Parigi, attentato vicino ex sede Charlie Hebdo: cosa è successo

Parigi: un attacco vicino ex sede di Charlie Hebdo ha causato 4 feriti gravi. È caccia all’uomo.

Parigi, attentato vicino ex sede Charlie Hebdo: cosa è successo

Attentato a Parigi oggi: è di 4 feriti gravi il bilancio di un accoltellamento per strada avvenuto nei pressi della ex sede della redazione di Charlie Hebdo. Il governo ha confermato l’attacco, e il ministero dell’Interno ha allestito una cellula di crisi.

È partita la caccia all’uomo nel centro città: sarebbero due gli autori dell’attacco in fuga. L’intero quartiere vicino la Bastiglia è transennato. Le ultime notizie riportano che è stato fermato un uomo sospetto.

Attentato Parigi oggi 25 settembre: cosa è successo

I testimoni oculari raccontano che gli attentatori hanno attaccato in strada muniti di coltello e machete, ferendo gravemente quattro persone.

Scuole e uffici pubblici della zona sono blindati; la polizia locale ha invitato i residenti a non uscire e a tenersi lontani dalla zona di Boulevard Richard Lenoir. Ci troviamo nella zona della vecchia sede di Charlie Hebdo, giornale satirico che è stato bersaglio del fondamentalismo islamico in due occasioni: il 2 novembre 2011, quando nella notte la sede è stata distrutta dal lancio di bombe Molotov, e il 7 gennaio 2015, quando due uomini armati di Kalashnikov hanno fatto irruzione nei locali della sede sparando sui presenti e uccidendo 12 persone tra cui il direttore.

Al momento non sono chiare le cause dell’attacco di oggi e se vi è un legame con il giornale satirico. Nei giorni scorsi Charlie Hebdo ha ripubblicato le caricature su Maometto, alla vigilia dell’apertura del processo per l’attentato di 5 anni fa, per rendere omaggio alle vittime e sfidare gli attentatori. Mossa a cui Al Qaeda ha risposto minacciando nuovi attacchi.

Argomenti:

Francia Terrorismo

Iscriviti alla newsletter

Money Stories