Decreto Lampedusa in vigore: cosa prevede, testo e novità su sbarchi e migranti

Entra oggi in vigore il decreto legge Lampedusa con le disposizioni in materia di trasporto scolastico e aiuti economici per i cittadini siciliani che affrontano l’emergenza migranti. Cosa prevede e testo pdf.

Decreto Lampedusa in vigore: cosa prevede, testo e novità su sbarchi e migranti

Da oggi entra in vigore il decreto Lampedusa, battezzato così dalla stampa per via delle misure a sostegno della piccola isola siciliana dopo i numerosi sbarchi delle scorse settimane. Il testo interviene su due fronti:

  • da una parte disciplina il trasporto pubblico locale e scolastico in applicazione delle misure di prevenzione della Covid-19;
  • dall’altra sospende i versamenti tributari e contributivi nei confronti degli abitanti di Lampedusa e Linosa e prevede una serie di aiuti finanziari nel settore turistico, agricolo e della pesca.

Obiettivo del Governo è dare un sostegno concreto ai privati cittadini e alle imprese delle isole Pelagie mediante la sospensione dei versamenti tributari, dei contributi previdenziali e dei premi per assicurazione e malattie professionali fino al 21 dicembre 2020. L’isola siciliana è in sofferenza economica e “merita una risposta forte dello Stato”, queste le parole del premier Conte alla chiusura del Consiglio dei Ministri che si è tenuto la scorsa settimana.

DECRETO-LEGGE 8 settembre 2020, n. 111
Disposizioni urgenti per far fronte alle esigenze finanziarie e di sostegno per il nuovo anno scolastico legate all’emergenza da COVID-19.

Il testo del decreto dovrà essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, pena la decadenza.

Decreto Lampedusa: cosa prevede su sbarchi e migranti

Oltre ai danni economici causati dal coronavirus - soprattutto per le attività connesse al turismo - l’isola di Lampedusa paga il pegno di essere meta di approdo di centinaia di migranti. Il Governo ne ha riconosciuto le criticità e in via eccezionale ha emanato un decreto che introduce diverse misure per aiutare il fragile equilibrio delle isole siciliane di Lampedusa e Linosa. Per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa in questi territori sono sospesi fino al 21 dicembre 2020 i versamenti per:

  • tributi;
  • contributi previdenziali ed assistenziali;
  • premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali.

Nel testo del decreto Lampedusa leggiamo anche che le imprese che operano nel turismo, nell’agricoltura e nella pesca possono beneficiare dei mutui agevolati (misura che si estende anche a tutte le imprese colpite dal sisma del centro italia). Per la copertura finanziaria il Governo ha stanziato una cifra importante: 1 milione di euro per il biennio 2020-2021.

Cosa ha stabilito il decreto Lampedusa su Scuola e trasporti

Altra parte importante del decreto appena entrato in vigore riguarda la Scuola, in particolare la gestione dei mezzi pubblici e degli scuolabus in vista della riapertura nazionale fissata il 14 settembre.

Il decreto autorizza la spesa di 3 milioni di euro per il 2020 e altri 6 milioni per il 2021 per migliorare l’edilizia scolastica e garantire il distanziamento sociale. Questi soldi saranno destinati e gestiti direttamente dagli enti locali.

Invece per implementare il trasporto scolastico:

“possono essere utilizzate dai comuni, nel limite complessivo di 150 milioni, per il finanziamento di servizi di trasporto scolastico aggiuntivi. A tal fine, ciascun comune puo’ destinare nel 2020 per il trasporto scolastico risorse aggiuntive nel limite del 30% della spesa sostenuta per le medesime finalita’ nel 2019.”

Confermato il diritto allo smart working e al congedo straordinario per i genitori lavoratori durante la quarantena obbligatoria del figlio convivente facente parte del nucleo familiare.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories