Borsa Milano Oggi, 16 marzo 2021: il risiko bancario spinge il Ftse Mib

Luca Fiore

16/03/2021

16/03/2021 - 17:59

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Borsa di Milano Oggi, 16 marzo 2021, ha chiuso con il segno più. Sul Ftse Mib spicca il balzo delle azioni del comparto bancario in scia delle ipotesi di consolidamento. Spread in aumento.

Borsa Milano Oggi, 16 marzo 2021: il risiko bancario spinge il Ftse Mib

Seduta con il segno più per la Borsa di Milano oggi: sul Ftse Mib spiccano le performance dei titoli del comparto bancario in scia delle ultime notizie.

Nel giorno della riunione dell’Ecofin, a cui ha partecipato anche il vicepresidente della BCE Luis de Guindos, negli Stati Uniti è partita la due giorni di riunioni della Federal Reserve.

Per quanto riguarda le misure della Fed per allentare le tensioni sul mercato obbligazionario, «crediamo - ha detto Filippo Diodovich, senior strategist di IG Italia- che Powell cercherà ancora di ripetere le stesse espressioni già affermate al meeting del WSJ su una economia ancora lontana dalla piena occupazione e con una inflazione non vicina all’obiettivo medio del 2%».

«Riteniamo -continua l’esperto- che Powell non parlerà di controllo della curva dei rendimenti o di Operation Twist. Tali scelte potrebbero portare tensioni sui mercati obbligazionari con un rendimento del decennale che potrebbe toccare quota 1,75% nel corso delle prossime settimane».

Sul mercato delle commodity il future con consegna maggio sul Brent registra un rosso dello 0,87% a 68,28 dollari al barile mentre l’eurodollaro arretra a 1,18941 (-0,28%).

Borsa Milano Oggi, aggiornamento ore 17:40: le banche spingono il Ftse Mib

Grazie ai rialzi registrati dai titoli del comparto bancario il Ftse Mib ha chiuso la seduta a 24.261,12 punti, +0,5% rispetto al dato precedente.

Segno più anche per lo spread Btp-Bund, in aumento a 96 punti base, alla vigilia dell’emissione di un massimo di 2,5 miliardi di euro del Btp aprile 2031.

L’operazione è finalizzata al riacquisto di quattro titoli in scadenza quest’anno (due Btp, un BtpEi ed un Ctz).

A spingere il paniere delle blue chip è stato il +3,74% di Banco BPM, il +2,21% di BPER, il +2,05% di UniCredit ed il +1,71% di Mediobanca.

Secondo un’analisi elaborata da Deutsche Bank e pubblicata da Il Sole24Ore, un’integrazione tra questi ultimi due istituti creerebbe oltre 3 miliardi di euro di valore.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib si conferma in positivo

In corrispondenza del giro di boa il Ftse Mib sale dello 0,57%, il Cac40 dello 0,28% ed il Dax dello 0,68%.

Segno più per lo spread Btp-Bund che sale a 96 punti base (+2,5%).

Le banche si confermano top performer del listino principale grazie alle ipotesi di consolidamento: Banco BPM avanza del 3,48%, BPER evidenzia un +2,49%, UniCredit un +2,51% e Mediobanca un +2,47%.

Secondo un’analisi elaborata da Deutsche Bank e pubblicata da Il Sole24Ore, con un’integrazione tra l’istituto di Piazza Gae Aulenti e quello di Piazzetta Cussia si creerebbero oltre 3 miliardi di euro di valore.

Future Wall Street: prevista apertura positiva

A un’ora e mezza dall’avvio delle contrattazioni, il derivato sul Dow Jones è piatto, quello sullo S&P500 avanza dello 0,12% e il future sul Nasdaq sale dello 0,6%.

Aggiornamento ore 9:25: banche spingono il Ftse Mib

In avvio di seduta il Ftse Mib passa di mano a 24.296,50 punti (+0,65%), il Cac40 sale dello 0,3%, il Dax dello 0,62% ed il Ftse100 segna un +0,66%.

Sul fronte dei titoli di Stato, lo spread Btp-Bund avanza di un punto percentuale a 94 punti base.

Ieri il Ministero dell’Economia ha annunciato che domani emetterà fino a 2,5 miliardi di euro del Btp aprile 2031 a fronte del riacquisto di quattro titoli in scadenza quest’anno (due Btp, un BtpEi ed un Ctz).

Nei primi scambi spicca l’andamento dell’accoppiata formata da Banco BPM e da BPER, in rialzo rispettivamente del 4,44 e del 2,72 per cento in attesa di operazioni straordinarie.

Sempre in ottica di un consolidamento del comparto bancario, +1,38% di UniCredit e +2,09% di Mediobanca che, secondo un’analisi elaborata da Deutsche Bank e pubblicata da Il Sole24Ore, con un’integrazione creerebbero oltre 3 miliardi di euro di valore.

Avvio in positivo anche per Geox (+1,67%) che ha annunciato di aver chiuso l’esercizio 2020 con ricavi in calo del 33,6% a 534,9 milioni. Nei primi mesi del 2021 indicazioni positive sono arrivate nei mercati e nei canali meno impattati dalle chiusure.

Borse Asia: Nikkei in rialzo di mezzo punto percentuale

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, segna un +0,46%, il China A50 ha terminato con un +1,46% ed il Nikkei ha chiuso con un +0,52%.

Incremento dello 0,8% per l’indice australiano S&P/ASX 200.

Wall Street: nuovi record per Dow e S&P500

L’alltentamento delle tensioni sui titoli obbligazionari ha spinto il Dow Jones e lo S&P500 verso nuovi massimi storici: il primo ha chiuso con un +0,53% mentre il secondo ha segnato un +0,65%. Incremento dell’1,05% per il Nasdaq.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO