Equity Crowdfunding: le migliori piattaforme in Italia nel 2019

Bypassare banche e ottenere finanziamenti dagli utenti del web, attraverso portali che fanno incontrare startup e finanziatori: ecco le migliori piattaforme di crowdinvesting in Italia.

Equity Crowdfunding: le migliori piattaforme in Italia nel 2019

Equity Crowdfunding, ovvero sostenere le startup innovative e le PMI investendo una somma di denaro in cambio di quote societarie (equity) attraverso siti internet autorizzati che svolgono il ruolo di intermediari tra la folla e le imprese.

La raccolta fondi tramite questi portali è un fenomeno che anche in Italia sta trovando terreno sempre più fertile. Pensiamo che, se nel 2017 il crowdfunding azionario nel nostro Paese ammontava a 11.586 milioni di euro, il capitale totale effettivamente raccolto nel 2018 attraverso l’equity crowdfunding è più che triplicato, raggiungendo i 36 milioni di euro. E la crescita non si arresta: i dati ci dicono che nel primo semestre del 2019 i portali di equity crowdfunding più attivi in Italia hanno già realizzato 25,4 milioni di euro di raccolta.

Investire nelle imprese tramite forme di finanza alternativa conviene ai finanziatori anche perché possono usufruire di agevolazioni e benefici fiscali sia in caso di persone fisiche che di aziende.

Conosciamo meglio le migliori piattaforme di equity crowdfunding del 2019 autorizzate da Consob: la nostra Top 5 per orientarsi nell’universo degli investimenti alternativi.

1. CrowdFundMe

Al 1° posto della nostra personale top list troviamo CrowdFundMe, la prima piattaforma di equity crowdfunding in Italia per numero di investitori e prima del settore a quotarsi in Borsa.

Un 2018 costellato di successi per il portale fondato da Tommaso Baldissera Pacchetti, diventato in pochi anni il sito di riferimento per gli investitori retail. Tra le aziende lanciate da CrowdFundMe troviamo CleanB&B, startup leader per la gestione di affitti brevi e case vacanza; Glass2Power, che ha sviluppato la tecnologia per le finestre fotovoltaiche del futuro e toccato il record per volume di capitale raccolto tramite equity crowdfunding in Italia; InSilicoTrials, che si occupa della simulazione online di test per farmaci, e Userbot, avanzato sistema di intelligenza artificiale per ottimizzare il rapporto tra aziende e consumatori. La somma di tutto ciò porta CrowdFundMe a vantare un tasso di successo per le proprie campagne pari al 70%.

Su CrowdFundMe è possibile scambiare quote senza passare dal notaio o dal commercialista, tramite il regime alternativo di intestazione quote. Il servizio è disponibile grazie all’accordo con Directa SIM. Per maggiori dettagli leggere Equity crowdfunding: come scambiare quote (rubricazione).

2. Mamacrowd

Il 2° posto della nostra classifica è occupato da Mamacrowd, la piattaforma nata nel 2016 e gestita da SiamoSoci che nel 2019 conferma il suo primato nel settore quanto a capitale raccolto e numero di campagne chiuse con successo.

Tra le campagne più rappresentative dell’anno in corso non possiamo non citare quelle di StartupItalia, EpiCura e Green Energy Storage 2, che in totale hanno sfiorato i 6 milioni di capitale raccolto.

Mamacrowd in Italia è anche uno dei portali più attenti al settore della green economy e tra i più attivi nel proporre progetti con impatto positivo sull’ambiente.

3. 200 Crowd

In Italia è la piattaforma di riferimento per l’ecosistema fintech. Stiamo parlando di 200 Crowd, ex Tip Ventures, che con 2,261 milioni di euro di capitale raccolto nel 2018 rientra tra le prime 6 piattaforme per raccolta di capitale (Fonte: 3° report Crowdinvesting 2018 del PoliMi).

