Naspi, è possibile averla fino alla pensione di vecchiaia per un commerciante?

Lorenzo Rubini

30 Luglio 2021 - 19:03

condividi

La Naspi è una indennità che spetta solo ed esclusivamente ai lavoratori dipendenti che perdono involontariamente l’impiego.

Naspi, è possibile averla fino alla pensione di vecchiaia per un commerciante?

Non sempre la Naspi spetta e soprattutto quando viene riconosciuta ha una durata massima di 24 mesi (la durata dipende dai contributi versati nel 4 anni precedenti). Ma esistono altre forme di accompagnamento alla pensione di vecchiaia per i commercianti.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Sono un commerciante, ho 62 anni ed ho 35 anni di contributi, a cui sommare 1 anno di militare e 14 mesi di contributi per malattia. Non percepisco assegno di invalidità , ma percepisco una pensione di reversibilità . Posso accedere alla naspi fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia ?
Quale pensione percepirò alla fine ?
Grazie.”

Naspi o Indennizzo commercianti?

La Naspi è una prestazione che spetta solo ed esclusivamente al lavoratore dipendente che cessa la propria attività lavorativa involontariamente (in caso, quindi, di licenziamento o di dimissioni per giusta causa ma anche di scadenza contratto a termine).

Il commerciante, invece, ha Partita IVA e non risulta essere un lavoratore dipendente. Proprio per questo motivo, anche se cessa la sua attività non ha diritto all’indennità di disoccupazione Naspi.

Ma per i commercianti che decidono di cessare la propria attività commerciale è previsto un indennizzo di accompagnamento alla pensione. Vediamo di cosa si tratta e quando è possibile richiederlo.

L’indennizzo prevede l’erogazione di una somma pari a 516 euro mensili per 13 mensilità fino all’accesso alla pensione di vecchiaia.

Per avere diritto dell’indennizzo commercianti è necessario cessare definitivamente l’attività commerciale riconsegnando al comune l’autorizzazione per l’esercizio della stessa. E’ necessario, poi, aver effettuato la cancellazione dell’attività dal registro delle imprese, da quello della Camera di Commercio e dal ruolo provinciale.

Per avere diritto all’indennizzo è necessario aver versato almeno 5 anni di contributi presso la Gestione previdenziale degli esercenti attività commerciali ed avere compiuto almeno 62 anni se uomini e 57 anni se donne.

A quali commercianti spetta l’IND COM?

Si ha diritto all’indennizzo che accompagna alla pensione solo se l’attività cessata è di tipo commerciale al minuto con sede fissa (esclusi, quindi, coloro che vengono all’ingrosso o che hanno una attività di commercio online) o itinerante. Possono accedere al beneficio anche gli Agenti di Commercio e i commercianti che somministrano al pubblico bevande o alimento.

Avrà, quindi, diritto alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni ma nel frattempo se è in possesso dei requisiti sopra descritti può accedere all’indennizzo per i commercianti che cessano la propria attività.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it