La Russia evacua Novaya Kakhovka, nuova grande vittoria per l’Ucraina

Lorenzo Bagnato

16/11/2022

16/11/2022 - 09:31

condividi

Novaya Kakhovka, un villaggio vicino a Kherson, detiene l’approvvigionamento idrico vitale per la Crimea. La Russia, sotto la forte pressione ucraina, sta evacuando la città.

La Russia evacua Novaya Kakhovka, nuova grande vittoria per l'Ucraina

L’Ucraina sembra ottenere una vittoria dopo l’altra mentre la loro travolgente controffensiva raggiunge un altro trampolino di lancio cruciale. Le forze russe si stanno ritirando dal villaggio di Novaya Kakhovka, abbandonando un’importante diga e una centrale idroelettrica.

L’agenzia Tass ha riferito che «A causa dei continui bombardamenti delle forze armate ucraine, i dipendenti dell’amministrazione di Novaya Kakhovka hanno lasciato la città e si sono trasferiti in aree sicure della regione».

Novaya Kakhovka è un villaggio vicino a Kherson, la principale città liberata dall’Ucraina all’inizio di questa settimana. Kherson è stato un premio importante per l’Ucraina e un’enorme umiliazione per la Russia, poiché era l’unica capitale regionale conquistata dalla forza d’invasione. Novaya Kakhovka, tuttavia, ha un significato strategico molto importante di per sé.

La diga di Novaya Kakhovka, sul fiume Dnepr, è la chiave per l’approvvigionamento idrico della Crimea. La penisola di Crimea, invasa e occupata dalla Russia nel 2014, da allora ha subito gravi problemi per le sue fonti d’acqua. La maggior parte di loro proviene proprio da Novaya Kakhovka, e sono stati interrotti dall’Ucraina in seguito all’occupazione della Crimea del 2014.

Dopo l’attuale invasione, la Russia è riuscita a conquistare Kherson e la vicina diga Novaya Kakhovka, rifornendo la Crimea di acqua.

Dopo la recente riconquista di Kherson da parte dell’Ucraina, le forze di Kiev hanno iniziato a bombardare la diga di Novaya Kakhovka. La Russia, negli ultimi giorni, ha iniziato a evacuare i civili, proprio come ha fatto prima di lasciare Kherson all’Ucraina.

Con Kherson e Novaya Kakhovka di nuovo in mano agli ucraini, molto probabilmente bloccheranno l’approvvigionamento idrico alla Crimea ancora una volta.

Chi vincerà la guerra?

L’Ucraina ha sicuramente avuto la sua serie di successi ultimamente. La controffensiva per riprendere Kherson è stata una brillante mossa tattica e strategica, e molti vedono già la Russia come sconfitta.

Tuttavia, non bisogna lasciarsi accecare dall’ottimismo e dalle buone notizie. La Russia occupa ancora quasi il 20% del territorio ucraino e mantiene ancora la superiorità numerica. L’arrivo dell’inverno non favorirà grandi operazioni militari, quindi è probabile che la controffensiva ucraina si fermerà per ora.

Ciò darà alla Russia il tempo di riorganizzarsi mentre l’Ucraina subirà le conseguenze di un inverno freddo con forniture di energia costanti. La Russia, tuttavia, ha i suoi problemi.

Senza acqua e senza grandi centri di rifornimento nella regione, la rotta per la Crimea è sostanzialmente aperta per l’esercito ucraino. In effetti, Kherson era così facile da conquistare all’inizio dell’invasione perché non c’erano barriere naturali tra la Crimea e la città. Ora la situazione è ribaltata a favore dell’Ucraina.

Gli approvvigionamenti per la Russia continuano a essere un grosso problema. L’esercito ucraino può continuare a bombardare il ponte Kerch e interrompere le già deboli linee russe. La Russia è troppo estesa e probabilmente dovrà concedere ancora più territorio. E questo sarà visto come un’altra umiliazione per Putin, che non ha nulla da mostrare in questa guerra dopo la perdita di Kherson.

Non c’è modo di prevedere come finirà la guerra, ma questi fattori giocheranno probabilmente un ruolo importante nei mesi a venire.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-15 15:14:45. Titolo originale: Russia evacuates Novaya Kakhovka, new Major Victory for Ukraine

Argomenti

# Russia
# Guerra

Iscriviti a Money.it