Bonus caldaie detrazioni fino al 65%: ecco tutte le novità previste per il 2018

Bonus caldaie detrazioni fino al 65%: è stato approvato dalla Commissione Bilancio della Camera l’emendamento che prevede un’agevolazione per l’installazione di nuove caldaie.

Bonus caldaie detrazioni fino al 65% per il 2018: la Commissione Bilancio della Camera ha approvato l’emendamento che prevede un’agevolazione per quelle famiglie che decidono di installare nuove caldaie dotate di sistemi di termoregolazione evoluti.

Questa novità sull’Ecobonus, previsto dalla Manovra, garantirà quindi l’incentivo per l’installazione di caldaie più nuove ed efficienti anche per il 2018 .

Sono previste detrazioni fiscali anche per chi decidesse di sostituire la propria caldaia senza installare un modello di ultima generazione, ma si dovrà comunque procedere all’impianto di un modello di classe A.

Vediamo qui di seguito quali sono le principali novità introdotte in materia di Ecobonus per le caldaie con l’approvazione dell’emendamento alla Legge di Bilancio 2018 proposto dal Pd.

Bonus caldaie 2018: chi potrà usufruire della detrazione fiscale?

Con l’approvazione dell’emendamento, proposto dall’onorevole Antonio Misiani del Pd, il bonus caldaie viene riportato al valore massimo anche nel 2018.

La detrazione fiscale al 65% per l’installazione delle caldaie è prevista però solamente per quelle famiglie che decidano di acquistare modelli di caldaie tecnologicamente più avanzate.

Infatti potranno godere dell’agevolazione prevista dal bonus solamente le famiglie che sostituiranno l’impianto di riscaldamento con una caldaia ad alta efficienza energetica.

Tra queste troviamo:

  • generatori di aria calda del tipo “a condensazione”;
  • caldaie a condensazione di classe A integrate con pompe di calore;
  • caldaie di classe A o superiore alla quale sono stati applicati sistemi di termoregolazione.

La decisione di riportare lo sgravio fiscale al 65% è dipeso dal fatto che, a seguito di una constatazione, si è realizzato che in Italia ogni anno vengono installate oltre 630 mila caldaie e quindi la concessione di una detrazione maggiore permetterebbe di ridurre notevolmente l’inquinamento dei centri urbani.

Bonus caldaie 2018: quali caldaie non rientrano nel bonus?

Chi decidesse di sostituire la propria caldaia con una a condensazione di classe A ha comunque diritto ad una detrazione fiscale che però è inferiore rispetto a quella prevista per caldaie dotate di sistemi di termoregolazione evoluti.

Infatti le famiglie che decideranno di sostituire il loro impianto di riscaldamento con una caldaia di classe A potrà usufruire, a partire dal 1°gennaio 2018, di una detrazione Irpef al 50%.

Il bonus dunque risulta definitivamente annullato solo per gli impianti di categoria B o inferiori.

Queste le principali novità introdotte dall’emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera.

Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Iscriviti alla newsletter

Money Stories