Chi è Paola Muraro assessore Ambiente di Roma?

Paola Muraro: chi è l’assessore all’ambiente nella nuova giunta Raggi del Comune di Roma? Ecco curriculum vitae e storia di Paola Muraro, con particolare riferimento alla questione del conflitto di interessi Ama.

Chi è Paola Muraro assessore all’ambiente del Comune di Roma nell’ambito della nuova giunta guidata da Virginia Raggi? Paola Muraro rappresenta oggi la prima grande questione politica della giunta romana a cinque stelle: ma chi è Paola Muraro e perché suscita così tante polemiche il suo nome?
Paola Muraro è l’assessore all’ambiente del Comune di Roma per la nuova giunta pentastellata guidata da Virginia Raggi; il suo curriculum vitae è importante ma ha un piccolo particolare: per più di 10 anni Paola Muraro è stata consulente AMA ovvero professionista interna di una società della quale ora è chiamata a fare da controllore per il Comune. Ecco perché si parla di conflitto d’interessi e non solo.

Ecco chi è Paola Muraro nuovo assessore all’ambiente del Comune di Roma e qual è il suo curriculum vitae.

Chi è Paola Muraro assessore Ambiente Comune di Roma?

In queste settimane sempre più lettori si chiedono: chi è Paola Muraro e qual è il suo curriculum vitae?
Paola Muraro, classe ’64, è un consulente ambientale; laureata in Scienze Agrarie - indirizzo produzione vegetale - nel 1990 da subito intraprende la carriera nella consulenza alle aziende in materia di ambiente, energia e formazione ambientale.
Tra le aziende alle quali presta consulenza, e forse non farà piacere ai grillini, spiccano i nomi di Impregilo S.p.A. e Ama ovvero l’azienda che a Roma si occupa di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Ecco il curriculum vitae completo dell’assessore all’ambiente del Comune di Roma Paola Muraro:

Chi è Paola Muraro assessore nella giunta Raggi? La questione del conflitto di interessi Ama

Come può leggere dal curriculum vitae, Paola Muraro ha lavorato per più di dieci anni facendo consulenza all’AMA, l’azienda che a Roma si occupa di raccolta e smaltimento di rifiuti solidi urbani. Oggi la stessa Paola Muraro, in qualità di assessore all’Ambiente della rivoluzionaria giunta di Virginia Raggi, deve governare il cambiamento dell’azienda, facendo un pò da controllore di questa delicata fase.
Ma con quale serenità potrà agire Paola Muraro nei confronti dell’azienda dove ha lavorato per più di 10 anni e dalla quale ha incassato più di 1 milione di euro?

La questione rappresenta il primo vero grande tema politico nazionale cui le nuove importanti giunte comunali grillini devono rapportarsi.
In altre parole, chi è Paola Muraro e quale potrà essere il Suo ruolo rispetto alla riforma dell’AMA promessa da Virginia Raggi ed invocata a gran voce dai cittadini romani? Le forze di oppozione ed il PD in particolare già ne chiedono le dimissioni.

Il dubbio che cittadini e commentatori politici si pongono è il seguente: c’è conflitto di interessi?
Sergio Rizzo, apprezzato giornalista e scrittore con Gian Antonio Stella di libri importanti come “La Casta”, ne parla apertamente nel suo ultimo editoriale: si tratta di un conflitto di interessi enorme.

Chi è Paola Muraro assessore Ambiente Comune di Roma ma soprattutto: chi l’ha nominata?

Al di là della questione del conflitto di interessi (comunque fondamentale) ce n’è un’altra forse anche più importante in prospettiva.
Oltre a scoprire chi sia davvero Paola Muraro, nuovo assessore ambiente della giunta M5S a Roma, dobbiamo comprendere chi ha scelto questa professionista per il delicato ruolo di gestione dell’ambiente nel Comune di Roma.
La questione, infatti, assume anche rilievo nazionale alla luce della possibile vittoria del M5S alle prossime elezioni politiche nazionali.
Qual è il metodo di scelta della compagine di Governo (ancorché comunale) utilizzato dal M5S?

Intendiamoci: qui nessuno mette in dubbio onestà e buone intenzioni in modo aprioristico.
Tuttavia, diverse coincidenze riportano alla mente discussioni tipiche della nefasta era berlusconiana (è davvero tramontato il berlusconismo quale forma mentis della nostra politica?!).
La giunta di Roma è quella che si è formata con maggiore lentezza, soprattutto se confrontata con la giunta torinese della Appendino.
Dunque: tutta quella attesa da cosa è stata causata? E’ stata Virginia Raggi in persona (o Beppe Grillo o chi altro?) a scegliere direttamente gli assessori del Comune di Roma che devono attuare la tanta attesa rivoluzione attesa dai cittadini romani?

Si tratta quindi anche di valutare la coerenza di un M5S che non può più ragionare da opposizione ma deve concretizzare le proprie idee da forza di Governo delle autonomie locali ora e (forse) del Governo del Paese domani.

E, ovviamente, queste discussioni non sono buone premesse e fanno male agli elettori dello stesso M5S. Al di là delle assurde recriminazioni del PD, uno dei responsabili più rilevanti dell’attuale disastro politico ed economico di Roma.

Chi è Paola Muraro assessore Ambiente Roma e la questione inceneritori: ecco un’altra incongruenza

Un’altra forte incoerenza che si ravvede nella nomina di Paola Muraro ad assessore all’ambiente nella giunta del Comune di Roma del M5S è la sua posizione passata nei confronti degli inceneritori, vecchio cavallo di battaglia del leader M5S Beppe Grillo.
Paola Muraro in passato non si è dichiarata contraria agli inceneritori, anzi ne ha sostenuto la necessità in chiave di ottimizzazione della gestione dei rifiuti.
E questo ovviamente non può essere accettato dall’elettorato grillino e ancora una volta grida all’incoerenza.
In effetti, basti pensare a quello che è stato fatto e detto su Pizzarotti, sindaco di Parma del M5S. Forse nel percorso di avvicinamento alle prossime elezioni politiche nazionali, ma anche per governare davvero bene grandi città come Roma e Torino, serve innanzitutto un grande sforzo di coerenza. Altrimenti si rischia di “essere confusi con gli altri”.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.