Salvataggio Alitalia: a che punto siamo?

Il Governo continua a lavorare sulla nascita della newco per salvare Alitalia. Non ci sono ancora, però, novità di rilievo. A che punto siamo con il salvataggio della compagnia?

Salvataggio Alitalia: a che punto siamo?

Salvataggio Alitalia: a che punto siamo con la nascita della newco?

Non ci sono ancora notizie di rilievo sulla definizione della nuova società, nonostante il suo percorso sia stato delineato nel decreto Agosto.

Il Governo vuole stringere i tempi e la ministra dei Trasporti De Micheli ha fatto sapere che la newco è ormai pronta per debuttare. Al riguardo, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre dovrebbero riunirsi i ministri coinvolti (oltre ai Trasporti anche Tesoro, Tesoro, Sviluppo Economico e Lavoro). Il tempo stringe e non si può più aspettare per definire il destino della compagnia.

Quali sono, quindi, le prossime tappe per il salvataggio Alitalia?

Alitalia: c’è attesa per la newco. Le novità

Nel decreto Agosto l’esecutivo Conte ha definito tutte le tappe che dovranno portare alla concretizzazione della newco.

La società, che nascerà con una dotazione di 20 miliardi di euro, avrà l’importante compito di definire il piano industriale dettagliato, con tutti i numeri e gli obiettivi su flotte, destinazioni e, soprattutto, lavoratori.

Un fronte, quello dell’occupazione, che desta molta preoccupazione e attenzione da parte dei sindacati, che hanno ribadito (secondo quanto riportato da Il Sole 24 ore) il punto cruciale di:

“accelerare sulla costituzione della nuova compagnia che deve avere al più presto un piano industriale e di sviluppo che preveda il mantenimento dei livelli occupazionali attuali”

L’ipotesi sul tavolo del Governo è di creare un piano che possa essere accettato anche a Bruxelles, a cui spetta l’ultima parola. Nello specifico, l’esecutivo potrebbe definire una divisione societaria per quanto riguarda la gestione del business.

Tutto ciò che è inerente i voli sarebbe sotto organizzazione della newco. Manutenzione e attività di handling, invece, potrebbero finire a compagnie ad hoc, separate.

Quando la nuova società avrà finalmente definito la sua struttura, occorrerà proseguire con un piano di sviluppo industriale, nel termine di 30 giorni. Nel dettaglio, si occuperà di questo compito il management della newco, formato dall’ad Fabio Lazzerini e dal presidente Francesco Caio, da nominare ufficialmente.

Il piano, stando a indiscrezioni, dovrebbe racchiudere 75 aerei su corto e medio raggio in un primo momento.

Newco e salvataggio: cosa dirà l’UE?

L’iter del salvataggio Alitalia contempla anche la valutazione del piano industriale a Bruxelles.

La Commissione Europea, infatti, dovrà pronunciarsi sui dettagli, verificando soprattutto che ci sia una netta separazione con la gestione passata.

Anche le Camere saranno coinvolte, ma il vero scoglio da superare sarà quello dell’UE.

Per il salvare Alitalia, quindi, si attendono novità probabilmente a settembre. Il dossier rimane uno dei più urgenti per il Governo.

Argomenti:

Italia Alitalia

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1577 voti

VOTA ORA