Borsa Oggi, 9 luglio 2021: Ftse Mib chiude sopra 25 mila punti

Luca Fiore

09/07/2021

09/07/2021 - 17:56

condividi

Seduta all’insegna degli acquisti per la Borsa oggi, 9 luglio 2021. Sul Ftse Mib, che ha terminato la settimana sopra i 25 mila punti, performance particolarmente positive sono registrate dalle banche. Tonfo per Amplifon.

Borsa Oggi, 9 luglio 2021: Ftse Mib chiude sopra 25 mila punti

Dopo le forti vendite di ieri, la Borsa oggi ha chiuso in solido territorio positivo: sul Ftse Mib in particolare evidenza le performance dei titoli del comparto bancario mentre le azioni Amplifon sono state colpite da un’ondata di vendite.

Lo spauracchio per gli operatori è rappresentato dalla combinazione tra ritiro degli stimoli da parte della Federal Reserve e le nuove varianti del virus. Oggi indicazioni positive sono arrivate dal Fondo monetario internazionale, che ha messo in campo 650 miliardi di dollari per sostenere la ripresa.

In corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa, il future con consegna settembre sul petrolio Brent sale del 2% a 75,6 dollari al barile mentre l’eurodollaro segna un incremento dello 0,13% a 1,18603.

Borsa Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib sopra i 25 mila punti

La settimana del Ftse Mib si è chiusa sopra quota 25 mila a 25.051,82 punti (+1,67%) grazie ai forti rialzi registrati tra i titoli del comparto bancario (+5,8% di Banco BPM, +2,72% per Mediobanca, +2,15% per Intesa Sanpaolo e +3,26% di UniCredit).

Positiva nella prima parte, Recordati ha chiuso con un +0,2% in attesa di novità sul nuovo Ad.

La palma di titolo peggiore del Ftse Mib va ad Amplifon, scesa del 6,39%.

L’ondata di vendite, che ha riguardato anche i competitor europei, è stata innescata dal provvedimento con cui l’amministrazione Biden ha detto di voler proteggere alcuni settori, con particolare riferimento a quello degli apparecchi acustici, caratterizzati dalle eccessive speculazioni in termini di prezzo.

Dal fronte obbligazionario, lo spread BTP-Bund è sceso di un punto e mezzo percentuale a 110 punti base.

Questa mattina il Ministero dell’Economia ha collocato Bot ad un anno per 7,5 miliardi di euro. Con richieste a 9,4 miliardi di euro, il rendimento medio ponderato ha evidenziato un incremento di 3 punti base rispetto all’ultima asta portandosi al -0,459%.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib torna a vedere i 25 mila punti

A Parigi il Cac40 sale dell’1,7%, il tedesco Dax evidenzia un +0,84% ed il Ftse Mib quota di poco sotto i 25 mila punti (24.986,46 punti, +1,4%).

Andamento speculare per lo spread BTP-Bund, in calo dell’1,2% a 110 punti base. Questa mattina il Ministero dell’Economia ha collocato Bot ad un anno per 7,5 miliardi di euro.

Con richieste a 9,4 miliardi di euro, il rendimento medio ponderato ha evidenziato un incremento di 3 punti base rispetto all’ultima asta portandosi al -0,459%.

Tra le singole performance sul paniere delle blue chip spiccano quelle del comparto bancario: Banco BPM avanza del 4,5%, Mediobanca del 2,8%, Intesa Sanpaolo del 2,21% ed UniCredit del 2,07%.

Guadagni quasi azzerati per Nexi (+0,16%) che, secondo i rumor, starebbe valutando l’acquisizione del merchant acquiring della greca Eurobank.

Recordati sale dell’1,16% in attesa di novità sul nuovo Ad.

Future Wall Street: prevista apertura positiva (Nasdaq escluso)

A due ore e mezza dall’avvio degli scambi, il derivato sul Dow Jones registra un +0,59%, quello sullo S&P500 avanza dello 0,33% ed il future sul Nasdaq arretra dello 0,16%%.

Aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib sale di mezzo punto percentuale

La seduta del listino della City, il Ftse100, parte con un +0,46%, il Cac40 segna un +1,05%, il Dax un +0,55% ed il nostro Ftse Mib quota 24.765,67 punti (+0,5%).

Come detto, tra le performance migliori troviamo quelle di Banco BPM (+2,31%) e Nexi (+0,99%).

La prima ha concluso con successo la prima emissione di «Social Bond» da 500 milioni di euro mentre la seconda, secondo i rumor, starebbe valutando l’acquisizione del merchant acquiring della greca Eurobank.

Partenza positiva anche per Recordati (+1,4%), per la quale si profila un cambio ai vertici. Alfredo Altavilla lascerà la presidenza all’attuale Ad, Andrea Recordati, il cui posto sarà preso, secondo quanto riportato dalla stampa, da un manager di standing internazionale.

“Con riferimento all’articolo pubblicato oggi su un quotidiano nazionale, Recordati comunica che è stato avviato, nel miglior interesse della Società e di tutti gli stakeholders, un processo volto a rafforzare la governance dell’azienda, al fine di sostenere ulteriormente il continuo sviluppo a medio lungo termine del Gruppo”, si legge in un breve comunicato diffuso dalla società.

Per quanto riguarda il comparto obbligazionario, lo spread BTP-Bund è stabile a 111 punti base. Oggi il Tesoro collocherà Bot ad un anno per 7,5 miliardi di euro.

Borse Asia: Nikkei ancora in rosso

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng nell’ultima seduta della settimana registra un +0,79%, il China A50 è sceso dello 0,63% e l’australiano S&P/ASX 200 ha evidenziato un -0,93%.

Rosso di poco più di mezzo punto percentuale per il giapponese Nikkei (-0,63%).

Wall Street: indici sotto la parità

La seduta del Dow Jones si è chiusa con un -0,75%, lo S&P500 ha segnato un -0,86% ed il Nasdaq è sceso dello 0,72%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.