Gli Stati Uniti invieranno miliardi in armi all’Ucraina, puntando alla riconquista della Crimea

Lorenzo Bagnato

23 Dicembre 2022 - 17:03

Dopo il successo della visita di Zelensky a Washington, il presidente Usa Joe Biden ha confermato un pacchetto di aiuti da 2 miliardi di dollari all’Ucraina. Ma l’aiuto americano non si fermerà qui.

Gli Stati Uniti invieranno miliardi in armi all’Ucraina, puntando alla riconquista della Crimea

Solo 24 ore dopo il suo arrivo a Washington, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si recherà in Polonia per un altro vertice diplomatico. Lì incontrerà il presidente Duda, accanito sostenitore ucraino e avversario russo.

Zelensky non lascerà gli Usa a mani vuote. Il suo discorso al Congresso ha rafforzato il sostegno americano al suo Paese, che aveva iniziato a vacillare negli ultimi mesi. «Più a lungo dura la guerra», ha detto Zelensky accanto a Joe Biden, «più a lungo dura questa aggressione, ci saranno più genitori che vivranno per amore della rivalsa, o vendetta».

Il presidente Biden si è impegnato a sostenere l’Ucraina per «tutto il tempo necessario». Subito dopo la partenza di Zelensky, ha confermato un altro pacchetto di 2 miliardi di dollari in preparazione di uno molto più grande nel 2023. L’anno prossimo, Biden dovrebbe essere in grado di approvare un pacchetto di 45 miliardi di dollari da inviare in Ucraina.

La misura di sostegno odierna includerà la vendita di missili Patriot, un sistema antiaereo che difenderà le città ucraine dagli attacchi russi. Tali missili sono necessari alla popolazione ucraina, presa di mira dagli attacchi aerei russi su obiettivi civili.

Queste misure rientrano in un prestito europeo di 18 miliardi di euro, che aiuterà la ricostruzione delle infrastrutture civili distrutte. Volodymyr Zelensky è riuscito con successo a consolidare alleanze contro il nemico russo.

Una possibile riconquista della Crimea

Ma l’aiuto americano a Kiev non si fermerà qui. Gli Stati Uniti hanno già inviato diversi miliardi di dollari in armi all’Ucraina, che sono stati utilizzati per respingere la Russia da alcuni territori occupati. Il motivo delle riconquiste a tappeto avvenute negli ultimi mesi è stato proprio l’uso incessante degli Himars americani.

Ora, l’alto comando di Kiev sta probabilmente pianificando un’altra offensiva, possibilmente riconquistando nuovo terreno nel sud. Uno degli obiettivi finali di questa campagna potrebbe essere la riconquista della Crimea, la penisola invasa dalla Russia nel 2014.

La Crimea non è un obiettivo facile per l’Ucraina, a meno che non sia sufficientemente equipaggiata dai suoi alleati. Un ex comandante americano, Ben Hodges, ha chiesto l’invio di missili Atacms in Ucraina, prevedendo un possibile assalto alla Crimea.

«Se gli ucraini ora avessero missili a lungo raggio Atacms», ha detto Hodges, «potrebbero bombardare ogni quartier generale russo, ogni hub di trasporto o deposito di munizioni in Crimea in questo momento, e ciò renderebbe la penisola inadatta alla presenza di russi forze militari».

Fondamentalmente, sarebbe una tattica simile a quella utilizzata per la riconquista di Kherson. Invece di un assalto frontale, sarebbe un bombardamento tattico di obiettivi militari strategici che renderebbe la posizione russa insostenibile.

In effetti, se la Russia perdesse l’intero sud, anche la sua intera posizione in Ucraina vacillerebbe. Forse, se una tale riconquista dovesse avvenire, significherebbe davvero avvicinarsi alla fine.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-12-22 17:59:12. Titolo originale: USA to send billions in Weapons to Ukraine: aiming at Reconquest of Crimea

Argomenti

# Russia
# Guerra

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo