Coldiretti: gli italiani sono ingrassati con il lockdown, rischi per la salute

Coldiretti ha rilevato un boom del consumo di cibi grassi e calorici. Ecco quanto sono ingrassati gli italiani

Coldiretti: gli italiani sono ingrassati con il lockdown, rischi per la salute

Con il coronavirus abbiamo assistito a un vero e proprio boom del consumo di cibi grassi. A rilevarlo Coldiretti, che ha messo in guardia gli italiani: il lockdown fa ingrassare e i rischi per la salute sono seri.

Non è difficile immaginare il perché: giornate passate sul divano, più tempo da dedicare alla cucina, snack anti-noia, abbuffate di Pasqua, zero sport, al massimo una corsetta intorno a casa.

Tra un DPCM e l’altro, gli italiani in quarantena hanno messo su almeno due chili di troppo. Il rischio, naturalmente, non è solo di essere bocciati alla prova costume, ma l’abuso di grassi abbinato a una vita molto sedentaria interessa anche il benessere e la salute.

Con la Fase 2, che apre un minuscolo spiraglio verso la possibilità di fare le vacanze in estate, scatta la guerra alla bilancia.

Boom del consumo di cibi grassi: l’allarme di Coldiretti

I dati sui consumi nazionali di Ismea segnalano una crescita del 18% nella spesa di cibo finita sulle tavole degli italiani. In tutta la penisola si è registrato un boom del cosiddetto “comfort food” o cibo consolatorio, che ha accompagnato i cittadini mentre facevano la spola tra divano e cucina.

Nei carrelli della spesa si è assistito a una presenza marcata di cibi grassi e ricchi di calorie. Inoltre, in molti non hanno rinunciato a farsi un bicchierino in più, abbinando anche bevande alcoliche ai propri pasti luculliani.

Nel periodo compreso tra il 16 marzo e il 12 aprile, rispetto al 2019, gli acquisti di zuccheri, grassi e carboidrati hanno visto un’impennata del 150% e sono stati seguiti da quelli di farine e semole, cresciuti del 14% insieme a un’orda di pizzaioli, panificatori e pasticceri fai da te, con un impatto anche sul prezzo del grano.

Per chi ha preferito non mettersi a impastare sono venuti in soccorso: pane, crackers e grissini, + 7%, pasta e gnocchi, +38% impasti base e pizze, +13%, dolci, +24% primi piatti pronti +37% e di olio semi usato per friggere, altra attività in cui gli italiani in lockdown si sono cimentati molto.

Rimettersi in forma con la Fase 2

Le libertà introdotte con la Fase 2, che permette di uscire per una passeggiata o un allenamento in solitaria senza dover dare troppe giustificazioni, hanno invogliato gli italiani a rimettersi in forma.

Secondo Coldiretti/Ixé il 47% della popolazione ha messo la perdita del peso accumulato durante la quarantena tra i propri obiettivi primari. Ma se in molti sono attenti alla dieta, secondo l’Istat, più di un terzo degli adulti è in sovrappeso, mentre una persona su dieci è obesa (9,8%) con il 45,1% di under 18 oltre la soglia del peso forma. Sono, invece, 2 milioni e 130 mila i bambini e gli adolescenti che dovrebbero dimagrire, pari al 25,2% del target 3-17.

Preservare la longevità

L’Istituto Superiore della Sanità raccomanda di approfittare della stagione per aumentare quotidianamente il consumo di frutta, verdura e legumi, garantendosi anche una riserva naturale di vitamine, fibre e acqua. Rigorosamente Made in Italy, assicurandosi così prodotti più freschi e duraturi.

Il consiglio è quello di prediligere questi alimenti al consumo di cibi grassi, di evitare cotture complesse e condimenti pesanti. L’olio d’oliva è il migliore che si possa scegliere, perché ricco di tocoferolo, antiossidante che combatte l’invecchiamento dell’organismo e favorisce l’eliminazione delle scorie metaboliche.

L’obiettivo è non perdere un primato di longevità, che in Italia abbiamo raggiunto proprio grazie alla dieta mediterranea. Finora la speranza di vita del popolo italiano raggiunge il massimo storico di 82,3 anni (80,9 anni per gli uomini e 85,2 per le donne) con il numero record di 14.456 ultracentenari a livello nazionale.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories