia, ma hanno ragione?

L’UE estende le sanzioni contro la Russia. Ecco una breve storia sulle restrizioni europee

Dopo 9 anni di sanzioni contro la Russia, il Consiglio europeo ha deciso oggi di estenderle ancora più a lungo, per almeno altri sei mesi. La decisione è arrivata venerdì, quando il Consiglio ha pubblicato una dichiarazione in merito.

«Il Consiglio ha deciso oggi di prorogare di sei mesi, fino al 31 luglio 2023, le misure restrittive rivolte a specifici settori dell’economia della Federazione Russa», si legge nell’annuncio.

Il rapporto tra Russia e Unione Europea non è mai stato particolarmente pacifico. Dal crollo dell’Unione Sovietica, le due potenze hanno convissuto insieme, con pochi timidi passi l’uno verso l’altro.

Ma la Rivoluzione Maidan in Ucraina e la successiva invasione della Crimea da parte della Russia hanno posto fine a questi tempi di pace. L’Ucraina si stava avvicinando pericolosamente all’UE per la Russia, che ha deciso di agire.

Questo è successo nel 2014, e da allora Russia e Ucraina hanno intrapreso una guerra di basso livello nel Donbass. Fino, ovviamente, a un’invasione russa su vasta scala nel febbraio 2022 che ha posto fine alla pace in Europa.

Sappiamo tutti delle sanzioni europee dello scorso anno, ma le prime risalgono al 2014 e all’invasione della Crimea. Da allora, sono diventati sempre più invadenti nell’economia russa e ora saranno estese anche nel 2023.

Sanzioni europee contro la Russia: una cronologia

Già nel marzo 2014, mesi dopo l’occupazione russa della Crimea, sono state stabilite le prime sanzioni europee. 21 ufficiali ucraini e russi sono stati sottoposti a restrizioni diplomatiche. Alla fine di giugno, le merci provenienti dalla Crimea sono state vietate nell’Unione Europea.

Questo è stato un importante colpo economico per la Russia. La Crimea ospita Sebastopoli, attualmente il porto più grande e importante della Russia. In effetti, si potrebbe dire che l’intera occupazione della Crimea si sia verificata per il controllo di Sebastopoli.

Nel luglio dello stesso anno è stato concordato il primo pacchetto di sanzioni da parte dell’Unione Europea. Comprendeva restrizioni sull’acquisto di obbligazioni russe, nonché un embargo sulla vendita di armi.

I pacchetti di sanzioni sono continuati ad arrivare negli anni successivi, ma non hanno impedito alla Russia di attaccare l’Ucraina nel 2022. In effetti, il loro più grande flusso di entrate, le vendite di gas e petrolio, era ancora completamente intatto.

Dall’invasione illegale dell’Ucraina, tuttavia, 9 diversi pacchetti di sanzioni sono stati approvati dall’Unione Europea. Gli ultimi includono anche l’ormai famoso price cap sul petrolio russo, oltre a forti restrizioni economiche sul Paese e sui suoi abitanti.

Miliardi di beni sono stati sequestrati dall’Europa alla Banca centrale russa e a molti oligarchi russi. La Russia è stata tagliata fuori dal circuito Swift e persino i media russi sono stati oggetto di sanzioni.

Gli esperti stanno ancora discutendo se queste sanzioni siano state efficaci o meno. Alcuni pensano che non funzioneranno affatto, mentre altri credono che, con un tempo sufficiente, l’economia russa crollerà.

Tra sei mesi, quando queste sanzioni saranno probabilmente nuovamente estese, vedremo chi aveva ragione e chi torto.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-27 15:02:29. Titolo originale: EU Extends Sanctions against Russia. Here’s a brief History on European Restrictions

Argomenti

# Russia
# Guerra

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo