Borsa Italiana Oggi, 28 gennaio 2021: Ftse Mib recupera e chiude in positivo

Luca Fiore

28/01/2021

28/01/2021 - 18:07

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Partita negativa, la Borsa Italiana oggi, 28 gennaio 2021, ha chiuso in rialzo. Sul Ftse Mib focus sulle azioni UniCredit dopo l’ufficializzazione di Andrea Orcel alla carica di Ceo. La tre giorni di aste del Tesoro si è chiusa con i Btp.

Borsa Italiana Oggi, 28 gennaio 2021: Ftse Mib recupera e chiude in positivo

Partita negativa, la Borsa Italiana oggi è riuscita a terminare in rialzo: sul Ftse Mib focus su UniCredit dopo che Piazza Gae Aulenti ha ufficializzato che sarà Andrea Orcel a sostituire Jean Pierre Mustier nella carica di Amministratore delegato.

La debolezza delle piazze finanziarie nella prima parte è da ricondurre ai ritardi nella distribuzione dei vaccini e all’avanzata del virus negli Stati Uniti, dove nel primo mese dell’anno è stata superata, per la prima volta, la soglia degli 80 mila morti.

Per quanto riguarda le questioni interne, le consultazioni del Presidente della Repubblica oggi sono entrate nel vivo. La sensazione è che alla fine Italia Viva rientrerà nel governo e sarà varato un nuovo esecutivo in cui un ruolo di primo piano potrebbe essere appannaggio di Mario Draghi.

In corrispondenza dello stop agli scambi in Europa, l’eurodollaro avanza dello 0,11% a 1,21255 mentre il future con consegna aprile sul Brent si porta a 55,4 dollari al barile, -0,2% rispetto al dato precedente.

Borsa Italiana oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib chiude positivo

Al termine di una seduta in crescendo, il Ftse Mib si è fermato a 21.916,5 punti, +1,17% rispetto al dato precedente.

Aumento del 3,3% a 124 punti base per lo spread nel giorno dell’asta di Btp a 5 e 10 anni. In entrambi i casi i titoli collocati dal Tesoro hanno fatto segnare un incremento del rendimento offerto di 6 punti base al +0,07 ed allo 0,65%.

A Piazza Affari spicca il +4,2% messo a segno da STMicroelectronics che ha chiuso l’esercizio con ricavi e redditività in crescita. Per il trimestre corrente è atteso un ulteriore aumento del giro d’affari.

In particolare, il Ceo della società, Jean-Marc Chery, ha rilevato che, grazie alla raccolta ordini registrata nel quarto trimestre, “siamo su un percorso accelerato verso il nostro obiettivo" di fatturato.

Tra i bancari la notizia del giorno è rappresentata dall’ufficializzazione della nomina all’unanimità di Andrea Orcel come prossimo Amministratore delegato di UniCredit (+0,48%).

Incremento del 2,33% per Stellantis dopo che Dbrs Morningstar ha alzato da «BBB (low)» a «BBB» l’Issuer Rating e Senior Unsecured Debt rating.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib riduce le perdite

Alle 13 il Ftse Mib arretra dello 0,38%, il Dax perde lo 0,52% ed il Cac40 scambia in sostanziale partià (-0,05%).

Lo spread è stabile a 119 punti base dopo che il Ministero dell’economia, che negli ultimi due giorni ha collocato Ctz, BtpEi e Bot a 6 mesi, ha messo sul mercato Btp a 5 e 10 anni e il CctEu aprile 2026.

Il titolo a cinque anni, assegnato per 3,5 miliardi, ha registrato un rapporto di copertura a 1,48 e un rendimento lordo dello 0,07%, +6 punti base rispetto all’asta del 27 novembre.

Del decennale sono stati collocati 3,75 miliardi di nominale: il bid-to-cover è risultato pari a 1,38 e lo «yeld» è stato fissato allo 0,65%. Anche in questo caso l’incremento è di 6 punti. I CctEu, collocati per 1,5 miliardi, rendono lo 0,04%.

Riflettori puntati su UniCredit (-1,57%) a seguito della nomina all’unanimità di Andrea Orcel come prossimo Amministratore delegato.

Dopo la debolezza iniziale, le azioni STMicroelectronics registrano un +5,87%. La società ha fatto sapere di aver chiuso l’esercizio con ricavi e redditività in crescita e che per il trimestre corrente è atteso un ulteriore aumento del giro d’affari.

Future Wall Street: prevista apertura cauta

Al momento i derivati su Dow Jones e S&P500 fanno registrare un andamento speculare (+0,1 e -0,1 per cento) mentre il future sul Nasdaq arretra dello 0,7%.

Aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib, focus su UniCredit

A Piazza Affari il paniere delle blue chip, il Ftse Mib, nei primi scambi passa di mano a 21.485,75 punti, -0,82%, mentre lo spread è sostanzialmente stabile a 119 punti base.

Anche oggi l’appuntamento è con l’asta di titoli di Stato indetta dal Ministero dell’Economia. Dopo aver collocato Ctz, BtpEi e Bot a 6 mesi, oggi è la volta dei Btp a 5 e 10 anni e del CctEu aprile 2026. Ai minimi storici nell’ultimo appuntamento, il rendimento dei titoli è stimato in lieve rialzo.

Avvio sotto la parità per il Dax (-1,52%), per il Ftse100 (-1,27%) e per il Cac40 (-0,91%).

A Piazza Affari la notizia del giorno è rappresentata dall’ufficializzazione della nomina all’unanimità Andrea Orcel come prossimo Amministratore delegato di UniCredit (-1,09%).

Orcel, che sostituisce Jean Pierre Mustier, è stato definito dal presidente designato Pier Carlo Padoan “un solido leader di respiro internazionale, molto rispettato e impegnato a raggiungere risultati insieme alla sua squadra”.

Meno 1,58% per STMicroelectronics che ha chiuso l’esercizio con ricavi e redditività in crescita. Per il trimestre corrente è atteso un ulteriore aumento del giro d’affari.

Forti vendite anche su Stellantis (-3,22%) nonostante Dbrs Morningstar abbia alzato da «BBB (low)» a «BBB» l’Issuer Rating e Senior Unsecured Debt rating.

Borse Asia: Tokyo in rosso dell’1,5%

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, arretra del 2,67%, il China A50 ha terminato con un -2,03% ed il Nikkei ha chiuso con un -1,53%.

Debole l’indice australiano S&P/ASX 200 (-1,93%).

Wall Street chiude in deciso calo

Ieri Dow Jones ha chiuso con un -2,05%, lo S&P500 ha segnato un -2,57% ed il Nasdaq ha lasciato sul campo il 2,61%..

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories