La Germania chiude tutto, ma vede la ripresa nel 2021: i dati

Violetta Silvestri

18 Dicembre 2020 - 11:54

18 Dicembre 2020 - 12:42

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Nella Germania chiusa in lockdown, la fiducia delle imprese torna a salire. Cosa dicono gli ultimi dati tedeschi sulla ripresa 2021.

La Germania chiude tutto, ma vede la ripresa nel 2021: i dati

La Germania continua a essere la nazione guida della ripresa economica per l’intero blocco europeo sconvolto dalla pandemia.

I dati tedeschi sono da sempre osservati speciali, considerando che il Paese è il motore del continente e i segnali che provengono da Berlino vengono letti come annunci negativi o positivi per il 2021, mai come adesso atteso per uno sperato rilancio.

Così, in piena ondata epidemiologica di fine anno, con il lockdown già attivo in Germania, gli indici di fiducia tedeschi rilevati a dicembre sono stati una sorpresa positiva.

La ripresa dell’economia UE nel 2021 appare più certa: come leggere i risultati della Germania?

La Germania spera nel rilancio del 2021

Non ha perso l’ottimismo il settore imprese tedesco. La Germania, alle prese con una spesa pubblica da record, che ha fatto salire il debito in deroga ai principi costituzionali di austerità, non ha perso la positività per il 2021.

Nonostante la nazione sia piombata in un nuovo e rigoroso blocco delle attività commerciali in vista delle festività natalizie, gli indici di fiducia sono tornati a salire.

Le imprese tedesche sperano che la più grande economia europea riprenderà nella prima metà del prossimo anno. Un indicatore che misura le aspettative per i prossimi sei mesi è salito a 92,8 a dicembre da 91,8 del mese precedente. Le aziende erano anche più ottimiste sulla situazione attuale, segno che le rigide restrizioni sui nuovi coronavirus interessano solo alcuni settori.

Il presidente dell’Istituto IFO ha commentato:

“Nel complesso l’economia tedesca sta dimostrando capacità di recupero. Il sentiment nel settore manifatturiero è aumentato notevolmente e la fiducia nel settore dei servizi ha recuperato un po’.”

Il sondaggio è stato condotto dall’1 al 17 dicembre, con la maggior parte delle risposte ricevute nelle prime due settimane del mese, prima dell’annuncio ufficiale del blocco forzato del Paese.

I negozi non essenziali della Germania sono stati chiusi dal 16 dicembre nel tentativo di riprendere il controllo sulle infezioni, aggiungendosi alle restrizioni già in vigore per ristoranti, bar e la maggior parte delle attività ricreative. I freni sono in vigore fino al 10 gennaio, anche se il cancelliere Angela Merkel ha già lasciato intendere che probabilmente verranno estesi.

Il presidente IFO ha quindi aggiunto:

“Le aziende e le persone nei settori colpiti hanno problemi molto grandi, e certamente alcuni di loro dovranno rinunciare. Eppure le ricadute saranno limitate e non trascineranno completamente l’economia

Una notizia non trascurabile, considerando che l’ultima rilevazione sul PMI dei servizi aveva lasciato intravedere segnali pessimistici sulla Germania e, di conseguenza, sulla stessa Eurozona, travolti da restrizioni in questo finale di anno.

Ottimismo, ma con rischi. Anche in Germania

Finora la nazione tedesca si è ripresa meglio di molti dei suoi vicini, a causa della sua dipendenza relativamente maggiore dall’industria, che è stata in grado di adattarsi alla pandemia. Tuttavia, gli economisti hanno recentemente ridotto le previsioni per il quarto trimestre, stimando un altro crollo.

Il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha avvertito che l’economia tedesca potrebbe subire tensioni maggiori a breve termine di quanto la sua istituzione avesse previsto nelle sue ultime proiezioni.

Tuttavia, ha affermato che è plausibile presumere che i progressi della medicina e dei vaccini consentiranno una graduale eliminazione delle restrizioni dalla primavera del 2021 in modo che la ripresa possa farsi strada.

Non solo in Germania, ma in tutta l’Europa.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories