Pensione di vecchiaia INPS: requisiti ed età pensionabile per il 2021

Teresa Maddonni

12 Marzo 2021 - 19:12

condividi

Pensione di vecchiaia INPS: nulla cambia nel 2021 dal momento che i requisiti anagrafici e contributivi sono gli stessi dello scorso anno. Vediamo nel dettaglio quali sono e come fare domanda.

Pensione di vecchiaia INPS: requisiti ed età pensionabile per il 2021

Pensione di vecchiaia 2021: i requisiti restano gli stessi del 2020 così come sono stati fissati dal 1° gennaio 2019, quando da 66 e 7 mesi si è avuto il passaggio a 67 anni di età necessari per congedarsi dal lavoro.

La pensione di vecchiaia INPS 2021 tuttavia non prevede solo il requisito anagrafico dei 67 anni, ma anche quello contributivo; questa tuttavia non va confusa con la pensione di vecchiaia contributiva.

Per i requisiti, e quindi anche per il calcolo della pensione di vecchiaia, bisogna considerare infatti se si è iniziato a lavorare prima o dopo il 1996, data spartiacque tra sistema retributivo e il contributivo.

Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti, calcolo e come fare domanda per la pensione di vecchiaia 2021.

Pensione di vecchiaia 2021: requisiti e calcolo

Possono accedere alla pensione di vecchiaia 2021 diverse categorie di lavoratori che devono tuttavia soddisfare specifici requisiti anagrafici e contributivi.

La pensione di vecchiaia è la prestazione erogata a tutti i lavoratori, dipendenti e autonomi, che sono iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (AGO) e a tutte le sue forme esclusive, sostitutive, esonerative e integrative, come anche alla Gestione separata INPS.

I requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia nel 2021 sono:

  • 67 anni di età;
  • 20 anni di contributi versati.

Questi sono i requisiti per la pensione di vecchiaia se il lavoratore però ha iniziato a versare i contributi prima del 1° gennaio 1996, data fondamentale questa per il calcolo della pensione di vecchiaia e non solo. In questo caso per il calcolo della pensione si applica il sistema misto.

Per il calcolo della pensione di vecchiaia quindi se i contributi sono stati versati dal 1° gennaio1996 si applica il sistema contributivo puro e pertanto in questo caso i requisiti per accedervi sono:

  • 67 anni di età;
  • 20 anni di contributi;
  • l’importo della pensione spettante deve essere almeno 1,5 volte l’assegno sociale INPS (l’assegno sociale per il 2021 è pari a circa 460 euro e l’importo della pensione spettante dovrebbe essere di almeno 690 euro mensili).

C’è una terza combinazione di requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia, o meglio alle pensione di vecchiaia contributiva.

Se l’ultimo requisito che abbiamo elencato per chi ha iniziato a versare dal 1° gennaio 1996 non viene rispettato, e quindi la pensione spettante è inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, si può uscire dal mercato del lavoro con:

  • 71 anni di età;
  • 5 anni di contributi (non sono compresi quelli figurativi, ma solo quelli effettivi).

Come fare domanda per la pensione di vecchiaia 2021

Ma come fare domanda per la pensione di vecchiaia 2021 a INPS? Partiamo con il dire che per fare domanda per la pensione di vecchiaia non occorre alcun modulo. Il modulo cartaceo per la domanda di pensione AP02 che si può trovare nei meandri del web non è più valido. Infatti INPS lo ha sostituito con il servizio online.

La domanda per la pensione di vecchiaia va inviata tramite uno dei seguenti canali:

  • sito web dell’INPS con il servizio dedicato per l’invio telematico della domanda di pensione;
  • chiamando al numero verde INPS 803 164 (per linea fissa) o 06 164 164 per chi lo fa da linea mobile;
  • rivolgendosi a un patronato o ad altri enti intermediari dell’Istituto.

Per accedere al servizio online per la domanda di pensione di vecchiaia, e per tutte le prestazioni telematiche di INPS, occorre essere in possesso di una delle seguenti credenziali alternative:

Ricordiamo che dal 1° ottobre 2020 INPS non rilascia più nuovi PIN e che non si potranno comunque più usare dal 1° ottobre 2021 terminata la fase di transizione.

Una volta che l’INPS accetta la richiesta di pensione riconosce l’assegno che decorre dal primo giorno del mese successivo al compimento dell’età pensionabile.

Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Iscriviti a Money.it