Il portale fondato da Matteo Masserdotti ha ospitato campagne di successo come quelle di SplittyPay, GrowishPay e Soisy, e di recente ha superato 1.900.000 euro di raccolta da oltre 900 investitori con la campagna di Sixth Continent, Social-Commerce che aumenta la capacità di acquisto delle persone e le performance degli investimenti pubblicitari delle aziende.

All’interno del portale ogni opportunità d’investimento ha una pagina dedicata che riassume le informazioni dell’offerta, il video di presentazione e il kit dell’investitore contenente business plan e dati societari. Tutte le campagne sono di tipo “All-or-Nothing”, quindi devono raggiungere il loro obiettivo minimo per considerarsi chiuse, altrimenti gli importi vengono restituiti gratuitamente agli investitori.

Su 200 Crowd hanno trovato posto diverse campagne di prodotti high-tech: Laila, l’Intelligenza Artificiale in grado di automatizzare la comunicazione in azienda; KeelCrab, il drone di Aeffe srl per la pulizia e l’ispezione di scafi di imbarcazioni; Alfonsino, il 1° chatbot dedicato al food delivery. Senza dimenticare Wayonara, il primo progetto di travel social commerce che consente di pianificare e prenotare viaggi e mezzi di trasporto sulla base delle esperienze condivise dagli altri utenti.

4. StarsUp

StarsUp è stato il primo portale in Italia a essere autorizzato da Consob per la raccolta on line di capitale di rischio da parte di startup innovative.

La piattaforma ha pubblicato oltre 40 offerte, raccolto più di 4 milioni e 700 mila euro di capitali e attirato più di 660 investitori.

Qui hanno trovato posto diversi progetti di startup innovative chiusi con successo, come Triscovery che permette di gestire e prenotare le esperienze nautiche; Ponics srl, che che opera nel settore dell’agricoltura 4.0; SkyAccounting di SkyMeeting SPA, software cloud di fatturazione e contabilità per commercialisti, aziende e partite IVA; il casco intelligente di SafeWay Helmets; UpSens, famiglia di dispositivi che grazie a particolari sensori rilevano la qualità dell’aria e il livello di smog elettromagnetico.

5. Walliance

Walliance è la prima piattaforma italiana di equity crowdfunding per il Real Estate che permette agli utenti di scegliere direttamente online il progetto immobiliare di proprio gradimento e su cui investire anche solo 500 euro. Il tutto comodamente da casa via computer o smartphone.

Trentina di nascita e autorizzata da Consob nel marzo 2017, finora Walliance ha già raccolto più di 11 milioni di euro di investimenti e finanziato 10 progetti, posizionandosi al terzo posto dei top player italiani per finanziamenti tramite equity crowdfunding.

Tra le campagne di maggior successo citiamo quella di Palazzo Cavour a Firenze (1.204.723€ raccolti), la realizzazione dell’edificio misto residenziale/commerciale a Wynwood, Miami (1.408.800€), i progetti di Giuseppe Gatti nelle principali città italiane (1.267.500€), il palazzo dell’archistar Roman Delugan in Alto Adige, il resort Cala Blu a Jesolo Lido, lo Smeralda Village in Sardegna, e il residence composto da 6 edifici ad Agrate Brianza. Tutti questi progetti hanno raccolto adesioni per oltre un milione di euro ciascuno chiudendo in overfunding.

Il mercato del real estate Il crowdinvesting del mercato immobiliare è un comparto promettente (nel mondo vale 4,3 miliardi di dollari e punta ai 300 miliardi entro il 2025 - stime Forbes), e lo è ancora di più in un Paese come l’Italia, tanto attaccata al caro vecchio mattone, ma con un patrimonio immobiliare che necessita di importanti interventi per la riqualificazione sia edilizia che energetica.

Leggi anche Differenze tra equity crowdfunding e lending crowdfunding

Iscriviti alla newsletter Fintech per ricevere le news su Crowdfunding

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.