Agevolazioni SIMEST: contributi fino al 40% a fondo perduto a sostegno delle aziende esportatrici

SIMEST ha messo a disposizione una serie di aiuti volti a incentivare l’export italiano: ecco tutti i dettagli sui finanziamenti agevolati e contribuiti a fondo perduto SIMEST.

Agevolazioni SIMEST: contributi fino al 40% a fondo perduto a sostegno delle aziende esportatrici

Il Comitato Agevolazioni, istituito presso SIMEST (società di Cassa Depositi e Prestiti controllata da SACE), come anticipato nel Decreto Rilancio, ha messo a disposizione e potenziato una serie di aiuti a favore delle imprese a sostegno dell’export italiano.

Il pacchetto di misure, a valere sul Fondo 394, prevede una dotazione finanziaria di 600 milioni di euro, ai quali si aggiungono ulteriori 300 milioni per le quote di cofinanziamento a fondo perduto. Le imprese italiane hanno dunque la possibilità di richiedere finanziamenti agevolati, su diverse linee di attività, con quote a fondo perduto che possono arrivare fino al 40%.

L’esenzione dalla prestazione delle garanzie da parte delle imprese richiedenti, che durerà fino al 31 dicembre 2020, rende ancor più incentivanti questo genere di aiuti, agevolando la procedura valutativa. Le aziende, secondo gli obiettivi che si impone SIMEST, potranno ricevere materialmente il finanziamento entro circa un mese dalla presentazione della domanda.

Vediamo quindi le agevolazioni specifiche fornite da SIMEST per ciascuna linea di attività e il relativo contributo a fondo perduto.

Agevolazioni SIMEST: aiuto alla patrimonializzazione delle aziende esportatrici

L’agevolazione, inizialmente prevista per le sole PMI] ed estesa anche alle MidCap a partire dal 6 agosto, prevede un finanziamento a tasso agevolato assistito da un contributo a fondo perduto del 40% (fino a un massimo di 100.000€).

La misura prevede come criteri di ammissibilità un fatturato export medio pari almeno al 20% sul totale nell’ultimo biennio e un indice di patrimonializzazione (Patrimonio netto su Immobilizzazioni nette) inferiore a 2 nel caso di imprese industriali e 4 nel caso di imprese commerciali.

Richiedi una prevalutazione per ottenere il contributo

L’agevolazione è particolarmente interessante per via del fatto che, a seguito dell’erogazione dell’importo, viene richiesto all’impresa senza obbligatorietà il solo aumento dell’indice di patrimonializzazione nei seguenti due anni.

Dal rispetto o meno di questa condizione dipenderà il tasso di interesse applicato alla quota di finanziamento agevolato (0,085% o 0,85%) e lo scioglimento delle garanzie acquisite.

Agevolazioni SIMEST per aprire o ampliare delle proprie strutture all’estero

L’agevolazione è rivolta alle imprese che hanno intenzione di aprire o ampliare delle proprie strutture all’estero. Questa prevede anche in questo caso un finanziamento a tasso agevolato con una quota a fondo perduto pari al 20% della domanda.

Sono previste le seguenti spese ammissibili:

  • Spese di funzionamento della struttura (locali, allestimento, personale ecc.);
  • Spese per attività promozionali, formazione, consulenze, altre spese promozionali;
  • Spese generali nella misura del 20% della somma delle altre spese.

Agevolazioni SIMEST per lo sviluppo e creazione di e-commerce o market place

Il bando prevede un finanziamento agevolato assistito da un contributo a fondo perduto pari al 40% della domanda (fino a 100.000€) per la creazione di un proprio e-commerce o market place rivolto ad un paese estero. Le spese finanziamenti possono essere sostenute, una volta presentata la domanda, nei 12 mesi successivi al perfezionamento del contratto.

Richiedi una prevalutazione per ottenere il contributo

Sono previste le seguenti spese ammissibili:

  • Creazione o sviluppo di una propria piattaforma informatica;
  • Spese relative alla gestione al funzionamento della piattaforma informatica / market place;
  • Attività promozionali;
  • Attività di formazione connesse allo sviluppo del programma.

Sono finanziabili tutti i domini senza limitazioni di paese (inclusi .com, .net, .eu, .it, ecc.).

Agevolazioni SIMEST anche per fiere, mostre e missioni estere

È un finanziamento a tasso agevolato, con contributo a fondo perduto pari al 40% della domanda, per sostenere la partecipazione a fiere, mostre, missioni imprenditoriali/eventi promozionali e missioni di sistema, anche virtuali, per promuovere l’attività nei mercati esteri o in Italia (ammesso che l’evento abbia valenza internazionale). Ogni domanda inviata può riguardare una sola iniziativa fieristica.

Sono previste le seguenti spese ammissibili relative a fiere, mostre, missioni la cui data di inizio sia successiva alla data di presentazione della domanda:

  • Spese per l’area espositiva e relativo allestimento;
  • Personale;
  • Logistica;
  • Attività promozionali;
  • Consulenze.

Inserimento temporaneo in azienda di Temporary Export Manager (TEM)

L’agevolazione prevede un finanziamento a tasso agevolato, con una quota a fondo perduto pari al 40%, per l’inserimento temporaneo in azienda di “Temporary Export Manager” (TEM).

Il progetto deve essere finalizzato alla realizzazione di progetti di internazionalizzazione attraverso la sottoscrizione di un apposito contratto di prestazioni consulenziali erogate esclusivamente da società di servizi (anche straniere).

Sono considerati come Temporary Export Manager anche i “Temporary Digital Marketing Manager” e i “Temporary Innovation Manager” (ammesso che i servizi siano finalizzati a sviluppare dei processi di internazionalizzazione).

Studi di fattibilità in paesi esteri

L’agevolazione ha per oggetto gli studi di fattibilità, o prefattibilità, in un paese estero. In riferimento a questa attività SIMEST mette a disposizione un finanziamento agevolato di importo massimo pari a 350.000€ assistito da un contributo a fondo perduto del 40%.

Le attività ammissibili sono le seguenti:

  • Spese connesse ai viaggi, soggiorni e indennità di trasferta del personale interno adibito allo studio;
  • Spese connesse ai viaggi, soggiorni e indennità di trasferta del personale esterno adibito allo studio (da incaricare con apposito contratto di collaborazione);
  • Retribuzione del personale (per un importo massimo pari al 15% del totale della domanda).

Programmi di assistenza tecnica

SIMEST distingue l’assistenza tecnica in due tipologie:

  • assistenza tecnica per la formazione”: formazione tecnica del personale in loco successivamente alla realizzazione di un investimento.
  • assistenza tecnica post vendita”: assistenza post vendita che devono essere previste nel contratto di fornitura collegato a tali iniziative.

In merito a tali attività è concesso un finanziamento a tasso agevolato con limite massimo pari a 300.000€ assistito da un contributo a fondo perduto pari al 40% della domanda.

Le spese finanziabili per l’assistenza tecnica della formazione sono:

  • Retribuzioni del personale interno per il tempo dedicato al programma;
  • Spese connesse ai viaggi, soggiorni e indennità di trasferta del personale interno adibito allo studio;
  • Spese connesse ai viaggi, soggiorni e indennità di trasferta del personale esterno adibito allo studio (da incaricare con apposito contratto di collaborazione).

Per i programmi post vendita è finanziabile un importo pari al 5% del valore della fornitura relativa ai beni ai esportati.

Richiedi una prevalutazione per ottenere il contributo

Iscriviti alla newsletter

Money Stories