Azioni Generali in rialzo dopo decisione su dividendo

Non solo la solidità patrimoniale e operativa, ma anche il riconoscimento dell’importanza del flusso cedolare.

Azioni Generali in rialzo dopo decisione su dividendo

Azioni Generali in spolvero a Piazza Affari dopo la decisione della compagnia in materia di dividendo. Poco dopo l’avvio delle contrattazioni a Wall Street, le azioni Generali, che negli ultimi tre mesi hanno perso circa 30 punti percentuali, segnano un rialzo del 2,18% a 13,15 euro.

A spingere gli acquisti sulle azioni Generali è la nota in cui il Leone ha annunciato che il dividendo 2019 sarà corrisposto in due tranche.

Generali: la decisione sul dividendo

Nonostante l’IVASS, l’Autorità di Vigilanza assicurativa, abbia chiesto a tutte le imprese e ai gruppi assicurativi italiani di adottare “estrema prudenza nella distribuzione dei dividendi […] e della componente variabile della remunerazione agli esponenti aziendali”, e l’EIOPA, l’Autorità di vigilanza delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o professionali, abbia raccomandato di sospendere temporaneamente dividendi e buyback, il Cda di Generali ha rilevato che “continuano a sussistere tutti i presupposti, compresi i coefficienti di solidità patrimoniale, per procedere alla distribuzione del dividendo per l’esercizio 2019”.

In particolare, il Cda di Generali ha deciso di confermare la proposta di pagamento di un dividendo per azione pari a 0,96 euro “ma di suddividerlo in due tranche: la prima pari a € 0,50 pagabile a maggio e la seconda pari a € 0,46 pagabile entro la fine dell’anno”.

Quest’ultima quota sarà soggetta a “verifica consiliare, tra l’altro, sul rispetto al 30 settembre 2020 dei limiti previsti dal Risk Appetite Framework di Gruppo, nonché al positivo accertamento della conformità alle disposizioni e alle raccomandazioni di vigilanza al tempo vigenti relativamente al pagamento di dividendi”.

Generali: perché il dividendo sarà distribuito

La decisione di Generali di distribuire il dividendo è legata alla “solidità patrimoniale del Gruppo e alla sua resilienza”. Alla solidità patrimoniale si accompagna a quella operativa, “come dimostrato dai risultati 2019 che hanno segnato il miglior risultato operativo della storia del Gruppo grazie alla crescita profittevole in tutte le linee di business”.

Anche se gli effetti della crisi legata alla diffusione del Covid-19 restano incerti, “non ci sono ragioni per avere dubbi sulla stabilità del Gruppo, il cui coefficiente di solidità patrimoniale rimane solido e ampiamente all’interno dell’intervallo desiderato”.

Inoltre, il Cda di Generali “riconosce inoltre l’importanza del flusso cedolare per molti azionisti istituzionali e retail particolarmente nell’attuale contingenza”.

Su queste basi, la prima tranche del dividendo sarà messa in pagamento dal prossimo 20 maggio, con data di legittimazione a percepire il dividendo il 19 maggio e stacco cedola a partire dal 18 maggio.

Generali: per analisti decisione su dividendo è positiva

Gli analisti di Websim ritengono che la decisione di Generali di confermare il dividendo sia “positiva” anche se soggetta al verificarsi di alcune condizioni: “ci aspettiamo che al 30 settembre 2020 per confermare il pagamento della cedola il Solvency II di gruppo debba rientrare in un range compreso tra 180/230% e che questo sia molto probabile malgrado l’elevato grado di incertezza attuale”.

Su queste basi, Websim ha confermato la valutazione su Generali a “neutrale” con prezzo obiettivo fissato a 15 euro, oltre 14 punti percentuali al di sopra dei livelli attuali.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories