Borsa Milano oggi, 18 gennaio 2021: Ftse Mib chiude positivo, boom di Stellantis

Luca Fiore

18/01/2021

18/01/2021 - 17:59

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Partenza di settimana sopra la parità per la Borsa di Milano oggi, 18 gennaio 2021. Sul Ftse Mib riflettori puntati sul rally, al debutto, delle azioni Stellantis. Spread stabile nonostante le tensioni politiche.

Borsa Milano oggi, 18 gennaio 2021: Ftse Mib chiude positivo, boom di Stellantis

La Borsa di Milano oggi ha chiuso la prima seduta della settimana con il segno più: sul Ftse Mib si segnala il debutto di Stellantis, la nuova realtà nata dall’integrazione di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) e PSA Group.

A livello europeo riflettori sempre puntati sull’andamento dei contagi, in Francia il coprifuoco è stato anticipato alle 18, e sulla campagna di vaccinazione, dopo la notizia della riduzione nelle consegne dei vaccini.

All’interno dei confini nazionali, focus sul voto di fiducia al governo Conte. Nel suo intervento alla Camera, il premier ha promesso ai potenziali “costruttori”, da scovare tra liberali, popolari e socialisti, un rimpasto di governo condito da una legge elettorale proporzionale.

In corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa, l’eurodollaro quota invariato a 1,20769 (+0,04%) mentre il future con consegna marzo sul Brent scende dello 0,3% a 54,95 dollari al barile.

Borsa Milano oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib, azioni Stellantis brillano al debutto

La prima seduta della settimana del Ftse Mib si è chiusa in rialzo dello 0,53% a 22.498,89 punti, mentre lo spread si è confermato a 116 punti base.

Al debutto, Stellantis ha terminato con un +7,57% facendo registrare la performance migliore del paniere delle blue chip.

Bene anche Exor (+2,64%) che ha emesso una nota per precisare di detenere 449.410.092 azioni ordinarie della nuova realtà, pari al 14,4% del capitale.

Lettera invece su Enel (-3,09%) e Snam (-2,54%) che hanno staccato l’acconto sul dividendo.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib, azioni Stellantis rally al debutto

Alle 13 il Ftse Mib (22.386,06 punti, +0,02%) ed il Dax (+0,03%) non fanno registrare variazioni di rilievo mentre il Cac40 perde lo 0,27%.

Lo spread Italia-Germania sale dell’1,4% a 117 punti base.

Sul Ftse Mib riflettori puntati sule azioni Stellantis (+6,91%) nel giorno del debutto e denaro anche su Exor (+1,7%) che della nuova realtà deterrà il 14,4% del capitale.

Vendite invece su Enel (-3,27%) e Snam (-2,41%) che hanno staccato l’acconto sul dividendo relativo l’esercizio 2021.

Aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib, azioni Stellantis in evidenza

A Piazza Affari il paniere delle blue chip, il Ftse Mib, nei primi scambi passa di mano a 22.337,76 punti, -0,2%, mentre lo spread si attesta a 117 punti base (+0,9%).

Sotto la parità anche il Dax (-0,28%), il Cac40 (-0,36%) e il Ftse100 (-0,1%).

Grazie ad un +3,75%, Stellantis fa segnare la performance migliore del paniere delle blue chip. Bene anche Exor (+1,38%) che ha emesso una nota per precisare di detenere 449.410.092 azioni ordinarie della nuova realtà, pari al 14,4% del capitale. La partecipazione in Stellantis sarà contabilizzata con il metodo del patrimonio netto, con valore iniziale al fair value.

Attenzione ad Enel (-2,74%) e Snam (-2,37%) che hanno staccato l’acconto sul dividendo relativo l’esercizio 2021.

Avvio in rosso anche per Telecom Italia (-1,77%), Terna (-0,98%) e Atlantia (-0,7%).

Borse asiatiche: Tokyo in controtendenza

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, sale dello 0,88%, il China A50 ha terminato con un +0,51% ed il Nikkei ha chiuso con un -0,97%.

In rosso dello 0,78% l’indice australiano S&P/ASX 200.

Wall Street: oggi borsa USA chiusa

Venerdì la seduta del Dow Jones si è chiusa con un -0,57%, lo S&P500 ha segnato un -0,72% ed il Nasdaq ha perso lo 0,87%.

Oggi le borse USA saranno chiuse in corrispondenza del Martin Luther King Day.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories