Pensione Ape Sociale, i 63 anni non sempre bastano

Lorenzo Rubini

14 Giugno 2021 - 14:02

condividi

Per poter accedere all’Ape sociale non sempre basta aver compiuto i 63 anni e maturato i 30 anni di contributi, anche se si rientra in uno dei profili tutelati.

Pensione Ape Sociale, i 63 anni non sempre bastano

L’Ape sociale, ancora per tutto il 2021, permette il pensionamento al compimento dei 63 anni a chi ha maturato i 30 o 36 anni di contributi ed appartiene ad uno dei profili di tutela previsti dalla normativa di riferimento.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno volevo un’informazione Ho 63 anni e 30 anni di contributi più lavoro notturno la sempre. Quand’è che posso andare in pensione. Grazie”

Pensione con Ape sociale

Per chi vuole accedere all’Ape sociale non sempre il compimento dei 63 anni è sufficiente. Per potersi pensionare con la misura, infatti, è necessario perfezionare anche un certo numero di anni di contributi variabile dai 30 ai 36 in base al profilo di tutela di appartenenza.

All’Ape sociale sono ammessi i disoccupati, gli invalidi, i caregiver ed i lavoratori impegnati in mansioni gravose. Il lavoro notturno, invece, rientra in quelli che vengono definiti lavori usuranti, per i quali è prevista un’altra forma di pensionamento che richiede il compimento di almeno 61 anni e 7 mesi di età congiuntamente alla maturazione di almeno 35 anni di contributi.

Per essere riconosciuti come lavoratori usuranti, poi, è necessario aver svolto la mansione faticosa per almeno 7 dei 10 anni che precedono la pensione. Nel suo caso, quindi, non vi è possibilità di anticipo per la mansione usurante svolta.

Potrebbe, però, con i suoi 30 anni di contributi ed i suoi 63 anni di età, accedere alla pensione con l’Ape sociale se si trova in una delle seguenti condizioni:

  • lavoratore disoccupato a seguito di licenziamento che ha finito di fruire dell’intera Naspi spettante da almeno 3 mesi;
  • lavoratore disabile con percentuale di invalidità pari o superiore al 74%;
  • lavoratore che si prende cura, al momento della presentazione della domanda di pensione, da almeno 6 mesi di un familiare con grave handicap ai sensi della legge 104 del 1992.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it