Fintech in Italia: le startup più interessanti nel 2019

L’innovazione finanziaria nel settore del credito, dei pagamenti e degli investimenti ha conquistato anche l’Italia. Conosciamo le startup e i servizi più interessanti dell’ecosistema fintech.

Fintech in Italia: le startup più interessanti nel 2019

In Italia ci sono circa 8.900 startup innovative, 235 delle quali nel 2017 erano categorizzabili come realtà Fintech. Stando ai dati di Italiafintech, nel 2018 le fintech italiane hanno raccolto quasi 200 milioni di euro, quadruplicando i numeri dell’anno prima, e proprio da noi si è registrato il più alto investimento di venture capital pari a 100 milioni.

Sempre nel 2018 sono stati 11 milioni (ossia 1 su 4) gli italiani che hanno utilizzato almeno un servizio fintech e ne sono rimasti soddisfatti. A ottenere il maggior gradimento sono risultati i servizi di pagamenti mobile, quelli per la gestione del budget familiare, i trasferimenti P2P e i chatbot.

In Italia l’ecosistema finanziario è in continua evoluzione grazie al digitale che favorisce la nascita di servizi innovativi e fa emergere nuove relazioni tra utente, imprese e istituti bancari. Tecnologie come la blockchain e i roboadvisor, tanto per dirne alcune, stanno cambiando il modo in cui banche e assicurazioni rispondono alle esigenze del cliente, puntando sempre più a un rapporto di coopetition con le fintech grazie anche alle API aperte.

Ed è proprio dello stato del fintech in Italia - numeri, player e risorse che si parla nel nuovo ebook redatto da Fintastico e Specialisti del Web, disponibile online per il download gratuito. Questo speciale lavoro a più mani, utile strumento informativo per gli appassionati di tecnologia, finanza e fintech, ci offre anche una panoramica molto interessante su quelle che sono oggi le migliori startup fintech in Italia. Così continua il nostro viaggio alla scoperta delle eccellenze dell’innovazione made in Italy: dopo aver visto quali sono le migliori startup dove lavorare in ambito digital e tech, ecco le fintech più interessanti nel 2019 secondo Fintastico e Specialisti del Web.

Le migliori startup fintech in Italia

Axieme
La startup torinese, fondata nel 2016, è il primo social delle assicurazioni in Italia che riunisce i propri clienti in cerchie, dove si scambiano informazioni su sinistri accaduti e scadenze polizze. In quanto intermediario indipendente consente di visionare e scegliere la migliore soluzione assicurativa e, appunto, condividere le informazioni con gli altri utenti della community in un meccanismo di giveback. In base a quanti sinistri accadono nella cerchia e quante persone ne fanno parte si ottiene un rimborso in contanti più o meno alto.

Axyon AI
È la piattaforma di intelligenza artificiale che sviluppa modelli di Deep Learning user-friendly per aziende data-driven. Axyon AI in poco più di due anni dalla sua fondazione, ha già ricevuto importanti riconoscimenti: ha ricevuto oltre un milione e mezzo di finanziamenti e vinto premi come Innovative Finance Global Summit - AI prize e finalista al Nvidia GTC 2018 Inception Awards.

Big Profiles
Nata da una ricerca accademica all’Università Roma Tre, Big Profiles parte dalle informazioni basilari dei clienti a disposizione delle aziende per poi arricchirli con altri pacchetti dati acquisiti da social network, open data e altre fonti dati per mappare le persone in maniera dettagliata in modo tale che banche e assicurazioni possano ridefinire il target di clientela ed elaborare le migliori strategie di marketing. La stratup è stata invitata a partecipare al G7 AI di Montreal come membro della delegazione italiana.

CashMe
CashMe è l’innovativa piattaforma di invoice trading al servizio delle piccole e medie imprese che consente di monetizzare subito le fatture commerciali senza ricorrere al sistema bancario. Il tutto avviene online, in modo semplice, veloce, flessibile e conveniente dal punto di vista economico.

Chainside
Con Chainside, startup romana fondata nel 2017, i commercianti possono accettare pagamenti in Bitcoin in modo sicuro e semplice sia sull’ecommerce del punto vendita sia nel negozio fisico grazie a un particolare POS che permette di accettare transazioni istantanee in criptovaluta. È stata eletta Miglior startup all’Ericsson Garage Startup Challenge di Stoccolma.

