Borsa Oggi, 12 marzo 2021: Ftse Mib si conferma sopra 24mila punti

Luca Fiore

12/03/2021

12/04/2021 - 13:43

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dopo i netti rialzi di ieri, la Borsa Oggi, 12 marzo 2021, ha chiuso l’ultima seduta della settimana in sostanziale parità. Sul Ftse Mib spicca il balzo delle azioni Telecom Italia. Spread a 93 pb.

Borsa Oggi, 12 marzo 2021: Ftse Mib si conferma sopra 24mila punti

Seduta all’insegna della prudenza per la Borsa oggi: sul Ftse Mib, che si è confermato sopra la soglia dei 24 mila punti, spicca la performance di Telecom Italia.

Il giorno dopo il meeting della BCE e le indicazioni positive arrivate dagli USA (nuovo piano di stimoli e andamento asta decennali), i mercati si sono nuovamente trovati a fare i conti con l’andamento delle vaccinazioni e con i nuovi lockdown.

In questo senso, ieri buone nuove sono arrivate dall’EMA che, con il via libera al vaccino di Johnson & Johnson, ha fatto sì che i cittadini europei possano contare su quattro vaccini.

Sul mercato delle commodity il future con consegna maggio sul Brent registra un rosso dello 0,3% a 69,44 dollari al barile mentre l’eurodollaro perde lo 0,37% a 1,19407.

Borsa Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib poco mosso

L’ultima seduta della settimana del Ftse Mib si è chiusa a 24.113,22 punti (-0,03%) mentre sull’obbligazionario lo spread Btp-Bund non ha fatto registrare variazioni di rilievo a 93 punti base.

Sul listino delle blue chip spicca il +3,26% di Telecom Italia, ancora in scia della conferma del “buy” da parte degli analisti di BofA Securities con incremento del prezzo obiettivo da 0,85 a 0,92 euro.

Aumento superiore al punto percentuale per Unicredit (+1,32%) e +0,62% di Intesa Sanpaolo (su cui S&P Global Ratings ha confermato il rating a lungo termine e migliorato l’outlook a “stabile”).

Due velocità per Atlantia (+0,94%%) e Autogrill (-4,25%) dopo la diffusione dei conti 2020.

Rally invece per il titolo Brunello Cucinelli (+8,24%), spinto dalle prospettive sul 2021.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib sotto la parità

Poco prima delle 13 il Ftse Mib evidenzia un -0,14%, il Cac40 un -0,07% ed il Dax un -0,66%. Poco mosso lo spread Btp-Bund (93 punti base).

Top performer del listino delle blue chip sono le azioni Telecom Italia, in aumento del 2,69%.

Tra le società che hanno presentato i conti, denaro su Atlantia (+1,7%) mentre Autogrill scende del 5,5%.

Nel comparto bancario, +1,12% di Unicredit e +0,53% di Intesa Sanpaolo. Su quest’ultima, l’agenzia S&P Global Ratings ha confermato il rating a lungo termine senior preferred (unsecured) della Banca a “BBB” e ne ha migliorato l’outlook da “negativo” a “stabile”.

Rally invece per Brunello Cucinelli (+7,24%) che nell’ambito della presentazione dei numeri 2020 ha definito il 2021 “l’anno del riequilibrio”.

Future Wall Street: prevista apertura in rosso

Dopo i nuovi record registrati ieri, il derivato sul Dow Jones registra un -0,08%, quello sullo S&P500 perde lo 0,53% ed il future sul Nasdaq arretra dell’1,6%.

Aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib si conferma sopra 24mila punti

In avvio di seduta il Ftse Mib passa di mano a 24.156,5 punti (+0,15%), il Cac40 quota invariato, il Dax registra un -0,32% ed il Ftse100 segna un +0,05%.

Sul fronte dei titoli di Stato, lo spread Btp-Bund non fa registrare variazioni di rilievo a 92 punti base.

La performance migliore sul paniere delle blue chip è registrata dalle azioni Telecom Italia e dal titolo Diasorin, in aumento rispettivamente del 3,33 e dell’1,5 per cento.

Partenza in positivo anche per Intesa Sanpaolo (+0,44%) che ha annunciato che l’agenzia S&P Global Ratings ha confermato il rating a lungo termine senior preferred (unsecured) della Banca a “BBB” e ne ha migliorato l’outlook da “negativo” a “stabile”.

Dopo la diffusione dei numeri 2020 Atlantia perde mezzo punto percentuale (-0,53%) mentre Autogrill scende del 5,45%.

La prima ha chiuso il 2020 con ricavi operativi ed Ebitda in calo rispettivamente del 29 e del 35 per cento mentre la seconda, oltre ad un calo dei ricavi del 60% a 2 miliardi di euro, ha annunciato di attendersi per l’esercizio corrente ricavi a 2,4-2,8 miliardi.

Rally invece per Brunello Cucinelli (+11,08%) che ha terminato il 2020 con ricavi in calo del 10,5% a 544 milioni, la contrazione è stata contenuta dalla progressiva crescita registrata nella seconda parte dell’anno, ed un utile normalizzato che è passato da 49,3 a 2,7 milioni.

Il 2021 è stato definito “l’anno del riequilibrio” con giro d’affari stimato in aumento del 15-20 per cento.

Borse Asia: Nikkei chiude positivo

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, segna un -2,34%, il China A50 ha terminato con un +0,41% ed il Nikkei ha chiuso con un +1,73%.

Incremento dello 0,79% per l’indice australiano S&P/ASX 200.

Wall Street: Nasdaq ancora in rally

La seduta di ieri del Dow Jones si è chiusa con un +0,58%, lo S&P500 ha chiuso con un +1,04% ed il Nasdaq ha segnato un +2,52%.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories