Legnano, arrestato il sindaco leghista Fratus. Pm: “Scarsissimo senso della legalità”

Il sindaco in quota Lega di Legnano Gianbattista Fratus è stato arrestato per turbata legalità degli incanti e corruzione elettorale. Di Maio: “Nuova Tangentopoli”

Legnano, arrestato il sindaco leghista Fratus. Pm: “Scarsissimo senso della legalità”

La giunta leghista di Legnano è stata azzerata da un’inchiesta della magistratura che ha portato all’arresto delle più alte cariche di uno dei comuni simbolo del Carroccio. Gianbattista Fratus, sindaco della Lega, è stato sottoposto agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta denominata dagli inquirenti “Piazza Pulita”. Domiciliari anche per l’assessora al bilancio Chiara Lazzarini (Forza Italia), mentre è in carcere l’assessore al bilancio e vicesindaco di Legnano Maurizio Cozzi, anch’egli appartenente a FI.

I tre sono indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, corruzione elettorale. Il Comune di Legnano è stato commissariato dal prefetto, e gli amministratori coinvolti sono stati sospesi.

Legnano, logiche di supremazia personale in Comune

Stando agli atti, il primo cittadino avrebbe utilizzato un modus operandi ispirato a logiche di supremazia personale e di controllo totalitario delle amministrazioni pubbliche”, una seriale attività di rafforzamento della propria posizione di potere “caratterizzata da particolare pervicacia e mancanza di percezione del disvalore” sociale e penale della condotta stessa.

Per la pm Nadia Calcaterra particolarmente allarmante è lo “scarsissimo senso della legalità” negli indagati, che “non percepiscano la gravità delle loro azioni”. Nel mirino dei magistrati una sfilza di nomine, improntata alla collocazione di “amici e conoscenti, comunque persone gradite e in ogni caso manovrabili in quanto asserviti alle loro direttive”.

Corruzione, arrestato sindaco di Legnano

Nuovo caso di corruzione per la Lega. È un vero e proprio terremoto quello che ha coinvolto la giunta di Gianbattista Fratus, sindaco vicinissimo al leader del Carroccio e vicepremier Matteo Salvini, il cui nome compare nell’ordinanza del gip. L’approccio del sindaco e degli altri arrestati sarebbe stato volto alla creazione di una rete di potere grazie alla nomina di soggetti riconoscenti, anche stilando bandi su misura della persona scelta in precedenza.

In particolare, l’inchiesta della magistratura si concentra sulle nomine di tre incarichi pubblici: la selezione del dirigente per lo sviluppo organizzativo del Comune, del nuovo direttore generale di Amga Legnano, e di un incarico professionale alla partecipata Euro.Pa Service. La corruzione elettorale riguarda invece la promessa, all’epoca delle amministrative 2017, di un posto presso Aemme Linea Ambiente a Martina Guidi, figlia di un candidato non arrivato al ballottaggio, in cambio del sostegno elettorale. Poco dopo, in effetti, Guidi figlia è stata nominata nel cda dell’azienda nonostante l’inadeguatezza al ruolo del curriculum.

Vice prefetto nominata Commissario del Comune

Il Prefetto di Milano Renato Saccone, considerato il caso di necessità ed urgenza, ha nominato il vice prefetto Cristiana Cirelli, Commissario per la provvisoria gestione dell’Ente.

Il vicepremier Luigi Di Maio si è detto molto preoccupato per “arresti e indagati tutti per casi di tangenti e corruzione, che hanno coinvolto sia la destra che la sinistra”. Per il capo dei 5 Stelle è il sistema dei partiti che continua ad essere fortemente inquinato: “Il 26 maggio la scelta sarà tra noi e questa nuova tangentopoli”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Lega

Argomenti:

Lombardia Milano Lega

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.