Conio
La fintech della compravendita di Bitcoin fondata da Christian Miccoli, ex AD di Che Banca, e Vincenzo Di Nicola ha l’obiettivo di rendere la moneta elettronica semplice da comprendere e utilizzare. Offre agli istituti finanziari soluzioni integrate per la gestione e la custodia sicura degli asset digitali, dai wallet di criptovalute ai protocolli blockchain.

Credimi
È la piattaforma di factoring digitale per le aziende, esempio virtuoso di come la finanza digitale può aiutare le piccole e medie imprese grazie a una fonte di finanziamento aggiuntiva, veloce, semplice e senza costi fissi. Nata nel 2015, Credimi ha oggi a disposizione fondi sufficienti all’erogazione di 300 milioni di finanziamenti alle imprese potendo contare su importanti fondi di gestione del risparmio come Banca Generali e Anima.

CrowdFundMe
La piattaforma di equity crowdfunding fondata da Tommaso Baldissera Pacchetti e Benedetto Pirro fa incontrare le migliori startup e PMI in cerca di fondi per crescere e il pubblico di investitori a caccia di interessanti opportunità di guadagno. È la prima società del settore ad aver avviato il roadshow per lo sbarco in Borsa, sul listino AIM. Abbiamo raccontato la loro crescita qui: Storia di CrowdFundMe, da startup autofinanziata a società quotata in Borsa

Domec
Domec opera nel settore dei sistemi innovativi di pagamento e della loyalty digitale. Offre soluzioni che consentono alle aziende partner di ingaggiare clienti incentivando la frequenza di spesa e lo scontrino medio, di fidelizzarli e di definire offerte sempre migliori e personalizzate.

EasyTax Assistant

Ritorna anche nella lista delle fintech più interessanti, dopo aver conquistato un posto in quella delle migliori startup dove lavorare. EasyTax Assistant è un vero e proprio assistente che semplifica la nostra vita fiscale. Ci dice infatti quante e quali tasse paghiamo, a quali agevolazioni abbiamo diritto, qual è il risparmio fiscale previsto (RFP) per ogni spesa inserita, ma non solo: offre strumenti come dizionario fiscale, tessera sanitaria virtuale, calcolo busta paga e TFR, così da aiutarci a capire e gestire tutte le problematiche fiscali.

Soisy
Soisy è l’unica piattaforma italiana di social lending con cui pagare a rate gli acquisti su internet in modo agevole, vantaggioso e innovativo. In pratica i clienti degli e-commerce convenzionati possono fare il loro shopping online rateizzando la spesa grazie al prestito da privati (p2p lending) che finalmente possono investire in prestiti finalizzati agli acquisti online.

Leggi la nostra intervista a Pietro Cesati, Ceo e founder di Soisy

SplittyPay
Noi lo abbiamo rinominato il PayPal delle collette online poiché SplittyPay, la piattaforma di shared payments, è diversa dai servizi simili a cui siamo abituati. La giovanissima startup, fondata ad aprile 2018 da Alberto Porzio e Matteo Anthony Destantini, offre un metodo di pagamento installato direttamente sulla pagina carrello dell’e-commerce dove l’importo può essere splittato su più transazioni (fantastico per le collette tra amici) e prelevato da due diverse carte di credito.

Two Hundred Crowd
In classifica troviamo un altro portale di equity crowdfunding: 200 Crowd, tra le piattaforme migliori in Italia per campagne di successo, capitali raccolti e numero di investitori. Di recente 200Crowd ha annunciato la sua specializzazione nel fintech: dopo aver lanciato la campagna record di Soisy, sarà il portale di riferimento per le imprese fintech che si rivolgono all’equity crowdfunding per crescere.

Walliance
Tra le piattaforme di equity crowdfunding immobiliare spicca Walliance, la prima del settore ad aver ottenuto l’autorizzazione in Italia. Qui gli utenti possono investire nel mattone, ma online: basta registrarsi, visionare i progetti immobiliari e la loro scheda informativa (modello di business, storia, team, obiettivi) e procedere con il finanziamento, che può essere anche di soli 500 euro.

Nella lista troviamo infine:

  • Ekuota
  • Euclidea
  • Fifty Finance
  • Flywallet
  • Helperbit
  • Kellify
  • LoanXchain
  • Mioassicuratore
  • MDOTM
  • Neosurance
  • Oval Money
  • Poleecy
  • Rataran
  • Soldo
  • Yolo

Per ulteriori dettagli e informazioni vi invitiamo a consultare l’ebook.

Iscriviti alla newsletter Fintech per ricevere le news su Startup

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \