Sondaggi elettorali: Lega in crisi, risale il M5S

La maggioranza di Governo recupera qualcosa nei confronti del centrodestra, continua il calo della Lega, risale il Movimento 5 Stelle ma non basta.

Sondaggi elettorali: Lega in crisi, risale il M5S

Le ultime intenzioni di voto tratte dalla Supermedia AGI/YouTrend e pubblicate il 5 novembre 2020, indicano la Lega di Matteo Salvini ancora in ribasso, ma non ne approfitta il PD di Nicola Zingaretti. Il Movimento 5 Stelle di Vito Crimi recupera un po’ di terreno su Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, mentre Matteo Renzi stacca Carlo Calenda. I sondaggi elettorali rilevano una diminuzione della forbice tra il centrodestra e le forze politiche di maggioranza.

Sondaggi politici elettorali: cresce solo il M5S

Questa settimana, la Lega perde sei decimali e scende al 24,0%. Tuttavia, non è in discussione la leadership tra i partiti politici, infatti, il Partito Democratico alle sue spalle, cede lo 0,2% e si attesta al 20,7%. Fratelli d’Italia resta fermo al 16,1% e vede il suo vantaggio sul M5S ridursi dello 0,2%, guadagnato dai pentastellati che si portano al 15,2%.

Rispetto alle stime elettorali della Supermedia AGI/YouTrend dello scorso 7 maggio, pochi giorni dopo le prime riaperture post lockdown, la Lega ha perso il 2,7%. Il Partito Democratico ha subito un calo più lieve (-0,6%), ma la grande novità è data dal ribaltamento della situazione al terzo posto. Il M5S al 16,2%, precedeva Fratelli d’Italia di 2,1 punti percentuali, oggi, la forza politica di Giorgia Meloni ha superato i 5Stelle e li precede di quasi un punto.

Gli altri partiti

Questa settimana, Forza Italia cresce dello 0,3% e passa al 6,8%.Italia Viva guadagna lo 0,2% e sale al 3,4%, resta indietro Azione fermo al 3,1% che subisce il sorpasso di La Sinistra, in rialzo di un decimale e che si attesta al 3,2%. Sale +Europa al 2,0% (+0,2%); Verdi stabile all’1,6%.

Confrontando i sondaggi odierni con le intenzioni di voto di sei mesi fa, riguardanti le forze politiche che non sono in doppia cifra, si può notare che quest’ultime sono tutte in crescita. Forza Italia ha guadagnato lo 0,3%, La Sinistra e Più Europa sono salite di quattro decimali, Più Europa è salita dello 0,3%, Italia Viva di Matteo Renzi è cresciuta solo dello 0,1%. Il grande salto lo ha compiuto Azione di Carlo Calenda che ha guadagnato l’1,3%.

Le coalizioni

Questa settimana, l’area della maggioranza di governo sale di due decimali e si porta al 42,3%, mentre perde lo 0,2% l’opposizione di centrodestra che scende al 48,0%. Rispetto a sei mesi fa, le forze politiche che sostengono l’esecutivo hanno perso l’1,2%. Il Centrodestra di cui fa parte anche Cambiamo! di Giorvanni Toti, hanno ceduto tre decimali.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories