Bakhmut inizia a crollare, le offensive russe mettono alla prova la forza dell’Ucraina

Lorenzo Bagnato

10 Gennaio 2023 - 17:55

condividi

Con la probabile caduta di Soledar, città vicino a Bakhmut, la posizione dell’Ucraina nei confronti della Russia potrebbe peggiorare.

Bakhmut inizia a crollare, le offensive russe mettono alla prova la forza dell'Ucraina

La lotta per la chiave della città ucraina continua con forza brutale e spettacolare. La battaglia di Bakhmut è iniziata un mese fa, dopo la riconquista di Kherson da parte dell’Ucraina. Da allora, Bakhmut è stato l’unico fronte attivo in guerra nonostante l’inverno, ma potrebbe anche essere diventato il più sanguinario.

Bakhmut è una città cruciale per entrambi gli eserciti, incuneata tra le due capitali del Donbass: Donetsk e Luhansk. Bakhmut collega le due città, entrambe sotto il controllo russo dall’inizio della guerra, tramite ferrovia.

La conquista di Bakhmut significherebbe dare all’esercito russo il respiro tanto necessario, incanalando rifornimenti meglio su tutto il fronte. L’attacco contro la città, tuttavia, è stato tutt’altro che diretto.

Già all’inizio Bakhmut sembrava la battaglia più sanguinosa di tutto il conflitto fino a quel momento. Trincerati nel fango, gli ucraini hanno respinto ondate su ondate di attacchi russi in condizioni simili alla Prima Guerra Mondiale.

Lunedì, i russi hanno lanciato la più grande ondata mai vista, mentre hanno bombardato le infrastrutture civili nella regione di Kharkiv più a nord.

Bakhmut: un preludio

A Bakhmut la maggior parte del combattimento non è stata svolta dall’esercito russo, ma piuttosto dal Gruppo Wagner, una forza mercenaria sotto il comando dell’alleato di Putin, Yevgeny Prigozhin.

Lunedì, rapporti sul campo suggeriscono che le forze di Wagner hanno quasi completamente conquistato la città di Soledar, vicino a Bakhmut. Se ciò fosse vero, la posizione dell’Ucraina intorno alla città sarebbe più vulnerabile, anche se il destino della battaglia deve ancora essere deciso.

Nel frattempo, tuttavia, è probabile che l’alto comando russo stia pianificando una nuova offensiva in primavera. Per questo, dovranno probabilmente mobilitare una nuova ondata di coscritti, 500.000 secondo l’intelligence ucraina.

Tale nuova offensiva rispecchierebbe l’inizio dell’intera guerra, quando l’esercito russo ha attraversato il confine bielorusso in Ucraina, mirando a Kiev. La capitale, tuttavia, ha resistito eccezionalmente bene e la Russia non è stata assolutamente in grado di circondarla.

Come Putin speri di conquistare la città ora rimane un mistero: dovrebbe affrontare un esercito ucraino molto più preparato ed equipaggiato. Inoltre, Kiev si aspetta che questa offensiva si verifichi, poiché Putin l’ha segnalata senza mezzi termini recandosi in Bielorussia e incontrando il suo presidente Aljaksandr Lukashenko.

Forse tutto questo è solo un diversivo per un’altra mossa, una diversa offensiva non ancora individuata dall’intelligence occidentale.

Sicuramente, il destino dell’intera guerra dipende da Bakhmut. Migliorerebbe sicuramente la posizione tattica russa mentre indebolirebbe l’Ucraina. E, nonostante tutto l’aiuto occidentale, l’Ucraina difficilmente può permettersi un’altra battuta d’arresto.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-09 22:16:47. Titolo originale: Bakhmut starts to Crack, Russian waves are testing Ukraine’s strength

Argomenti

# Russia
# Guerra

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it