Alleanze europee 2019: con chi sono schierati i partiti italiani?

Quasi tutti i principali partiti italiani fanno parte di un gruppo all’interno del Parlamento Europeo: ecco chi sono gli alleati delle nostre forze politiche in vista di queste elezioni europee 2019.

Alleanze europee 2019: con chi sono schierati i partiti italiani?

Ultime battute di campagna elettorale per queste elezioni europee 2019, con le urne che già giovedì 23 maggio si apriranno in Regno Unito e Olanda mentre da noi si voterà domenica 26 maggio.

Oltre ai dibattiti inerenti tematiche riguardanti più i fatti di casa nostra che di Bruxelles, spesso si è parlato delle varie alleanze a livello europeo dei partiti italiani. Soprattutto per quanto riguarda la Lega, molto attiva nel creare un fronte sovranista ampio e coeso, ci sono state diverse polemiche a riguardo.

Ma chi sono gli alleati dei nostri partiti alle elezioni europee 2019? Al momento tutte le principali forze politiche hanno aderito a uno dei gruppi presenti all’interno del Parlamento Europeo, con soltanto il Movimento 5 Stelle che ancora si trova in una posizione di limbo.

Leggi anche QUALI SONO I GRUPPI NEL PARLAMENTO EUROPEO

Europee 2019: le alleanze dei partiti italiani

In queste elezioni europee i cittadini dei 28 Paesi membri andranno a eleggere i 751 deputati che formeranno il prossimo Parlamento Europeo. A riguardo, l’Italia porterà a Bruxelles 73 deputati.

Ogni europarlamentare poi si andrà a posizionare all’interno di uno dei gruppi, anche se non è obbligatorio visto che esiste il calderone dei Non Iscritti che sono un po’ come il Gruppo Misto nel Parlamento italiano.

Un partito che riesce a superare la soglia di sbarramento può quindi decidere di non entrare a far parte di nessun gruppo. Questo però farebbe venire meno il diritto a ricevere diversi benefici, soprattutto economici in termini di rimborsi elettorali.

Al momento sono otto i gruppi presenti all’interno del Parlamento Europeo, anche se ci potrebbero essere delle novità dopo il voto di queste europee.

SimboloNomeSiglaOrientamentoPartiti italiani presenti
Partito Popolare Europeo PPE Centrodestra, conservatori ed europeisti Forza Italia, SVP, Popolari per l’Italia, Popolo della Famiglia
Socialisti & Democratici S&D Centrosinistra, socialisti ed europeisti Partito Democratico
Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l’Europa ALDE Liberali, centristi ed europeisti +Europa
Gruppo dei Verdi V-ALE Ambientalisti e regionalisti Verdi
Conservatori e Riformisti ECR Destra, conservatori ed euroscettici Fratelli d’Italia
Europa della Libertà e della Democrazia Diretta EFDD Populisti di destra, democrazia diretta ed euroscetticismo /
Europa delle Nazioni e delle Libertà ENF Populisti di destra, sovranisti ed euroscettici Lega
Sinistra Unitaria Europea GUE/NGL Sinistra, comunisti ed euroscettici La Sinistra

In quest’ultima legislatura il Movimento 5 Stelle, al suo esordio a Bruxelles, ha aderito al gruppo EFDD. Giudicato però successivamente troppo spostato a destra, i pentastellati hanno ultimamente ufficializzato il loro addio annunciando la volontà di formare un nuovo raggruppamento dopo le prossime elezioni.

Il gruppo che vede la presenza più ampia di forze politiche nostrane è il Partito Popolare Europeo, da sempre capitanato dal CDU della cancelliera Angela Merkel. Oltre a Forza Italia, ci sono anche Il Popolo della Famiglia, Popolari per l’Italia e gli altoatesini del SVP.

Nel PPE fino a poche settimane fa era presente anche Fidesz, il partito ungherese del premier Viktor Orban. Visti i dissapori con i tedeschi, alla fine il leader magiaro sembrerebbe essere pronto ad abbandonare i Popolari e andare con Matteo Salvini.

Al momento la Lega, insieme al Raggruppamento Nazionale di Marine Le Pen, guida il gruppo EFN. Da tempo però il Carroccio è a lavoro per creare un unico gruppo sovranista insieme all’EFDD, dove sono presenti i tedeschi dell’AfD, i Democratici Svedesi e l’Ukip britannico promotore della Brexit.

Rimanendo sempre in tema di gruppi con un orientamento spostato a destra, Fratelli d’Italia mesi fa ha annunciato la sua adesione all’ECR, gruppo trainato dai Conservatori del primo ministro inglese Theresa May.

Uno dei gruppi più in ascesa è l’ALDE, ovvero i Liberali dove si è andato a posizionare il presidente francese Emmanuel Macron con il suo En Marche!. Per l’Italia ne fa parte +Europa.

Il Partito Democratico invece è uno degli assi portanti di S&D, il gruppo che unisce le varie forze socialiste dell’Unione. Nonostante la crisi dei Socialisti in Germania e in Francia, in Spagna, Portogallo e Regno Unito questi partiti rimangono comunque molto forti.

Con Europa Verde che fa parte del gruppo dei Verdi, trainati dai Greens tedeschi, la nuova lista La Sinistra invece fa parte di GUE/NGL che vede nel presidente greco Alexis Tsipras la propria guida.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Elezioni europee 2019

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.