Imposte

Le imposte sono prelevamenti coattivi di ricchezza (reddito o patrimonio) che lo Stato effettua sulla base di principi stabiliti a livello costituzionale.

In Italia, per esempio, i principi costituzionali cardine nel prelevamento delle imposte sono:

  • il principio di capacità contributiva (articolo 53 della Costituzione), secondo il quale ogni cittadino è chiamato a contribuire alle spese dello Stato in ragione della propria capacità di produrre reddito. Gli indicatori di capacità contributiva sono tre ovvero il reddito, il patrimonio ed il consumo;
  • il principio di solidarietà (articoli 2 e 53 della Costituzione), secondo il quale le imposte sono comunque dovute da ciascun cittadino, anche al fine di venire incontro alle esigenze dei cittadini meno abbienti.

Le imposte sono destinate a finanziare quelle spese che la dottrina tributaria definisce “indivisibili”, nel senso che vanno a finanziare servizi rivolti alla pluralità dei cittadini.

A proposito di imposte, conosci la differenza esistente con tasse e contributi?
Per approfondire puoi leggere questo interessante approfondimento:
Qual è la differenza tra imposte, tasse e contributi?

Imposte, ultimi articoli su Money.it

Proroga scadenza imposte 2019 in arrivo?

I nuovi ISA rischiano seriamente di portare ad una proroga della scadenza delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi 2019 in scadenza il prossimo 1° luglio.

Flat Tax: come funziona?

Flat tax: cos’è e come funziona la tassa piatta del 15%? Di seguito le regole e l’analisi della riforma proposta dalla Lega, con le possibili novità in arrivo all’interno del DEF.

Definizione liti pendenti, domanda online per la pace fiscale

Domanda online anche per la definizione agevolata delle liti pendenti. Le novità sulle modalità di accesso alla pace fiscale delle controversie tributarie, in scadenza il 31 maggio 2019, sono attive sul sito dell’Agenzia delle Entrate dal 6 marzo.

Tari, calcolo penalizzante per i più poveri

Il calcolo della Tari va rivalutato in base alla produzione dei rifiuti, lo ha proposto Bankitalia che ha condotto uno studio sui bilanci degli italiani da cui risulta che i più poveri sono anche penalizzati dal sistema.

|