Naspi: cosa accade se apro Partita Iva ed emetto fattura?

Lorenzo Rubini

8 Marzo 2021 - 16:10

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Se si volesse decidere di aprire Partita Iva mentre si percepisce Naspi è conveniente non richiedere l’anticipo dell’indennità?

Naspi: cosa accade se apro Partita Iva ed emetto fattura?

Per i lavoratori che percepiscono la Naspi vi è la possibilità, se si avvia una attività di impresa, di richiedere tutte l’indennità residua non ancora percepita in un’unica soluzione con l’anticipo della Naspi. Ma cosa succede se non si vuole richiedere l’anticipo?

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Un’altra domanda….curiosità
Se apro partita iva, devo per forza richiedere la naspi anticipata o posso comunque (cosa improbabile) continuare a percepirla fino alla fine, nonostante emetta delle fatture e abbia dei guadagni?”

Naspi anticipata oppure no?

Il lavoratore in Naspi ha dei limiti di reddito da rispettare per conservare il diritto all’indennità di disoccupazione mensile e nello specifico per il lavoratore autonomo non possono essere superati i 4800 euro l’anno di introiti.

Tra l’altro i profitti derivanti dalla partita Iva, anche se inferiori ai 4800 euro annui, vengono sottratti dall’importo spettante di Naspi nella misura dell’80% e, quindi, l’importo dell’indennità percepita si riduce al crescere dei guadagni.

Di fatto, quindi, se si intende aprire una partita Iva è necessario, entro 30 giorni dall’inizio dell’attività, comunicare all’INPS i redditi presunti per l’anno in corso.

Proprio per questo motivo l’INPS offre la possibilità di richiedere l’anticipo della Naspi per avviare attività di impresa: in questo modo il lavoratore disoccupato oltre a ricevere l’intero importo residuo della Naspi può fatturare senza limiti e avviare la propria impresa.

Se si richiede l’anticipo della Naspi, infatti, l’unico limite imposto è quello del lavoro subordinato per tutto il periodo residuo di durata dell’indennità (il periodo, quindi, anticipato dall’INPS al lavoratore). Se, infatti, si sottoscrive un contratto subordinato prima del termine della Naspi, quando si è chiesto l’anticipo della stessa, indipendentemente dalla retribuzione o dalla durata del contratto stesso è richiesta la restituzione dell’intero importo dell’anticipo.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

# Naspi

Iscriviti alla newsletter

Money Stories