Cooperazione industriale e tecnologica: il rapporto tra Italia e Norvegia

Domenico Letizia

3 Dicembre 2020 - 17:29

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Nonostante la battuta d’arresto dell’economia dettata dall’emergenza sanitaria, l’Italia e la Norvegia intendono sostenere e promuovere la loro cooperazione industriale e tecnologica. Ecco cosa aspettarsi.

Cooperazione industriale e tecnologica: il rapporto tra Italia e Norvegia

Si è svolto un importante seminario online di approfondimento, organizzato dall’Ambasciata italiana ad Oslo e da Leonardo Helicopters, sulla cooperazione imprenditoriale, scientifica e tecnologia tra Norvegia e Italia.

Il seminario online ha voluto valorizzare lo scambio di buone pratiche tra operatori industriali norvegesi e italiani. In un contesto storico in cui il commercio mondiale registra un’importante battuta d’arresto, l’Ambasciata d’Italia a Oslo e Leonardo S.p.A. intendono sostenere e promuovere la cooperazione industriale tra Norvegia e Italia.

Cooperazione industriale e tecnologica tra Italia e Norvegia

I lavori del webinar, ispirato dai buoni risultati ottenuti dalla collaborazione tra Leonardo (Divisione Elicotteri) e Kongsberg Defence & Aerospace (KDA) sul programma NAWSARH (AW101 SAR), ha intenso fornire un mix di prospettive e interventi commerciali futuri con l’obiettivo di condividere nuove idee per il presente e per l’immediato futuro. Hanno introdotto i lavori Alberto Colella, Ambasciatore italiano nel Regno di Norvegia e il Sottosegretario agli Affari Esteri Ivan Scalfarotto.

Tra i partecipanti numerose personalità della Difesa norvegese, del Ministero della Giustizia e della Confindustria norvegese, assieme a rappresentanti di importanti aziende italiane e norvegesi quali ENI-VårEnergi, VARD/Fincantieri, eGeos e la norvegese Kongsberg Defence and Aerospace.

Durante i lavori è emerso che una componente rilevante dell’export italiano è riconducibile ai rapporti di subfornitura in essere con le società operanti nella piattaforma energetica offshore norvegese. Ivan Scalfarotto ha ricordato che “i rapporti tra Italia e Norvegia sono da sempre amichevoli. Italia e Norvegia hanno posizioni convergenti sulla maggior parte delle principali questioni internazionali. La Norvegia riveste una notevole importanza per il nostro Paese.

Un paese molto importante per l’Italia per le risorse energetiche di cui dispone che ne fanno il secondo fornitore di petrolio e gas per l’intero contesto europeo e per il ruolo che l’ENI occupa da decenni sulla piattaforma continentale norvegese, senza dimenticare le opportunità che si sviluppano anche ai nostri subfornitori. Inoltre, altre tematiche che rappresentano nuove opportunità di sinergia sono identificabili nello sviluppo tecnologico e innovativo sia in ambito di difesa, controllo delle coste e la continua crescita che la tecnologia spaziale sta assumendo per l’Europa e per la Norvegia”.

I settori su cui puntare

L’aumento del valore dell’export nel 2019 è considerevolmente legato alla ripresa dell’industria petrolifera, e degli investimenti che vi sono stati effettuati, anche se tale tendenza non si è ripetuta nel 2020 a causa del calo generalizzato del prezzo del petrolio come diretta conseguenza della diffusione globale della pandemia sanitaria. Tra gli altri settori con crescenti opportunità commerciali vi è quello dei trasporti, grazie al Piano Nazionale dei Trasporti e alle innumerevoli gare d’appalto lanciate nel corso degli ultimi anni sia dall’ente ferroviario pubblico che dalla società Nye Veier, che gestisce la rete stradale.

Tuttavia, i settori più promettenti per la cooperazione economica tra Italia e Norvegia sono identificabili nella tecnologia spaziale, nella cyber security e l’innovazione tecnologica civile e militare.

“Leonardo Helicopters ha in avanzata realizzazione un contratto per la fornitura al governo norvegese di 16 elicotteri AW-101 per “search&rescue”, ha ribadito, nel corso dei lavori online, Massimo Basile dell’Ufficio Commerciale di Leonardo per gli stati del Nord Europa e degli stati baltici. Ricordiamo che il valore della fornitura è di circa 1,5 miliardi di euro.

La recente progettualità del governo norvegese di voler intraprendere un massiccio ammodernamento del settore della Difesa, con un piano varato nel 2017, prevede un aumento continuo, su base annuale, degli investimenti con una programmazione economica calcolata intorno ai 200 milioni di euro, onde raggiungere entro il 2037 un incremento globale di circa 18-20 miliardi euro.

Gli obiettivi della cooperazione

Gli obiettivi da raggiungere consistono nella volontà e capacità di migliorare l’intervento rapido ed immediato del sistema di difesa autonoma del Regno. Nel Paese, il protagonista italiano in appalti e progettualità è Leonardo S.p.A. che ha in corso diverse forniture di materiale da difesa così come interessanti appaiono le prospettive per Iveco.

La priorità regionale è assicurare tecnologia avanzata e innovazione continua per le flotte di elicotteri operanti in Scandinavia e nel resto del Regno, collaudando le trasmissioni e le comunicazioni prima della introduzione in servizio e permettendo di ridurre i tempi e i costi delle attività di manutenzione, riparazione, monitoraggio e revisione. Una cooperazione che, nonostante la pandemia, non conosce crisi e che può rafforzare lo scambio di sinergie e conoscenze tra la Norvegia e l’Europa, con il protagonismo dell’eccellenza italiana. Innovazione, tecnologia e ricerca giacché la fornitura di elicotteri di Leonardo S.p.A. sarà coinvolta nell’intraprendere servizi di supporto per la flotta norvegese impiegata per compiti di ricerca e soccorso nel nord del Regno e nella zona artica. Iniziative tese a sviluppare una nuova dimensione per le operazioni di controllo del mare e per la protezione dalle navi.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories