Imposta sostitutiva finanziamenti: persiste chiunque sia il cessionario

Imposta sostitutiva finanziamenti a medio e lungo termine: nuovi chiarimenti sul regime di tassazione forniti dell’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 17/E/2018.

Imposta sostitutiva finanziamenti: con la risoluzione n. 17/E del 16 febbraio 2018 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per l’applicazione dell’imposta sostitutiva sulle cessioni di crediti a medio o a lungo termine non è necessario che anche il soggetto cessionario rivesta la qualifica di azienda o istituto di credito.

Il chiarimento dell’Agenzia arriva in risposta ad un quesito posto da un notaio, interessato a conoscere se la cessione a titolo oneroso, da parte di una banca a una società, di un credito derivante da un precedente finanziamento a medio termine, garantito da ipoteca e assoggettato a imposta sostitutiva, rientra nel regime sostitutivo di cui agli articoli 15 e seguenti del Dpr 601/1973.

In particolare l’istante vuole capire se la qualifica di azienda e istituto di credito debba essere rivestita solo dal cedente, o anche dal cessionario del credito.

Vediamo di seguito nel dettaglio il chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 17 pubblicata il 16 febbraio 2018.

La soluzione interpretativa prospettata dal contribuente

Il notaio istante ritiene applicabile il regime di tassazione con imposta sostitutiva sui finanziamenti, previsto dagli articoli 15 e seguenti del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601 anche nel caso in esame, in cui il cessionario è un soggetto diverso da una azienda o istituto di credito.

Questo grazie alla nuova formulazione della norma modificata dall’articolo 22 comma 2, lettera a) del decreto legge n. 91 del 2014 che, a parere dell’istante, riconduce nell’ambito dell’agevolazione:

tutte le cessioni di crediti e contratti soggetti ad imposta sostitutiva, nessuna esclusa, …, in quanto comprese nelle cessioni “successive” (alle operazioni di finanziamento), quelle anche non giustificate da autonoma causa di finanziamento, ma unicamente aventi ad oggetto contratti e crediti rivenienti da dette operazioni, e senza alcuna limitazione quanto ai requisiti soggettivi del cessionario del credito o contratto.

Il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate prima di rispondere al quesito che gli è stato posto dal notaio istante specifica che con le modifiche apportate dal decreto legge n. 91 del 2014, è stato ampliato l’ambito applicativo del regime sostitutivo dell’imposta sui finanziamenti di cui al successivo articolo 17 del DPR n. 601 del 1973.

In considerazione delle modifiche normative intervenute l’Amministrazione finanziaria ha ritenuto che l’effetto sostitutivo derivante dall’applicazione dell’imposta sui finanziamenti operi, tra l’altro, con riferimento alle cessioni di credito derivanti da finanziamenti soggetti ad imposta sostitutiva ed ai trasferimenti di garanzia posti in essere dalle banche (nonché dagli altri soggetti “qualificati” individuati dalle norme in argomento), a prescindere dalla natura del soggetto cessionario.

L’Agenzia infine spiega che l’articolo 15 non prevede quale condizione per l’applicabilità del regime sostitutivo particolari requisiti in capo al soggetto cessionario del credito e subentrante nella relativa garanzia.

Pertanto, anche l’atto di cessione del credito derivante da un finanziamento soggetto a imposta sostitutiva e di trasferimento della relativa garanzia ipotecaria, da una banca a favore di una società, diversa da aziende e istituti di credito, può beneficiare dell’effetto sostitutivo previsto dall’articolo 15.

Si allega di seguito la risoluzione n. 17/E dell’Agenzia delle Entrate pubblicata il 16 febbraio 2018.

Risoluzione n. 17/E dell’Agenzia delle Entrate del 16 febbraio 2018
Ecco la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate pubblicata il 16 febbraio 2018 che fornisce chiarimenti sull’applicabilità del regime sostitutivo d’imposta sulle cessioni dei crediti sorti a seguito della concessione di finanziamenti a medio o a lungo termine

Iscriviti alla newsletter

Money Stories