Wall Street: i titoli caldi di giovedì 1 novembre

I futures sui principali indici azionari statunitensi proseguono in rialzo nella seduta di oggi. L’ufficio studi di Money.it ha individuato alcuni titoli interessanti per l’operatività odierna, focus su Twitter, General Motors e AMD

Wall Street: i titoli caldi di giovedì 1 novembre

I principali futures sugli indici azionari statunitensi proseguono in rialzo nella giornata odierna. In particolare il future sull’indice Nasdaq 100 al momento della scrittura si attesta a 7.003 punti, disegnando una candela inside, appena al di sotto della trendline discendente che delimita il recente calo iniziato dai top segnati nei primi giorni di ottobre.

Per l’operatività odierna si potrebbero implementare strategie di natura ribassista alla rottura dell’attuale minimo della seduta di oggi a 6.951 punti, con stop loss sui massimi della seduta di ieri a 7.039,25 punti. Obiettivo di profitto a ridosso dei minimi segnati con la candela del 29 ottobre a 6.580,50 punti.

Al contrario una rottura del livello dinamico nella giornata odierna deteriorerebbe la struttura di breve ribassista a favore dei compratori. In tal caso un obiettivo di profitto potrebbe essere identificato a 7.200 punti, minimo segnato con la seduta del 30 luglio scorso.

Di seguito una lista dei titoli da monitorare nel corso della giornata selezionati dall’Ufficio studi di Money.it:

  • Twitter: il titolo del social media tra i più famosi al mondo ha disegnato con la seduta di ieri una candela dalle implicazioni ribassiste seppur con chiusura positiva, proprio a ridosso dei massimi segnati nel mese di agosto a 36 dollari. Alla luce della candela ad ampio range di martedì scorso, una rottura del minimo di ieri a 34,35 dollari fornirebbe un segnale short. A tal proposito va evidenziato come primo obiettivo di profitto il gap lasciato aperto tra la seduta del 24 e del 25 ottobre, mentre come obiettivo di profitto più ambizioso il livello statico a 26,65 dollari creatosi con i minimi di aprile e ottobre 2018.
  • General Motors: la seduta di ieri ha aperto in forte gap up attestandosi a 36,59 dollari in chiusura di Wall Street. La candela di ieri ha provocato inoltre la rottura della trendline discendente che accompagna la tendenza ribassista in atto dai top segnati a metà giugno a 45 dollari per azione. Per l’operatività odierna una rottura del minimo di ieri a 35,40 dollari fornirebbe un segnale short da sfruttare su time frame intraday con obiettivo la ricopertura del gap a 33,92 dollari per azione, obiettivo di profitto più ambizioso a ridosso dei minimi a 30,56 dollari segnati durante l’ultima decade di ottobre.
  • AMD: il titolo del settore tecnologico con la seduta di ieri ha segnato una candela dalle implicazioni rialziste a seguito del rimbalzo effettuatosi con la seduta del 30 ottobre. Una rottura dei 19 dollari per azione nella seduta odierna fornirebbe un segnale long che potrebbe consentire ad una ricopertura del gap lasciato aperto tra la seduta del 24 e del 25 ottobre a 22,75 dollari. Obiettivo di profitto più ambizioso nei pressi dei massimi segnati con la candela del 17 ottobre a 28,53 dollari.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Wall Street

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.