Vivere di rendita: consigli utili e guida pratica

Smettere di lavorare e vivere di rendita è davvero possibile? Quale capitale occorre accumulare? In questa guida pratica si possono trovare diversi consigli e suggerimenti utili per iniziare a vivere di rendita.

Vivere di rendita: consigli utili e guida pratica

Un sogno nel cassetto di tutti i lavoratori che vorrebbero definitivamente ritirarsi dal mercato del lavoro è quello di iniziare a vivere di rendita.

Quanto capitale occorre accumulare per smettere definitamente di lavorare? In Italia è davvero possibile farlo dato il livello di tassazione e il costo della vita esoso? Sono tutti quesiti che devono trovare una risposta valida: ognuno di noi necessita di capire se smettere di lavorare sia un obiettivo irrealizzabile a priori o se ci sia una piccola speranza per farlo.

In questa guida dal taglio pratico si possono reperire diversi consigli utili per iniziare a vivere di rendita anche nel nostro paese, senza dover temere il Fisco e senza avere preoccupazioni di portare a casa uno stipendio.

Vivere di rendita: consigli utili

Un interessante consiglio pratico è quello di optare sempre per la diversificazione dei progetti di investimento ed ottimizzare il rapporto rendimento/rischio.

In che modo? Ognuno di noi può tentare di diversificare al massimo i propri investimenti e le proprie fonti di entrata senza portare a casa uno stipendio.

Tra i migliori consigli:

  • acquistare alcuni immobili o fabbricati che possono garantire come introiti la riscossione dei canoni di locazione degli inquilini,
  • lasciare qualche attività in gestione (un bar, un ristorante, una pizzeria etc.),
  • investire e gestire un blog o un magazine o una testata giornalistica,
  • investire in Borsa o fare trading online.

Grazie a questo pool di consigli è possibile ridurre i rischi e fare fruttare il proprio capitale accumulato nel corso del tempo: tra i migliori asset su cui investire rimangono il mattone, le azioni, i Bonds, materie prime, criptovalute, ETF, ETN, ETC, PAC, Polizze assicurative etc.

Grazie ad una strategia diversificata ad hoc, chi aspira a smettere di lavorare può davvero contare sulla possibilità di ottenere un capital gain sulle plusvalenze generate dall’investimento.

Vivere con pochi soldi è possibile?

Se nel paragrafo precedente si sono messi in evidenza i consigli utili per chi vuole smettere di lavorare senza dover rinunciare ad uno standard di vita agiato, c’è chi auspica a vivere con pochi soldi, è davvero possibile?

Tutto è possibile nella vita, l’importante è abituarsi al nuovo modo di trascorrere la giornata e, soprattutto prestare l’oculata attenzione alla gestione delle tasche.

Se si non si ha a disposizione troppo capitale per vivere una vita da vip, occorre seguire i seguenti consigli pratici:

  • evitare di fare debiti e cercare di estinguere o consolidare i debiti pregressi,
  • non sprecare,
  • evitare di acquistare le cose inutili e i beni di lusso,
  • risparmiare anche i centesimi,
  • prestare attenzione alla spesa quotidiana,
  • attenzione alle bollette ed utenze domestiche,
  • creare degli introiti extra.

Anche se si vuole vivere con pochi soldi, è importante e buon consiglio trovarsi delle rendite extra tra cui: guadagnare rispondendo ai sondaggi retribuiti, fare trading online, gestire un blog, redigere articoli come freelance, etc.

Vivere di rendita all’estero

Un altro utile consiglio per smettere di lavorare è emigrare all’estero e vivere di rendita in qualche isola tropicale come le Canarie.
Qui, si può pensare di aprire qualche attività turistico-alberghiera o di ristorazione e beneficiare dei flussi di turisti che ogni anno visitano e prendono d’assalto le spiagge oceaniche.

La vita sulle Isole Canarie costa poco, il livello di tassazione è esiguo e non paragonabile con quello italiano, anche i canoni d’affitto residenziali sono estremamente competitivi (si aggirano sui 400-600 euro).

Conclusioni: si può davvero smettere di lavorare?

Smettere di lavorare per vivere di rendita non è impossibile: la singola storia del blogger Francesco Narmenni è un caso esemplificativo e i consigli pratici riportati nella guida sono validi tips che testimoniano che nulla è impossibile nella vita.

L’importante è capire come si vuole vivere una volta che si è smesso di lavorare: con tanti soldi o pochi soldi? La risposta al quesito dipende dalle varie esigenze personali e dalla capacità di saper accumulare un capitale che funga da “paracadute e cuscinetto di sicurezza”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Risparmio

Argomenti:

Risparmio Investimenti

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.