Modello Unico 2014, startup innovative: le novità sulle agevolazioni

Nel Modello Unico 2014 è già presente il nuovo prospetto per la fruizione delle agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle startup innovative.

Tra le novità che sono presenti nel modello Unico 2014 c’è anche il prospetto finalizzato alla fruizione delle agevolazioni previste, sull’anno di imposta 2013, per gli investimenti effettuati nelle startup innovative. A ricordarlo è il MiSE, il Ministero dello Sviluppo Economico, in vista della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto interministeriale che è stato firmato dal ministro Flavio Zanonato e da Fabrizio Saccomanni, il Ministro dell’Economia e delle Finanze (Mef).

Investimenti nelle startup innovative da mantenere per almeno due anni

La firma sul Decreto interministeriale è arrivata dopo il via libera alla misura da parte dell’Ue fermo restando che chi investe nelle startup innovative e fruisce delle agevolazioni fiscali deve poi mantenere l’investimento effettuato per un periodo pari ad almeno due anni, altrimenti scatta in automatico la decadenza del beneficio.

Investimenti nelle startup innovative, agevolazioni persone fisiche

Le persone fisiche, in qualità di soggetti passivi Irpef, possono fruire delle agevolazioni attraverso il meccanismo delle detrazioni fiscali. Nel dettaglio, è ammessa per ogni periodo di imposta la detrazione fiscale del 19% sull’investimento effettuato, sotto la forma del conferimento in denaro, con un massimale di 500 mila euro.

Investimenti nelle startup innovative, agevolazioni persone giuridiche

Per le persone giuridiche, invece, la fruizione delle agevolazioni per gli investimenti nelle startup innovative non avviene con le detrazioni ma con il meccanismo della deducibilità fiscale. Nel dettaglio le società, in qualità di soggetti passivi ai fini Ires, possono portare in deduzione il 20% del conferimento effettuato con un massimale di 1,8 milioni di euro.

Startup innovative a vocazione sociale, agevolazioni più alte

Se la startup innovativa è a vocazione sociale, allora le agevolazioni fiscali sui conferimenti effettuati sono più alte come segue: detrazione fiscale al 25%, anziché al 19%, per i soggetti passivi ai fini Irpef; deduzione fiscale al 27%, anziché al 20%, per i soggetti passivi Ires.

Iscriviti alla newsletter "Fisco"

Condividi questo post:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Giulia Adonopoulos

Giulia Adonopoulos

7 ore fa

JustMary: investire con l’equity crowdfunding nel JustEat della marijuana

JustMary: investire con l'equity crowdfunding nel JustEat della marijuana

Commenta

Condividi

Giulia Adonopoulos

Giulia Adonopoulos

3 giorni fa

Tickete: campagna crowdfunding di successo, “Abbiamo grandi obiettivi”

Tickete: campagna crowdfunding di successo, “Abbiamo grandi obiettivi”

Commenta

Condividi

Giulia Adonopoulos

Giulia Adonopoulos

2 settimane fa

Equity Crowdfunding: le migliori piattaforme in Italia nel 2018

Equity Crowdfunding: le migliori piattaforme in Italia nel 2018

Commenta

Condividi