Gli attacchi aerei russi lasciano l’Ucraina al buio, Kiev continua a combattere

Lorenzo Bagnato

25 Novembre 2022 - 15:57

condividi

Nonostante la serie di bombardamenti russi che hanno distrutto gran parte delle infrastrutture civili dell’Ucraina, la popolazione invasa vuole resistere.

Gli attacchi aerei russi lasciano l'Ucraina al buio, Kiev continua a combattere

È stata una giornata fredda a Kiev ieri, quando un’altra campagna di bombardamenti della Russia ha sconvolto i centri di potere dell’Ucraina. Tutte le centrali nucleari ancora controllate dall’Ucraina sono state spente, lasciando molte città al buio.

Secondo i rapporti di terra, le difese aeree ucraine hanno abbattuto 51 missili russi su 70, tutti puntati su infrastrutture civili. Quelli che hanno colpito i loro obiettivi hanno ucciso 10 civili.

L’Occidente ha immediatamente condannato gli attacchi russi, con il presidente francese Emmanuel Macron che li ha definiti «crimini di guerra». Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, ha nuovamente implorato la Nato di reagire contro la Russia.

Da parte loro, i funzionari russi negano di aver mirato a obiettivi civili. Secondo il portavoce Igor Konashenkov, gli attacchi russi avevano il solo scopo di interrompere i movimenti delle truppe e le catene di approvvigionamento militare. Ha incolpato il sistema di difesa dell’Ucraina se sono stati colpiti obiettivi civili, poiché i cannoni antiaerei sono troppo vicini alle città.

Altri ritengono che il vero motivo di questo attacco fosse abbattere il morale degli ucraini, costringendoli a sedersi al tavolo delle negoziazioni.

«La leadership ucraina ha tutte le opportunità per riportare la situazione alla normalità, ha tutte le opportunità per risolvere la situazione in modo tale da soddisfare le richieste della parte russa e, di conseguenza, porre fine a tutte le possibili sofferenze della popolazione civile», ha detto il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov.

La vita in una zona di guerra

Tuttavia, sembra che gli attacchi russi abbiano avuto solo effetti opposti sulla popolazione ucraina. I giornalisti sul campo hanno intervistato molti civili che hanno affermato che non cederanno mai a Putin e preferirebbero vivere al freddo.

L’attacco russo ha interrotto l’energia elettrica e l’acqua. Persone di varie città facevano la fila per l’approvvigionamento idrico e i caffè di Kiev erano pieni di cittadini in cerca di riparo e calore. Nella regione di Dnipropetrovsk, 3.000 minatori sono rimasti intrappolati sottoterra a causa di un’interruzione di corrente.

Subito dopo l’attacco, i lavoratori delle infrastrutture hanno subito cercato di ripristinare una vita normale. Da giovedì pomeriggio acqua ed elettricità sembrano essere tornate nella capitale e la vita è tornata “alla normalità”.

L’attacco russo arriva dopo una travolgente controffensiva ucraina che ha ripreso quasi metà del territorio occupato. L’ultima grande vittoria di Kiev è stata la città di Kherson, formalmente l’unico centro capitale conquistato dalla Russia.

Con Kherson di nuovo in mano, l’Ucraina può seriamente pensare di liberare la Crimea, la penisola invasa dalla Russia nel 2014. Ora, infatti, l’Ucraina si è ripresa la diga Novaya Kakhovka, fondamentale punto di approvvigionamento per le forze russe in Crimea.

Naturalmente, una nuova controffensiva richiederà tempo e l’inverno non è una buona stagione per la guerra. Per il momento, l’Ucraina dovrà resistere ai continui attacchi russi.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-24 18:29:35. Titolo originale: Russian Air Strikes leave Ukraine in the Dark, Kyiv to keep Fighting

Iscriviti a Money.it