Sondaggi politici: crolla Renzi, vola il PD ma il centrodestra vincerebbe le elezioni

Alessandro Cipolla

29 Dicembre 2020 - 08:31

29 Dicembre 2020 - 08:32

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’ultimo sondaggio politico di Euromedia Research andrebbe a indicare un tonfo di Matteo Renzi, che sarebbe ora al 2,5%, tutto a vantaggio del Partito Democratico anche se in caso di elezioni il centrodestra unito vincerebbe con questa legge elettorale.

Sondaggi politici: crolla Renzi, vola il PD ma il centrodestra vincerebbe le elezioni

Mentre la maggioranza ribolle dopo la nuova minaccia di crisi di governo da parte di Matteo Renzi, l’ultimo sondaggio politico realizzato da Euromedia Research non sembrerebbe però essere favorevole a Italia Viva.

Stando all’indagine diramata in data 21 dicembre, il partito di Renzi avrebbe perso oltre un punto percentuale rispetto alla settimana precedente, scivolando così sotto la soglia di sbarramento del 3%.

Un autentico crollo per Italia Viva che sarebbe tutto a vantaggio del Partito Democratico, che così sarebbe ora più vicino a una Lega data in calo al pari di Fratelli d’Italia, mentre sarebbe in ripresa Forza Italia.

Il sondaggio però andrebbe chiaramente a indicare come, se si votasse a breve con l’attuale legge elettorale il Rosatellum, il centrodestra unito vincerebbe le elezioni con solo la nascita di una lista capeggiata dal premier Giuseppe Conte che potrebbe rimettere tutto in gioco.

Sondaggi politici: Renzi a picco

Questa volta Matteo Renzi sembrerebbe essere pronto ad andare fino in fondo nelle sue minacce alla tenuta del governo, ma stando all’ultimo sondaggio politico di Euromedia Research questa serie di ultimatum starebbe facendo crollare il suo partito nelle intenzioni di voto.

Italia Viva infatti viene indicata al 2,5% e quindi, stando all’attuale legge elettorale appena adeguata al taglio dei parlamentari, in caso di elezioni anticipate i renziani se così stessero le cose non supererebbero la soglia di sbarramento del 3%.

I voti che avrebbe perso Renzi sarebbero stati assorbiti dal Partito Democratico, con i dem ora indicati più vicini a una Lega in flessione ma pur sempre stabilmente prima forza politica del Paese.

Nonostante il calo di Fratelli d’Italia, solo in parte mitigato dal segno positivo di Forza Italia, il centrodestra stando ai numeri snocciolati dal sondaggio sarebbe ugualmente netto vincitore in caso di elezioni anticipate.

Anche in caso di un centrosinistra allargato al Movimento 5 Stelle, se Matteo Salvini riuscisse a mantenere compatti i suoi alleati potrebbe ottenere dalle urne una ampia maggioranza parlamentare.

Con il Rosatellum infatti si è calcolato che, per poter governare, una lista o coalizione deve superare il 40% nella parte proporzionale della legge elettorale e vincere in almeno il 60% dei seggi della parte maggioritaria.

Per il sondaggio il centrodestra unito sarebbe ora al 46,8%, con soltanto una scesa in campo di Giuseppe Conte con una propria lista che potrebbe rimettere tutto in ballo, anche se oggettivamente al momento non sembrerebbero esserci le condizioni sanitarie per mandare a breve l’Italia al voto, tanto che per le elezioni amministrative già si parla di un rinvio nonostante siano in programma in tarda primavera.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories